Home Bici Sun Trip: 12mila chilometri di corsa in e-bike solare

Sun Trip: 12mila chilometri di corsa in e-bike solare

1
CONDIVIDI

Una e-bike solare per Sun Trip. La corsa di 12 mila chilometri dalla Francia alla Cina. In sella a una bici alimentata a energia solare per 49 giorni, con partenza a Lione e arrivo a Guangzhou

Francia-Cina in 49 giorni con una e-bike a energia solare. Da Lione a Guangzhou sono più di 12 mila chilometri, tutti da percorrere con la sola assistenza dell’energia rinnovabile. E certe volte nemmeno quella. Infatti con le alte temperature le batterie potrebbero surriscaldarsi e rompersi. Questo e molto altro è Sun Trip, la competizione nata per promuovere le energie rinnovabili.

Il vincitore dell’edizione 2018 della Sun Trip è il belga Raf Van Hulle, 43 anni e una bici alimentata a energia solare. Un pannello inserito sul manubrio e uno sul rimorchio dietro. La sua bici è stata assemblata grazie all’aiuto delle aziende Unikuu e Hyundai Elevator. Una prima volta per questa corsa difficile che già promette di raddoppiare nel 2019 sullo stesso percorso. Dodicimila chilometri da Lione fino alla città cinese meridionale di Guangzhou in circa un mese e mezzo.

Come è la e-bike di Raf?

La bici che Raf utilizza quotidianamente aveva già percorso più di 150.000 km e ha iniziato a consumarsi. Non era indicata per una gara che arrivasse fino in Cina. Con il supporto di diverse aziende ha messo insieme un budget per la ricerca e il design. Così ha potuto creare la sua bici togliendole 20 chili di peso.

Con innovazioni tecnologiche, celle solari di migliore qualità e più flessibili. Nonostante i vantaggi aerodinamici di una bici reclinata, rimane fedele alla classica posizione diritta dei piloti. Con un manubrio più basso e un telaio più piccolo, ora è ancora più reattiva e veloce. La sua bici è progettata per funzionare fino a 400 km al giorno da aprile a settembre. Sole permettendo. In una giornata nuvolosa l’autonomia scende a 200-250 km.

Trenta e-bike nel deserto

«Sono molto felice di aver vinto, ma anche di non aver danneggiato la mia bicicletta, che è piuttosto costosa», ha dichiarato Van Hulle alla France Presse all’arrivo a Guangzhou, venerdì 3 agosto.

Il viaggio suo e degli altri 38 partecipanti alla corsa ha attraversato Germania, Ucraina, Russia, Kazakistan e infine la Cina. Le tappe quotidiane prevedevano pedalate di circa 270 chilometri in media. Non sempre il supporto elettrico era presente, come nel caldo del deserto del Gobi, dove con oltre 40 gradi di temperatura ha dovuto evitare di surriscaldare la batteria della sua bicicletta. Al momento della partenza a Lione di metà giugno era stato fissato un tempo massimo di 100 giorni. Più del doppio di quanto impiegato dal belga Raf.

«Ma che piacere piantare la tua tenda di fronte a paesaggi incredibili» ha dichiarato ancora Van Hulle, sottolineando l’ottima accoglienza ricevuta dalle popolazioni incontrate «molto incuriosite dalla mia bici». In questo momento, compresi gli abbandoni, trenta concorrenti sono ancora in gara. Tra loro c’è anche la più anziana dei concorrenti. Si chiama Françoise Denel e ha quasi 70 anni oltre ad essere affetta da una neuropatia.

Una Sun Trip ogni anno

Gli organizzatori francesi della «Sun Trip» hanno iniziato questo tipo di gare nel 2013 per promuovere l’energia rinnovabile. Le precedenti edizioni hanno visto i partecipanti correre da Lione al Kazakistan e alla Turchia. Per la prima volta il traguardo era in Cina. «Questa performance dell’energia solare applicata alla mobilità e al ciclismo è un successo per lo sviluppo delle energie rinnovabili», ha spiegato Florian Bailly , fondatore di Sun Trip. La scelta della Cina come meta finale è stata dettata non solo perché è la nazione che ha il primato negativo di emissioni di gas serra, ma anche perché è virtuosamente prima per investimenti nell’energia solare, ha precisato Bailly. Le iscrizione per l’edizione 2019 sono già aperte sul sito di Sun Trip.

1 COMMENTO

  1. Piccola precisione: la frase ‘….. questa corsa difficile che già promette di raddoppiare nel 2019 sullo stesso percorso…’ non è corretta.
    Nel 2019 l’itinerario sarà di circa 1200km tra Francia e Italia, con un tracciato più breve alla portata di (quasi) tutti.
    Io mi sono già iscritto….

Comments are closed.