Home Nautica Sul lago Balaton i motori elettrici delle barche parlano italiano

Sul lago Balaton i motori elettrici delle barche parlano italiano

0
CONDIVIDI
barca elettrica
La barca elettrica in navigazione sul Balaton

Sul lago Balaton, in Ungheria, i motori delle barche elettriche parlano italiano. Sono quelli di Franco Moro, titolare della Huracan Power, e “vecchia” conoscenza di Vaielettrico per i suoi motori marini, ma pure per le e-bike.

Sul lago Balaton navigano le barche elettriche

Noi italiani dobbiamo guardare con interesse all’Ungheria dove ci sono leggi e norme che promuovono la nautica elettrica nelle acque interne. L’esempio più famoso è il Lago Balaton, una meraviglia naturalistica carica di storia, dove è chiaro il contributo italiano alla transizione elettrica.

Huracan Power ha fornito gli  Argon Speed da 30 kW

Franco Moro ha fornito sei motori per tre barche che navigano sul Balaton: “Sono fuoribordo Argon Speed (qui il link con la scheda tecnica Ndr) da 30 kW ciascuno – spiega il costruttore italiano – alimentati da un pacco batterie da 22 kWh“.

Barca elettrica
I due Argon Speed del costruttore italiano Huracan Power

Questo il sistema di propulsione che spinge una barca da tre tonnellate. “La velocità media utilizzata nel Balaton è di cinque nodi, può andare a nove. Non è fatta per planare, ma per un dislocamento veloce“.

La collaborazione di Moro è con la filiale ungherese del cantiere polacco Parker che mette a disposizione le barche che poi vengono dotate dei motori elettirci idonei alla navigazione sul Balaton. C’è movimento: “Gli ungheresi hanno il polso della situazione e mi dicono che il mercato cerca e vuole motori elettrici – spiega Moro -. Ci sono molte opportunità di sviluppo“.

Due motori per barca per avere la massima sicurezza

Barca elettricaLa barca elettrificata da Huracan Power è il Parker 850 e-Voyager, ma come si legge nel sito dei produttori ungheresi sono disponibili anche il Parker 630 Day Cruiser e il Parker 690 Day Cruiser. Ogni Parker 850 e-Voyager è dotato di due motori per una questione di sicurezza.

Portano dieci passeggeri più il pilota e sono molto richiesti anche dagli hotel che offrono il servizio di trasporto ai clienti che scelgono questa località turistica – ci racconta Franco Moro – che viene valorizzata anche attraverso la scelta di questa mobilità ad emissioni zero“. Che speriamo si intensifichi anche nelle acque interne italiane.

LEGGI ANCHE: Tesla in acqua? Per il momento il manager, a vela con Torqeedo