Home Nautica Stop ai fumi delle navi in porto con i 700 milioni del...

Stop ai fumi delle navi in porto con i 700 milioni del Pnrr

3
CONDIVIDI
Dalle barche esce veleno
Fumi traghetti

Stop a breve (pochi anni) ai velenosi fumi delle navi. Almeno nei porti, e se i progetti si trasformano in cantieri e opere. I soldi ci sono: 700 milioni di euro del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) già assegnati a decine di scali italiani.

La ricetta? Il Cold ironing ovvero l’elettrificazione delle banchine che permettono di spegnere i generatori alimentati a combustibili fossili e far funzionare il sistema con l’energia elettrica. A emissioni zero.

In Gazzetta Ufficiale i 700 milioni

Il decreto è stato approvato il 13 agosto, ma la pubblicazione in gazzetta ufficiale è dei giorni scorsi. Gli stanziamenti ci sono e pure i progetti (particolare non secondario).

Nel bollettino troviamo quattro righe, ma abbastanza chiare e con i numeri: “Si tratta di complessivi 675,63 milioni di euroe di questi “326,43 milioni di euro sono stati destinati alle regioni del Sud (circa 48,32%) e 349,20 milioni di euro per interventi delle regioni del Centro – Nord (circa 51,68%)“.

Cinquanta milioni al progetto “Stretto Green”

tanto fumo dai camini
Fumi in un porto

Sempre al Sud vengono dedicati 50 milioni di euro all’efficientamento energetico. Cosa vuol dire? Siamo andati a vedere nell’allegato dove scopriamo che sono fondi dedicati all’area dello Stretto, il progetto “Stretto green – transizione energetica della mobilità marittima nell’area dello Stretto”.

In concreto dei 50 milioni 30 sono destinati all’elettrificazione delle banchine portuali. Altri 20 sono destinati a un deposito costiero di Lng (gas naturale liquefatto). Sul tema, viste le esperienze nel Nord Europa (leggi qui), abbiamo scritto di una proposta per una conversione dei motori in elettrico (leggi qui). Non solo zero emissioni in porto, ma anche in navigazione.

Il ministro Giovannini: “Cold ironing essenziale per abbattere le emissioni”

Giovannini
Il ministro Enrico Giovannini

Il ministro del Mims (infrastrutture e mobilità sostenibili) Enrico Giovannini pensa positivo. “Il cold ironing è essenziale per abbattere le emissioni, migliora la qualità dell’aria e riduce il rumore nei porti”. Parole offerte alla rivista ShipMag. Faranno piacere ai comitati dei cittadini di Napoli, La Spezia e altre città portuali che si battono contro il grave inquinamento prodotto nei porti.

E gli armatori? Abbiamo intervistato il presidente di Assarmatori Stefano Messina che promuove l’elettrico (leggi qui), ma punta sui finanziamenti necessari per ammodernare le flotte.

Tutti i porti interessati dai finanziamenti

Abbiamo letto l’allegato al decreto per individuare tutti i finanziamenti – oltre le banchine si elettrificano anche le gru piazzate nei moli – in milioni di euro.

Eccoli: la Spezia (17,5), Livorno (46), Piombino (16), Portoferraio (16), Civitavecchia (80), Napoli (25), Salerno (15), Gioia Tauro (2), Cagliari (33), Olbia (21,5), Golfo Aranci (2,4), Porto Torres (12,7), S. Teresa di Gallura (0,5), Portovesme (0,5), Palermo (32), Trapani (6), Termini Imerese (6), Porto Empedocle (3), Catania (56,5), Augusta (32,6), Taranto (55), Ancona (7), Pesaro (0,5), San Benedetto del Tronto (0,5), Ortona (2,5), Pescara (0,5), Ravenna (35),Trieste (24), Monfalcone (7), Porto Nogaro (7,4), Siracusa (18), Gela (1,5).

Citiamo a parte Venezia Marghera (57,6) e Venezia (32,2) dove non dovrebbe mancare l’energia a breve. Eppure il Comune punta solo sui “vaporetti” ibridi. Sarebbe da capire meglio questa scelta.

—-Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube

Apri commenti

3 COMMENTI

  1. Ed invece per le raffinerie di petrolio vicino a centri abitati tutto è permesso, basta che continuino a pagare le royalties multimilionare a regione, provincia ecc.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome