Home Nautica Spirit 44E: nelle vele “solari” il segreto per navigare a impatto zero

Spirit 44E: nelle vele “solari” il segreto per navigare a impatto zero

0
CONDIVIDI

Spirit 44E la barca con il motore elettrico e i pannelli solari integrati nelle vele. Siamo in Gran Bretagna nel cantiere del costruttore Spirit Yachts.

Spirit 44E la possiamo definire una barca elettro-solare perché l’obiettivo è farla navigare solo con la spinta dell’energia del sole. Natante autosufficiente grazie alle nuove tecnologie che permettono di massimizzare produzione di energia e consumi. La filosofia la riassume bene Nigel Stuart, direttore generale di Spirit Yachts: “L’obiettivo è raggiungere la totale autonomia. Ho intenzione di utilizzare le banchine solo eccezionalmente”. Autoproduzione e solo in emergenza fare il pieno in banchina.

Prima l’ibrido, ora il full electric 

Al cantiere Spirit Yachts, fondato nel 1993,  già da tempo pensano alla transizione a emissioni zero. Sono partiti con un sistema ibrido in Spirit 111, lo yacht a vela iniziato a costruire nel 2017 e consegna prevista nell’estate 2019. “Vogliamo che sia il più ecologico possibile e consentire al proprietario di usare il minimo indispensabile di carburante”. Un progetto altamente green  perché non si limita solo alla sostituzione del motore: “Valutiamo tutti i componenti – dicono dal cantiere – dall’uso del legname sostenibile al sistema di riscaldamento ad acqua, l’isolamento del frigo/ congelatore, vele, argani, illuminazione e tanti altri interventi per ridurre i consumi”.

Un motore da 100 kW

Spirit 111 è l’ammiraglia “eco yacht”, sistema ibrido ma con un motore elettrico Torqeedo da 100kW che garantisce 40 miglia a 8 nodi con una batteria al litio BMW i3. L’accumullatore si rigenera durante la navigazione grazie alla rotazione dell’elica. Per Nigel Stuart “In 44E stiamo applicando le lezioni apprese con Spirit 111 ovvero adatteremo gli stessi principi, ma su uno yacht più piccolo. L’assenza di idrocarburi e le vele solari ci consentiranno di fare un passo avanti verso uno yacht completamente sostenibile “.

Due pannelli da 30,4 kWh più le vele “solari”

Spirit 44E è lunga 13,4 metri ed è dotata di due pannelli solari, sul retro del ponte, che verranno utilizzati per ricaricare la batteria agli ioni di litio. Il sistema fornito da Ocean Volt, composto da 16 moduli di 1,9 kWh per 30,4 kWh in totale, alimenta il motore elettrico Sail Drive da 15 kW. Infine tutta l’illuminazione a bordo è a LED e l’aria condizionata utilizza velocità variabili con opzioni eco.

Vele riciclabili come fonti energetiche

L’elemento più interessante di Spirit 44E sono le vele 4T Forte, con materiale riciclabile, che dovrebbero diventare la fonte primaria di energia della barca. Merito della collaborazione con OneSails GBR, specialista nei tessuti per le vele. “Stiamo esplorando l’uso dei più recenti pannelli fotovoltaici a celle solari sottili – spiega il manager John Parkerche possono essere integrati nelle vele OneSails 4T FORTE come fonti di produzione di energia elettrica“.

Il cronoprogramma prevede il varo a inizio 2020, i lavori sono iniziati nel cantiere Spirit Yachts nel Suffolk. Per quanto riguarda la disposizione degli spazi interni sono previste due cabine per quattro ospiti. Insomma si può organizzare una crociera con amici o la famiglia e con un basso impatto ambientale.

LEGGI ANCHE: I croati di Salona con i finlandesi di Oceanvolt: insieme per la vela elettrica