Home Alla ricarica Software canaglia: problemi alla wall-box di VW

Software canaglia: problemi alla wall-box di VW

6
CONDIVIDI
Una wall-box della Volkswagen, distribuita dalla società controllata Elli.

Software canaglia. Dopo i problemi e i ritardi  accusati nella messa a punto della ID.3, la Volkswagen deve intervenire anche sulla sua  wall-box, la ID.Charger.

Software canaglia anche nella ricarica domestica

La notizia è stata pubblicata da due media tedeschi, FOCUS Online (qui l’articolo) Efarher.com. Molte ID.Charger devono essere riprogrammate a causa di problemi tecnici . che, per esempio, limitano la potenza massima di ricarica a 4 kW. Dopo diverse chiamate  alla hotline Volkswagen, l’azienda ha inviato ai clienti una mail, riprodotta dai due siti:software canaglia “L’analisi dei problemi presso il produttore ha dimostrato che avete ricevuto una versione del wall-box con un errore di programmazione nella funzione di controllo. Quando si verifica una determinata sequenza di errore (il LED sinistro lampeggia o si accende in rosso), non sempre è garantita una regolare messa a messa in servizio per la ricarica. Tuttavia, non si tratta di un malfunzionamento relativo alla sicurezza. Per poter ricaricare il tuo veicolo senza limitazioni in futuro, è necessario sostituire il tuo ID. Effettueremo questo cambio il più rapidamente e facilmente possibile.

Wall-box da riprogrammare, sicurezza sotto controllo

La Volkswagen chiede ai proprietari delle wall-box di rispedirle o, se sono già state collegate al muro e al circuito domestico, di contattare l’azienda. Diversi clienti hanno fatto presente di avere già dovuto pagare sopralluogo e installazione da parte di un elettricista. Operazioni che, secondo FOCUS Online, costano circa 450 euro in Germania.

software canaglia Non è chiaro esattamente quanti apparecchi siano interessati dal problema. “Ci sono alcune centinaia di wall-box per ciascuno dei nostri modelli di base e dei nostri due prodotti abilitati per la connessione web“, ha detto il portavoce di Elli, Martin Höfelmann, in risposta a Efahrer.com. Assicurando che i clienti non dovranno sostenere costi: “Con le wall-box installate e abilitate al web, il problema può essere risolto con un aggiornamento” over the air “, in gran parte già completato. Con il modello base, gli elettricisti effettuano l’aggiornamento in loco su appuntamento. Non è richiesto smantellamento e re-installazione”. Software canaglia, dunque, la strada dell’elettrico per la Volkswagen resta accidentata.

 

 

 

6 COMMENTI

  1. Facepalm. Non ci sono altre parole. Suppongo se lo siano fatto fare dal primo che passava… Non sono convinto!

  2. La gatta frettolosa fece i gattini ciechi. È doloroso vedere cosa può capitare quando all’ultimo momento devi manovrare per evitare l’iceberg, e il rischio è più grande quanto è più grande la nave.

    Nel complesso però sempre meglio così che continuare a puntare sul diesel procrastinando l’inevitabile.

  3. il richiamo di milioni di auto passa inosservato mentre la minima caz….. su i veicoli elettrici viene esposta al pubblico per dimostrare che cosa??? Volete capire che il pianeta non regge i combustibili fossili e siamo in notevole ritardo per ripristinare un ambiente vivibile??? Non voglio morire a causa di tanti deficienti egoisti che non vedono oltre il loro naso.

    • Abbiamo fondato un sito che si occupa di mobilità elettrica proprio perché la riteniamo un’enorme opportunità. Ma facciamo informazione, non propaganda, e pensiamo che sia giusto parlare con equilibrio anche dei problemi che sorgono via via. Così ci hanno insegnato e fare e così continueremo a fare.

  4. Ricordatevi che i problemi possono capitare anche ai migliori. 😉

    È come questi vengono approcciati e risolti che fa la differenza. 🙂

Comments are closed.