Home Auto Sion al bivio: 20 giorni per vivere o morire

Sion al bivio: 20 giorni per vivere o morire

7
CONDIVIDI

Sion al bivio: mancano 20 giorni alla scadenza della campagna per raccogliere altri 3.500 ordini (con anticipo), indispensabili per tenere vivo il progetto.

sion al bivio
I test invernali della Sion: arriverà la primavera anche nei conti?

Sion al bivio: a Natale già entrati mille ordini, ne servono altri 2.500

Ce la faranno i due ragazzi tedeschi di Sono Motors, che da sei anni inseguono il sogno di lanciare una citycar tutta ricoperta di pannelli solari? L’ennesima campagna di raccolta fondi è stata lanciata l’8 dicembre e si concluderà dunque sabato 28 gennaio. Dentro o fuori. L’obiettivo è di raccogliere anticipi per 100 milioni lordi, per finanziare l’ultima fase di sviluppo della Sion e dare finalmente il via alla produzione a inizio 2024. Finora sono stati costruito i prototipi con i quali si stanno svolgendo prove di affinamento in tutta Europa (in Italia si tengono i crash-test sicurezza). Ma restano da costruire i veri veicoli pre-serie e far partire la produzione, già prevista presso la Valmet Automotive di Uusikaupunki, Finlandia. Ce la faranno? Per ora sappiamo che dopo due settimane dal lancio della campagna, la vigilia di Natale, gli ordini avevano raggiunto quota mille. Ovviamente con versamente del denaro solo al raggiungimento della quota-obiettivo di 3.500.

Il n.1 Hahn: “5.800 km di autonomia solare all’anno”

Il video-appello dei due giovani fondatori di Sono Motors, il CEO Laurin Hahn e Jona Christians.

Laurin Hahn, co-fondatore e CEO di Sono Motors, ci crede e assicura che il programma è a buon punto, sarebbe una tragedia farlo fallire proprio ora. “In un test in condizioni reali a dicembre, il mese con il minor numero di ore di luce, abbiamo raggiunto i 28 km di autonomia solare pura a settimana. Significa che siamo già in grado di raggiungere l’80% della resa solare invernale prevista un anno prima della produzione pianificata. Il veicolo di convalida conferma il potenziale per 5.800 km medi di autonomia solare annuale a Monaco, grazie all’integrazione unica dei moduli solari nell’intero corpo. E la ricarica bidirezionale funziona. Siamo stati in grado di testare la nostra tecnologia di ricarica V2V con 3 fasi a 13 A, con amperaggio limitato durante i primi cicli di prova. Ciò porta a una potenza di carica bidirezionale di 8 kW AC tra una Sion e una EV di serie non modificata.Dopo l’inizio produzione, un aggiornamento software OTA consentirà alla Sion di ricaricarsi fino a 11 kW AC“.

Apri commenti

7 COMMENTI

  1. Sono stato da subito scettico su questo modello. Avevano diversi punti deboli: il costo era eccessivo, le prestazioni già molto limitate (soprattutto in considerazione del fatto che il modello sarebbe stato disponibile dopo diversi anni), l’estetica del veicolo molto spartana e poco curata. Umanamente mi spiace per i ragazzi tedeschi ma egoisticamente quasi mi fa piacere: va in crisi l’idea di un’auto elettrica costosa e poco performante solo perché un po’ più green delle altre, in pratica fallisce l’idea di un’auto “estremista” dell’ecologia. Il mondo è andato da un’altra parte, prediligendo grandi autonomie e performance all’avanguardia, senza sacrificare l’estetica e la praticità: preferisco la mission di MG, Fisker e Tesla a quella di Sono. E nel frattempo aspetto che la tecnologia continua a evolvere velocemente come sta facendo e i prezzi a scendere ancora …

  2. Ma se il progetto è così promettente perché non hanno trovato un finanziatore come è successo per i due ingegneri ideatori della tesla?…i pannelli FV su auto non mi entusiasmano(perlomeno con l’attuale tecnologia al silicio)…poca superfice e costi aggiuntivi..benino secondo i loro test ma poi nel mondo reale?..piccoli bozzi potrebbero costare caruccio..secondo punto ,io se posso in estate parcheggio all’ombra per tenere fresca l’auto e preservare vernice e parti in gomma dal sole ..in inverno non la lascio in cortile ma al riparo nel garage per temperare la batteria…non so’.. è tanto che ne parlano e nessuno nel settore ha investito in maniera tale da non dover chiedere preordini ai privati per “finire” il progetto?..cmq complimenti al settore marketing perché sono 6anni che raccolgono adesioni

  3. La vedo dura x Sion🙁 specie dp presentazione di nuovi modelli solari al Ces di Las Vegas anke più validi sotto profilo estetico Cmq giovanotti di Sono Motor precursori nel solare in mobilità 👏

    • è 10 anni che chiedono soldi per me è assolutamente SCAM e quando parli della Germania usa un tono rispettoso loro gia conoscono questa ditta quindi….

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome