Home Nautica Simone discesa del Po con la barca solare, fino a Venezia

Simone discesa del Po con la barca solare, fino a Venezia

5
CONDIVIDI
barca solare
Simone Ippolito e il suo pedalò solare

Navigare il Po senza usare una sola goccia di petrolio e  gran parte del fiume più grande d’Italia solo con l’energia solare.

A giorni Simone Ippolito da Cavaglià, in provincia di Biella, a bordo della sua Simba Solar Energy Boat  “armata” di pannelli fotovoltaici mollerà gli ormeggi da Valenza (in Piemonte, provincia di Alessandria) per percorrere a emissioni zero i 485 chilometri che lo separano da Venezia. Salvo problemi di livello idrometrico del corso d’acqua a causa dell’ emergenza siccità.

pedalò solare

Simba Solar Energy Boat, il pedalò solare di Simone IppolitoLa sfida  a bordo di Simba Solar Energy Boat, un pedalò ampio (può ospitare fino a 8 passeggeri) con una capottina tutta formata dai panelli: 2 della Sun Energy  più 2 collegati in parallelo: 265 watt x2 + 270 watt x2 per un totale per i 4 pannelli di 1200 watt. Per il motore si è affidato a Torqeedo, con un piccolo fuoribordo da mezzo kW, “equivalente circa a 1,5 CV”, e quattro batterie al piombo 24 V 80/100 Ah.

Dai 7 ai 10 giorni solo con il sole, autonomia illimitata con il bel tempo

Salvo imprevisti dati dalla portata dal fiume _ si spera che piova _ Simone fa una stima sulla durata della sua impresa: “Dai 7 ai 10 giorni“, dipende dal tempo. “Quando c’è il sole l’autonomia è illimitata, senza posso navigare per circa 8/10 ore. La velocità massima è di 8/9 nodi“.

barca solare
Simone nel lago di Viverone

Interessante come vivrà questa lunga navigazione in pedalò: “Tutta la missione si svolgerà in completa autonomia e dormirò sulla barca dove ho allestito una capsula con letto (materassino), una doccia e un lavandino con pompa. Ho fatto anche tante altre migliorie, le uniche soste giornaliere serviranno per i rifornimenti di cibo ed eventuale acqua potabile“. Simone navigherà anche fino a 14 ore al giorno.

LEGGI ANCHE: Magonis, barca elettrica italo-spagnola da €33mila

Vediamo le dimensioni: “Sono 4,60 per 3,60 di larghezza“, spiega Simone che nel mese di agosto di due anni fa ha percorso circa 1000 chilometri con questo pedalò da 350  chili e con una buona autonomia: “A 4/5 nodi riesco tranquillamente a stare tutto il giorno in acqua dal mattino al pomeriggio inoltrato“.

A bordo basilico e pomodorini freschi

barca solare
Le piantine di basilico e pomodoro ospitate in barca

Le spese? Il motore Torqeedo costa poche centinaia di euro. Si spende di più per i pannelli, ma Simone ha trovato degli sponsor che il navigatore solare vuole ringraziare: “Sono le ditte Raselli Franco e Machieraldo che mi hanno permesso di organizzare l’impresa“. Per essere più autonomo e anche più sostenibile a bordo di Simba, oltre la borraccia, porterà con se la piantina di basilico e dei pomodorini Pachino.

Il problema siccità

La missione Valenza-Venezia ha un interesse culturale e di divulgazione: dimostrare la possibilità di navigare con le rinnovabili e con un investimento minimo.

pannelli solari per barca
Simone e i pannelli

Simone ha, infatti, recuperato, restaurato e migliorato la sua Simba Solar Energy Boat, e la spesa per motore e pannelli è abbastanza limitata. Con più soldi è possibile creare un servizio di turismo o di trasporto merci solare, per sicurezza si possono utilizzare batterie con maggiore capacità. Il vero problema, come emerge anche da questa missione, è la siccità. Troppi fiumi perdono la portata nei mesi estivi. C’è un problema climatico che Simone conosce bene visto che è direttore dell’osservatorio meteo sismico di Cavaglià.

Forza Simone che sta preparando la missione con il supporto delle amministrazioni comunali di Cavaglià e Valenza. Ha pure ideato un braccialetto con un codice che fa entrare nella piattaforma aggiornata con tutte le notizie del viaggio, ad esempio l’energia trasformata dai pannelli.

—Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —

Apri commenti

5 COMMENTI

  1. Simone conosce bene il problema e si da da fare, invece:

    – il popolino (tra coloro che se la possono permettere) sta a guardare se gli torna comodo ricaricarla;
    – i governanti stanno a fare i salti mortali per salvare i profitti dei potenti (nonchè amici storici) raccontandoci balle per confonderci.

    Tra un po non ci sarà più nulla che ci tornerà comodo e più nulla da salvare.

  2. Mi chiedo perché non ha usato le batterie lipo invece del piombo meno peso, più capacità e più adatte alla carica e scarica, quindi più autonomia ..

    • Grazie Giuseppe per il contributo, ma quelle aveva Simone e quelle usa, servono soldi per cambiarle; anche il motore è meno di 1 kW, una cosa da poche centinaia di euro. Ma ognuno fa i conti con il suo portafoglio.

    • il punto è proprio questo: dimostrare che si può fare a basso costo perchè poi qualcuno possa pensare “e se ci mettessimo più soldi…cosa si potrebbe fare ?”

      • Si naturalmente a basso costo Marco, ma chiaro che se si vuole puntare su trasporto passeggeri e merci sui fiumi le risorse non sono di certo queste di un pedalò, va bene come esempio, ma per convertire la navigazione serve altro

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome