Home Scenari Silk-Faw, batterà a Gavassa (RE) il cuore della Motor Valley elettrica

Silk-Faw, batterà a Gavassa (RE) il cuore della Motor Valley elettrica

1
CONDIVIDI

Batterà a Gavassa, a nord est di Reggio Emilia, il cuore delle futura Motor Valley elettrica. Qui sorgerà infatti il grande stabilimento della Silk-FAW, la joint venture tra Silk EV, società internazionale di ingegneria e design automotive, e FAW, uno dei maggiori produttori automobilistici cinesi. Produrrà una gamma di veicoli ibridi plug-in ed elettrici di alta gamma e ad alte prestazioni. La notizia è stata ufficializzata oggi pomeriggio nel corso si una conferenza stampa.

silk-faw
A sinistra nella mappa la frazione di Gavassa dove sorgerà lo stabilimento Silk-Faw

Silk-Faw, 320 mila mq di fabbrica

Il futuristico Centro produttivo e di innovazione rispetterà rigorosi parametri ecologici e non comporterà consumo di suolo verde hanno assicurato i protagonisti nel corso della conferenza stampa. L’area, che si estende su 320.000 metri quadrati, ospiterà lo stabilimento e il Design, research, development & innovation Center di Silk-FAW. Qui verranno progettati e realizzati i modelli della serie S di Hongqi: Hongqi S9, la prima della serie “S”, progettata da Walter De Silva, ma anche la Hongqi S7.

Il progetto industriale degli americani di Silk EV e dei cinesi di FAW – 130mila dipendenti, 3,5 milioni di vetture vendute nel 2019 – arriva a concretizzarsi tre mesi dopo la nascita della joint venture, lo scorso febbraio. Il progetto, condiviso con la Regione e il territorio, prevede investimenti per un miliardo di euro e fino a mille posti di lavoro nella Motor Valley dell’Emilia-Romagna, uno degli ecosistemi più competitivi in Italia e in Europa.

Gavassa, Silk-Faw sceglie Reggio Emilia Nord Est

silk-faw
Ecco le foto satellitari: un’area in gran parte agricola; ma ieri è tato detto che la nuoa fabbrica su 320 mila mq “non comporterà consumo di suolo”

Al suo interno, Reggio Emilia è centrale per le competenze in ambito meccatronica e robotica. L’area di Gavassa si trova a 9 chilometri dalla stazione AV di Reggio Emilia. E’ a 40 minuti d’automobile da Milano e a soli 20 da Bologna, è stato detto in conferenza stampa. Il che è vero, ma solo a medie orarie al limite del codice della Strada.

Silk-FAW è stata costituita per sviluppare hypercar elettrificate per la Cina e per il mercato globale. La joint venture è anche il primo investimento tra Cina e Italia  nell’ambito dell’iniziativa Belt & Road.

Ora al lavoro sull’Accordo di programma

Silk-FAW prevede di lanciare i nuovi modelli di lusso Hongqi S9 e Hongqi S7 a partire dal 2023. perciò le parti si metteranno immediatamente al lavoro per arrivare a un Accordo di programma che accompagni l’insediamento Silk-FAW. Si tratta di sostenere investimenti innovativi in ricerca, nuove tecnologie, formazione, in collegamento con le Università e gli Enti di ricerca dell’Emilia-Romagna.

Il progetto avrà un forte impatto in termini di occupazione, sviluppo e sostenibilità, e permetterà di rafforzare la filiera della componentistica e dei servizi innovativi impegnate nella conversione dalla trazione termica a fuella interamente elettrica. «Guardiamo alla ripartenza con fiducia, grazie a un ecosistema territoriale attrattivo e ad alto valore aggiunto» commenta la Regione Emilia-Romagna.

Krane (Silk-Faw): Reggio Emilia è la nostra casa

motor valley
Johnathan Krane, ceo di Silk EV

Il presidente di Silk-faw Jonathan Krane ha dichiarato: «Reggio Emilia è la nostra nuova casa. la Motor Valley è la location ideale per l’auto sportiva di lusso elettrica». Il Governatore dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini si tratta di un «progetto di portata mondiale».

 

In vista un nuovo casello sull’A1: Reggio Est

Il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi ha definito questa «Una giornata epocale per la città». Anche perchè, ha anticipato, dovrebbe portare alla realizzazione dei un nuovo casello autostradale Reggio Est. Questo sul modello di quanto avvenne tra Bologna e Modena, con il nuovo casello Valsamoggia al servizio dell nuovo stabilimento Philips Morris.

Stefano Bonaccini

La Motor Valley dell’Emilia-Romagna, spiega la Regione,  è un distretto industriale unico al mondo, forte di 16.500 aziende e oltre 90mila addetti, con 16 miliardi di fatturato annuo e un export di 7 miliardi. Qui hanno radici e sede marchi noti in tutto il mondo: Automobili Lamborghini, Dallara, Ducati, Ferrari, Haas, Magneti Marelli, Maserati, Pagani e Toro Rosso. In tema di veicoli elettrici, anche Energica Motors nelle due ruote

La Rete regionale dei Tecnopoli è formata da 10 infrastrutture, dislocate in 20 sedi sul territorio dell’Emilia-Romagna, che ospitano e organizzano attività e servizi specializzati a supporto dell’innovazione delle imprese, delle persone e del territorio.

La Rete favorisce la circolazione delle conoscenze scientifiche e tecnologiche, in stretta sinergia con la ricerca industriale emiliano-romagnola. Insieme ai Laboratori di ricerca industriale – promossi da università e centri di ricerca – e ai Centri per l’innovazione, fanno parte della Rete regionale Alta Tecnologia. Le Università di Bologna, Modena-Reggio e Ferrara hanno anche cretato Muner, la Motorvehicle University of Emilia-Romagna.

silk-faw
Alcuni concept del brand Hongqi. A sinistra il progenitore della Hongqi S9

Dalla Cina con amore (per la culla dei motori)

China FAW Group Corporation (FAW), già China First Automobile Works, è stata fondata il 15 luglio 1953, quando fu costruito il suo primo impianto di assemblaggio. FAW è uno dei più antichi e grandi produttori automobilistici cinesi, conta più di 130.000 dipendenti, un capitale sociale di 35,4 miliardi di RMB e un patrimonio totale di 457,83 miliardi di RMB. Il Gruppo possiede i marchi Hongqi, Bestune e Jiefang. Nel 2019, FAW ha venduto 3,464 milioni di vetture.

«Un’ottima notizia per la nostra economia, per il lavoro, per tutto il nostro territorio» ha dichiarato infine Stefano Landi, Commissario straordinario della Camera di Commercio di Reggio Emilia.

«La conferma di questo grande investimento – ha aggiunto – accenderà anche nuovi fari sulla sostenibilità cui è sempre più orientato il nostro sistema produttivo».

—-Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube

1 COMMENTO

  1. Problemi con la geografia. Gavassa è nel cuore di mortadella Prodi,, a nord est di Reggio Emilia e vicina alla Lombardia, poiché la motorvalley è ben lontana a sud est, fra Modena e Bologna.
    Ad oggi non risulta firmato neppure un MOU, solo propaganda di Bonaccini, in crisi politica per la gestione del virus cinese. Quanto ci spiace.
    Intanto VW disinveste in Ducati e Lamborghini… Più che motor valley.. morte Valley

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome