Home Alla ricarica Shell lancia a Londra la prima stazione “full electric”

Shell lancia a Londra la prima stazione “full electric”

0
CONDIVIDI
shell

Mentre in Italia Assopetroli ha appena preso atto della realtà, candidandosi ad ospitare punti di ricarica nella rete dei distributori di carburante (leggi), Shell si appresta ad inaugurare nel Regno Unito il primo dei suoi hub dedicati esclusivamente alla ricarica di auto elettriche.

Shell, cura te stesso mentre ricarichi

Sarà inaugurato all’inizio del prossimo anno  a Fulham, Londra. «Lo chiamiamo Project Evelyn, un hub energetico in cui puoi ricaricare te stesso e ricaricare la tua auto», afferma Bernie Williamson, direttore generale della vendita al dettaglio di Shell UK. .

Un tabellone ti indirizza a un vano di ricarica per veicoli elettrici con 10 caricatori ultrarapidi da 150kW. Occupano il piazzale principale e sono protetti dalle intemperie da una coppia di baldacchini contrapposti dall’aspetto elegante dotati di pannelli solari. Nelle vicinanze, un minimarket Little Waitrose, un caffè Costa, wi-fi gratuito, un punto di raccolta pacchi e, sancta sanctorum, bagni puliti. Tutto questo e non una pompa di benzina o diesel in vista. Questo il layout dl progetto.

Già una rete di colonnine griffate Shell

«È difficile dire esattamente quando inizieremo a lanciare più siti sulla stessa linea, ma Shell sostiene il futuro divieto di veicoli con motore a combustione interna e mira a essere il principale operatore di ricarica pubblica» ha aggiinto Wialliamson.

Shell è stata fra le prime compagnie petrolifere mondiali ad abbinare stazioni di ricarica elettrica alle sue stazioni di servizi. Aveva presentato la sua prima stazione di ricarica rapida per veicoli elettrici da 50 kW nella stazione di servizio di Holloway Road a nord di Londra nell’ottobre 2017. Altre nove sono arrivate in rapida successione. Entro il 2021, prevede di avere una combinazione di 200 caricatori rapidi (50 kW) e ultrarapidi (150 kW). In futuro, tutti i suoi caricabatterie nuovi o aggiornati saranno ultra rapidi. Si aggiungeranno alla vasta rete di colonnine  rapide disponibili sulle strade locali, gestite dalla divisione di ricarica NewMotion di Shell.

 

Nel frattempo, entro la fine del 2020, la società prevede di avere tre caricabatterie da 350kW in funzione, eclissando i Supercharger V3 da 250kW di Tesla . Come ora, tutti i caricabatterie Shell erogheranno elettricità rinnovabile.

shell

Shell ritiene che le stazioni di ricarica del futuro debbano essere molto di più di un semblice punti di rifornimento. A Fulham, infatti, gli automobilisti troveranno vari servizi, tra i quali i punti di ristoro Jamie Oliver deli by Shell. «Mentre aspettano che la loro auto si ricarichi, ci aspettiamo che i clienti vogliano recuperare il ritardo con i loro acquisti, prendere un caffè o, dove lo spazio lo consente, navigare in Internet o anche lavorare» ha aggiunto il manager. Shell definisce questo «prendersi cura di sé e della propria macchina».

shell

Una spinta decisiva dal coronavirus

L’epidemia di coronavirus, pensa Shell,  si è dimostrata una prova generale di come si evolveranno le cose in futuro, con persone sempre più desiderose di fare quante più cose possibili in un unico posto. Il fatto che oltre il 75% della popolazione si trovi a meno di 15 minuti da una stazione di servizio Shell nel Regno Unito giustifica ampiamente questo progetto.

LEGGI ANCHE: Le ricariche Eni tra autostrade e biberonaggi

Giornalista economico presso Il Sole 24 Ore, caporedattore economia Quotidiano Nazionale QN, coordinatore Corriere Imprese Emilia Romagna. degliesposti@vaielettrico.it
Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome