Home Scenari Servono 200 talenti per la fabbrica FAW in Emilia

Servono 200 talenti per la fabbrica FAW in Emilia

0
A Gavassa (Reggio Emilia) FAW vuole costruire anche una supercar elettrica.

Servono 200 talenti per la nuova fabbrica FAW di Reggio Emilia. Li cercherà l’azienda cinese per progettare auto elettriche e ibride nel nuovo stabilimento.

Key Energy 24

Servono 200 talenti per “i tre tenori”: De Silva, Fedeli-Felisa

È stato Roberto Fedeli, direttore tecnico e progettista numero uno di quella che sarà a tutti gli effetti una nuova azienda, ad annunciarlo. Lo ha fatto durante durante la premiazione finale del TACC-Training for Automotive Companies Creation (qui il sito), all’Università di Modena. I talenti di cui andrà a caccia FAW (che opera con la società americana Silk), saranno legati a 4 diversi settori, a partire da batterie e digitale.

servono 200 talenti
Roberto Fedeli durante l’intervento nella giornata conclusiva del TACC. A destra il prof. Luigi Rovati.

Non sarà facile trovarli, in una zona come la Motor Valley emiliana in cui le aziende sono continuamente alla ricerca di professionalità all’altezza. Ma i nomi che stanno dietro all’iniziativa sono di grande richiamo. Lo stesso Fedeli è stato a lungo direttore tecnico della Ferrari, ai tempi di Luca di Montezemolo, per poi passare prima a BMW e poi a FCA. Con lui ci saranno un consulente di altissimo livello come Amedeo Felisa, che del Cavallino è stato a lungo amministratore delegato. E un top designer come Walter de Silva, ex capo dello stile di tutte le marche del Gruppo Volkswagen.

A Gavassa un impianto per sportive e super-sportive

Vogliamo collaborare strettamente con le Università locali”, ha detto Fedeli. “Vogliamo trovare qui le professionalità che ci servono, abbiamo voluto fortemente che questo investimento si radicasse nella Motor Valley“.  La nuova fabbrica di FAW nascerà su un’area di 32 ettari a Gavassa, a poca distanza da Reggio città e dal casello dell’autostrada. L’idea è di produrre auto elettriche e ibride plug-in, sportive e super-sportive. Qui il sito FAW con la sezione per il recruiting.

servono 200 talenti
Il team di Primo Elemento, che ha presentato uno dei 4 progetti nella giornata conclusiva del TACC.

L’evento di TACC all’Università di Modena è sfociato nella presentazione di 4 progetti di start-up curato da altrettanti team di giovani ingegneri. Si tratta di Lockmatic, Primo Elemento, Proudent e WeCare. Lockmatic ha realizzato un’innovativa rastrelliera in cui depositare in sicurezza i monopattini, ricaricandoli. Primo Elemento ha invece creato un caricatore di idrogeno portatile. Proudent  è un progetto per tracciare e premiare gli automobilisti più virtuosi. WeCare è infine un sistema per sanificare le auto.

 

 

Apri commenti

Rispondi