Home Due ruote Sella eBike per tutti: le 5 più innovative sul mercato

Sella eBike per tutti: le 5 più innovative sul mercato

3
Charxcontrol

Sella eBike innovativa, ma anche comoda. Il mercato si sbizzarrisce tra ingegneria d’avanguardia e stampa 3D. Le 5 selle del futuro

Dura la vita del ciclista, anche di quello che utilizza la spinta elettrica, quando parliamo di sellino. Infatti è soprattutto nelle parti basse che non ci sono aiuti che tengano e, come si suol dire, bisogna farsi il callo. Ma non è detto che si debba per forza soffrire tanto. L’offerta di sellini per eBike (e per bici muscolari) ha raggiunto un livello di tecnologia tale che ognuno può trovare la soluzione adatta alle proprie esigenze di seduta. E se la richiesta è davvero particolare, c’è persino l’azienda tedesca che prende letteralmente il calco delle nostre chiappe.

Sella eBike che si muove

Ma andiamo con ordine perché la scelta è piuttosto ampia. Ad esempio c’è il sellino creato dalla start up australiana ataraxyBSC. Si tratta della sella vabsRider, i cui due lati ruotano a tempo con la pedalata. “L’innovativo design del sedile diviso consente il movimento individuale delle gambe, ruotando attorno alle articolazioni dell’anca su un asse virtuale rispetto al sedile”, afferma l’azienda sul suo sito web. Al progetto ataraxyBSC ha collaborato con il designer industriale Philippe Guichard, quindi ha unito le forze con il Whistle Design Group con sede a Melbourne.

YouTube player

Tecnicamente parlando i due lati della sella trasferiscono la pressione dalle ossa del sedere ai femori, distribuendo il carico in modo più uniforme (e meno doloroso). Le viti di fissaggio nel reggisella specifico del sistema vabsRider consentono regolazioni combinate in avanti/indietro e in altezza, insieme alle regolazioni dell’angolo e della larghezza della sella. 

Simile nel concept è il sellino per bici Airo dal Canada. In questo caso la sezione centrale rimane immobile, mentre le “molle alari” su entrambi i lati ruotano su e giù mentre il ciclista sposta la pressione sull’osso del sedere da un lato all’altro durante la pedalata. Secondo l’azienda questo riduce la pressione esercitata su quelle aree, rispetto alle normali selle che non si muovono. Inoltre le molle aiuterebbero ad assorbire le vibrazioni della strada, rendendo la guida più confortevole.

Air seat: la sella eBike “sospesa”

Andiamo ora a Taiwan dove la sella eBike Air Seat è realizzata con “un sistema di sospensione elicoidale completamente flottante”. Ma cosa significa? Air Seat consente anche alla sella di muoversi in tutte le direzioni come se avesse delle sospensioni. In realtà la sella rimane la stessa in dotazione con la bici, infatti Air seat è un sistema cuscinetto che costa trai 40 e gli 80 euro, con diversi pesi sostenuti e due colorazioni.

YouTube player

Il dispositivo si installa tra la parte superiore del reggisella e la parte inferiore della sella. Una volta in posizione, utilizza una molla in acciaio inossidabile nella parte posteriore per assorbire gli urti sull’asse verticale: ha una corsa verticale di 11 mm. L’Air Seat utilizza inoltre una molla orientata orizzontalmente nella parte anteriore per un movimento avanti/indietro di pochi millimetri. Quella seconda molla consente inoltre alla sella di inclinarsi leggermente da un lato all’altro. Ci sono poi paraurti in silicone all’interno dell’Air Seat che gli impediscono di arrivare a fine corsa.

Stampa 3D della sella eBike 

Ed eccoci al massimo della personalizzazione della sella eBike. Infatti l’azienda ceca Posedla realizza con stampa 3D la propria Joyseat partendo dalla forma unica del sedere di ogni specifico utente. Inutile girare attorno al concetto visto che il kit spedito a casa dell’acquirente si chiama Smiling Butt Kit (kit per un culo sorridente). Tutto molto bello, a parte il prezzo del prodotto finito che è in linea con il lusso di avere una sella eBike che calza a pennello.

La sella Posedla Joytech ha carrello e scafo realizzati completamente in fibra di carbonio.
Il rivestimento esterno, invece, è costituito da una struttura reticolare a base di poliuretano termoplastico stampato in 3D, che consente di creare zone con differenti livelli di rigidità e personalizzate sulle forme dell’utente. La lunghezza è di 262 mm, mentre la larghezza può variare da 136 a 162 mm. In pratica, in base a quanto dichiarato dai responsabili dell’azienda, ogni sella è unica e rispecchia le esigenze e la fisionomia di chi la ordina. Il prezzo è di 490 euro e comprende la spedizione gratuita. Posedla promette una consegna nell’arco di circa 8 settimane dal momento dell’ordine.

YouTube player

Sella eBike senza “naso”

Si chiama letteralmente noseless la sella inventata da VSEAT. Si tratta di un sostegno che non ha precedenti a quanto appreso sul web. La seduta assomiglia più un piccolo seggiolino che a una sella come siamo abituati a vedere. Eppure sono tanti gli utenti che tra forum e Reddit ne parlano davvero bene. Anche gli utenti di mountain bike sono rimasti sorpresi positivamente dalla comodità della seduta in pedalata.

L’unico neo rimane la larghezza che cozza un po’ con il fuoristrada più estremo. Ma per chi pedala in città o comunque su strada e ha bisogno della bici per spostarsi pare davvero una scelta azzeccata. Il costo direttamente sul sito VSEAT è di 119 dollari. Purtroppo la spedizione fuori dagli USA è ancora impossibile, certo sarebbe un’ottima idea trovare un distributore europeo.

– Iscriviti alla Newsletter e al nostro canale YouTube –

Apri commenti

3 COMMENTI

  1. Non è stata nominata la sella Kefren (presente sul mercato da parecchio) che ha lo stesso scopo delle selle evidenziate nell’articolo (ma non è ammortizzata).
    In ogni caso è da parecchio che esistono i cannotti reggisella ammortizzati, anche se lavorano solo assialmente…

  2. articolo spendido, grazie

    poi guardando in rete sembrano soluzioni per ora a costo parecchio elevato, forse in molti guarderemo ancora a soluzioni e brand più di compromesso

  3. Dal momento che ormai i “rider” con la ebike non li vedo pedalare praticamente mai (a proposito: fermarli per una multa ogni tanto mai?) potrebbero montare la comodissima sella del glorioso Ciao

Rispondi