Home Auto Sei mesi in Peugeot e-208: “Non tutto bene…”

Sei mesi in Peugeot e-208: “Non tutto bene…”

83
CONDIVIDI
La Peugeot e-208 di Michele Pennese: bilancio dopo sei mesi.

Sei mesi in Peugeot e-208: li racconta Michele Pennese, raccogliendo il nostro invito a condividere le esperienze di fine anno, il primo in elettrico. L’invito è aperto a tutti i lettori, che possono scrivere a info@vaielettrico.it

di Michele Pennese

In giugno è entrata in famiglia una Peugeot e-208, che può essere guidata dal figlio neopatentato. È stata una scelta indotta dal tipo di utilizzo che ne prevediamo e dalla disponibilità di colonnine di ricarica, anche gratuite, nella nostra regione, Emilia Romagna.

Sei mesi in Peugeot: formula 36 mesi e 30 mila km

Una scelta favorita da motivi idealistici del figlio: “Papà, rispetto alle altre che mi hai fatto provare, questa è fantastica: un videogioco con le ruote e una accelerazione pazzesca”. E da motivi più pragmatici dei genitori: supervalutazione dell’usato, ecobonus, condizioni di pagamento… E alcuni plus, come poter accedere alle ZTL dei centri urbani ed essere esentati dal pagamento del parcheggio in area blu. L’acquisto è avvenuto con la formula finanziaria i-Move, per 36 mesi e 30.000 Km, cui ho aggiunto un pacchetto integrativo di assistenza e garanzia, offerto a pagamento dal costruttore.sei mesi in peugeot Meglio essere previdenti, e, come racconterò più avanti, ho avuto ragione. La vettura è ottima per concezione ingegneristica, costruita attorno ad un pianale con la possibilità di ospitare sia le motorizzazioni endotermiche che quella elettrica. Non può sfruttare i vantaggi di una struttura costruita attorno ad una batteria piatta integrata.  Tuttavia capacità della batteria (50 kWh), spazio a bordo, volume del bagagliaio e guidabilità, sono eccellenti. Così come la qualità dei materiali e le finiture sono certamente ai massimi, per la categoria. Funzionale e scenografico, il quadro di bordo.

—-  Leggi anche /   MirkoIl mio anno elettrico: il bilancio di Enrico che in famiglia ha due EV, una Renault Zoe e una Volkswagen e-Up  —-

Sei mesi in Peugeot : “Consumi e prestazioni ok”

Sulla linea della carrozzeria, il giudizio è soggettivo: a noi piace, molto. Non ci distingue come automobilisti elettrici alla prima occhiata, ma il colore blu elettrico ed il suono inconfondibile in accelerazione, aiutano ad identificarci. Il primo periodo di utilizzo, in cui sono stati accumulati circa 7.000 chilometri di percorrenza, è stato molto positivo. A parte il ritardo nella consegna della vettura, avvenuta quasi un mese dopo la fatturazione e dietro numerosi solleciti. Questo a causa di problematiche di sdoganamento, a detta della concessionaria bolognese presso cui ho effettuato l’acquisto. Le prestazioni e l’autonomia si sono rivelati all’altezza delle aspettative. Con aria condizionata spenta, su percorsi misti e velocità medie dell’ordine di 50 Km/h, ho raggiunto autonomie reali, molto ben correlate a quelle stimate dal computer di bordo. Vicine ai 400 Km, con consumo medio di 11.5 – 11.8 kWh/100 Km. Con aria condizionata accesa, il consumo si stabilizzava attorno a 13.2 – 13.8 kWh/100 Km. Nella marcia autostradale, con medie attorno ai 90 Km/h, consumi sempre inferiori a 16.5 kWh/100 Km.

—-  Leggi anche /il mio anno elettrico Il mio anno elettrico: il bilancio di Gianmarco, numeri alla mano, dopo i primi nove mesi con la Tesla Model 3  —-

Sei mesi in Peugeot: “Ecco i problemi: vetri bloccati…”

Anche la ricarica dalle colonnine Quick e Fast, ha mostrato una ottima correlazione fra l’energia erogata e la stima del quadro di bordo e dell’app installata sullo smartphone. Fra i difetti, peraltro sopportabili: una forte dipendenza della stima di autonomia dal consumo dell’ultimo tratto percorso. Il che rende inattendibile il valore nella marcia in montagna (sottostima in salita, sovrastima in discesa, in modo eccessivo). L’indicatore di consumo istantaneo, ballerino in modo sconsiderato, anche a velocità costante con cruise control attivo. L’assenza di rigenerazione in discesa, a batteria carica, anche semplicemente a pedale rilasciato. È evidente qui lo scopo di sfruttare al massimo la capacità della batteria, a prescindere dalle condizioni operative. Sul finire di una vacanza estiva in Alto Adige, sono iniziati i problemi, preannunciati da un malfunzionamento della centralina alza-cristalli, al termine di una ricarica. Con vetri elettrici bloccati, inversione dei comandi fra lato sinistro e destro. Problema apparso per qualche giorno, poi improvvisamente cessato.

“Il quadro di bordo inizia a lanciare un allarme”

sei mesi in PeugeotNei primi giorni di agosto, durante un breve tragitto, il quadro di bordo ha iniziato a lampeggiare. Lanciando un suono di allarme continuativo, intimando di arrestare la vettura, a causa di una “Anomalia del sistema di trazione elettrica“. Fermato il veicolo, l’allarme continuava a segnalare il problema, inibendo l’avviamento della vettura. Dopo circa quindici minuti, l’allarme è cessato ed è stato possibile riprendere la marcia. Ho avvertito immediatamente il centro di assistenza Peugeot e ricoverato l’auto presso una officina autorizzata della zona (la concessionaria di vendita era chiusa per ferie). Dopo tre giorni di tentativi, addirittura con gravi difficoltà dell’operatore a collegare lo strumento diagnostico, ho ritirato la vettura dall’officina, senza una diagnosi precisa. Se non la presenza di generici errori su alcune centraline elettroniche (fra cui quella degli alzacristalli).

“L’auto si blocca: in officina con il carro-attrezzi”

Nei giorni seguenti, si sono verificati almeno altri tre blocchi temporanei della vettura. Fino a quando, la sera di venerdì 28 agosto, la vettura si è bloccata definitivamente, dopo alcuni sobbalzi. Prelevata da un carro-attrezzi, è stata ricoverata, il successivo lunedì 30, presso l’officina di una concessionaria di Bologna, differente da quella di acquisto. Che però ha rifiutato l’intervento, dichiarandosi impreparata! Dopo tre giorni e l’esecuzione dell’aggiornamento software di numerose centraline, la vettura è stata riconsegnata funzionante. Ero francamente perplesso che una serie di aggiornamenti potesse essere risolutivo, considerando la tipologia di anomalia. Tuttavia la vettura ha ripreso a marciare regolarmente nei giorni successivi, tanto che siamo partiti per un breve soggiorno in Liguria.

sei mesi in peugeot

— Leggi anche: Mirko e la sua Hyundai Kona 64 kWh: “Non tornerei mai indietro”

“Genova: un bravo capo-officina mi risolve il problema”

Purtroppo, le mie perplessità si sono rivelate corrette: percorrendo la strada verso Portofino, domenica 13 settembre, la vettura si è bloccata definitivamente. Peraltro paralizzando il traffico di quella splendida giornata di fine estate, colma di turisti. Il ricovero è avvenuto presso una officina autorizzata di Genova Campi, dopo il rifiuto di intervento, da parte delle due più importanti concessionarie della città. Per fortuna, il titolare e capo-officina, competente ed appassionato, ha condotto un esame diagnostico approfondito, con il supporto dell’assistenza tecnica della casa. Stabilendo infine che fosse necessario sostituire il caricatore di bordo (OBC 7.4 kW monofase), difettoso. Aggiornando nuovamente tutte le centraline elettroniche del veicolo. Sono state necessarie quasi tre settimane di ricovero, ma finalmente il problema è stato superato.

“Ma sono cambiati prestazioni e consumi”

sei mesi in PeugeotDopo l’ultimo aggiornamento del software, prestazioni e consumi sono cambiati significativamente. La frenatura rigenerativa è più aggressiva, ma la guidabilità è peggiorata, con maggiore sensibilità del pedale acceleratore ed inversioni di coppia più brusche. E, soprattutto, i consumi sono aumentati a valori di 15.0 – 15.5 kWh/100 Km, a parità di stile di guida e velocità medie. L’autonomia diminuita del 20-25%, scendendo attorno a valori di 270 – 300 Km! Anche il comportamento dell’indicatore di consumo istantaneo è del tutto differente, ora molto più stabile, ma anomalo nei valori che pubblica in accelerazione e decelerazione. Un indizio che la riduzione di autonomia sia dovuta ad un algoritmo software, modificato o tarato maldestramente, oppure ad un sensore di corrente non tarato correttamente.

“E infine un problema anche al riscaldamento”

A completare l’odissea, il sistema riscaldamento non funzionante. Dopo un mese di attesa e l’ennesimo ricovero in officina, è stato appurato a che cosa era dovuto il malfunzionamento. Ovvero la dimenticanza di una pinza di blocco del circuito refrigerante, al termine dell’intervento precedente. Ora la vettura ha percorso circa 12.000 chilometri, finalmente l’abitacolo è confortevole, ma i consumi si sono alzati ulteriormente, salendo sino a 18.0 – 20.0 kWh/100 Km, con temperature esterne di 3 -5°C e interne di 21°-22°C. Nonostante l’auto installi una pompa di calore e un resistore da 5 kW di potenza, che probabilmente rimane sempre attivo, visti gli assorbimenti mostrati dal quadro di bordo!

Sei mesi in Peugeot: “Tanti problemi, ma non rinnego la scelta dell’elettrico, in futuro…”

Potrei essere solo un cliente sfortunato, che è incocciato in un veicolo difettoso. Tuttavia, dopo più di sei mesi in Peugeot concludo che, nonostante:sei mesi in Peugeot

  • il servizio di assistenza della Casa, approssimativo e delegato alla buona volontà degli operatori (alcuni efficaci, altri menefreghisti)
  • le decine di telefonate di sollecito necessarie ad ogni ricovero, per ottenere informazioni e il veicolo sostitutivo (dovuto, col pacchetto di assistenza a pagamento)
  •  la totale incuranza della concessionaria verso un nuovo cliente, che ha avuto molteplici disagi, danni economici e un prodotto che non corrisponde alle specifiche

Tutto questo non mi convincerà assolutamente a ricredermi sulla scelta elettrica: che rifarei e rifarò certamente in futuro. Magari informandomi e scegliendo meglio costruttore, concessionaria e rete di assistenza.

 

sei mesi in Peugeot— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —

83 COMMENTI

  1. L’ aumento dei consumi sicuramente è dipeso dal fatto che è passato dall’ estate all’autunno e poi all’inverno.
    Un aggiornamento software che fa aumentare i consumi del 20/25% non esiste…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome