Home Bici Scoprire La Via Verde, la madre (abruzzese) di tutte le ciclabili

Scoprire La Via Verde, la madre (abruzzese) di tutte le ciclabili

1
CONDIVIDI
Un tratto della Via Verde, 42 km di ciclabile sul Mare della Costa dei Trabocchi.

 

Scoprire La Via Verde, la madre di tutti le ciclabili italiane, è un must per chi ama pedalare nell’Italia più bella. L’occasione è Art Bike & Run, dal 1° al 3 ottobre.

scoprire la via verdeScoprire La Via Verde, nei primi 3 giorni di ottobre

La Via Verde, per chi non lo sapesse, è una spettacolare pista ciclabile di 42 km che corre lungo la Costa dei Trabocchi. Siamo in Abruzzo, nel tratto di litorale adriatico che da Ortona porta a Vasto Marina, sul vecchio tracciato ferroviario ottocentesco, oggi dismesso. Il panorama è mozzafiato ed è solo un tassello (ma che tassello…) del progetto Bike to Coast, con il quale la Regione Abruzzo vuole realizzare una ciclabile di oltre 130 km. Con mille diramazioni nell’entroterra, verso montagne che si trovano a pochi km dal mare. Uno scenario ideale per tutti: ciclisti muscolari ed elettrici, atleti che vogliono misurarsi con le salite e tranquilli pedalatori di pianura…Art Bike & Run, alla sua prima edizione nel 2021, è l’evento che inaugura La Via Verde. Facendo conoscere al grande pubblico i Trabocchi (palafitte sul mare, un tempo utilizzate dai pescatori), oggi per lo più ristoranti che costellano questo tratto di costa.

scoprire la Via Verde
Lo street artist pescarese Millo, nome d’arte di Francesco Camillo Giorgino..

Pedalate per tutti e street art nelle gallerie sul mare

Nei primi tre giorni di ottobre Art Bike & Run (qui il sito) proporrà manifestazioni ed attività da vivere e soprattutto condividere. Ciclismo, bike, running, walking, ma anche street art, incontri, socialità inclusiva, degustazioni delle tipicità enogastronomiche abruzzesi. Appuntamenti ed eventi sportivi aperti a tutti: sportivi, cicloamatori e podisti di ogni livello, famiglie e turisti. Nel lungo week-end la personalizzazione della Via Verde sarà affidata alla street art d’autore. Una forma artistica fruibile a tutti, gratuita e libera che si sposa con i valori della sostenibilità e della condivisione. Le 9 gallerie a picco sul mare che caratterizzano la nuova ciclovia (ereditate dal vecchio tracciato ferroviario) si trasformeranno in installazioni visive a cielo aperto. E il muro di contenimento che le precede diventerà la tela degli street artist di caratura internazionale, che per 9 anni ne «adotteranno» una all’anno. Lo street artist che inaugurerà il progetto è Francesco Camillo Giorgino, in arte Millo, noto per gli splendidi murales in bianco e nero.

———————————————————————————————–

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —

Apri commenti

1 COMMENTO

  1. Tutti mi fanno la stessa domanda, “Ma che autonomia ha”? E quando dici i chilometri li cade il palco. La gente ha paura di non potere ricaricare, non ne fanno una questione di costi e neanche di tempo di ricarica, anche se ho trovato molti che sono ancora convinti che bisogna fermarsi delle ore a ricaricare.
    Bisogna che arriviamo al punto che le colonne Fast almeno da 50 kW siano in ogni dove, non dico tante come le stazioni di servizio a benzina, ma molto simile, cioè se un giorno ce ne sarà una ogni 20 km in ogni direzione e con almeno 2 stalli in modo da trovarle sempre libere, a quel punto la gente si sentirà sufficientemente rassicurata. Poi come dicevo non ne fanno di questione di costi e neanche di tempo di sosta, è la paura di restare appiedati che letteralmente li attanaglia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome