Home Incentivi Sardegna: nuovo bando per le colonnine delle imprese

Sardegna: nuovo bando per le colonnine delle imprese

1
CONDIVIDI
mobilità elettrica Sardegna
Le strade della Sardegna

La Sardegna ci riprova. E’ stato modificato il bando destinato alle imprese che vogliono installare le colonnine fast e si trovano lungo le principali arterie stradali sarde o nelle zone industriali.

Finanziamento fino al 75% a fondo perduto, massimo 30mila euro per azienda, energia al 100% da rinnovabili. E per semplificare la partecipazione c’è anche l’accordo tra Confartigianato Sardegna ed Enel X Way.

Contributo anche per chi non ha fotovoltaico, ma energia 100% green

Partiamo dal bando ripercorrendo i punti più importanti. Rispetto alla prima versione il contributo è esteso anche alle piccole e medie imprese che non dispongono di un impianto fotovoltaico e a quelle presenti nelle zone industriali (prima escluse).

il consiglio regionale
Il bando è stato pubblicato dalla Regione Sardegna

In altri termini se non hai o non riesci ad installare un impianto fotovoltaico che comporta un investimento economicamente rilevante, per ricevere il contributo devi comunque utilizzare energia da fornitore che certifica il 100%  da fonti rinnovabili. A disposizione ci sono 2,1 milioni di euro, finanziamento fino al 75% dei costi sostenuti e fino ad un massimo di 30mila euro per ogni impresa. C’è tempo fino al 30 settembre 2022 per partecipare.

Attenzione: i beneficiari devono garantire l’accessibilità h24 e le colonnine devono essere localizzate lungo le principali reti viarie di collegamento della regione e nelle principali zone industriali. Un impulso anche alla ricarica di camion e autobus.

Il servizio congiunto di Confartigianato ed  Enel X Way

Il fondatore
Fabio Mereu vicepresidente Confartigianato Sardegna

L’iniziativa congiunta mira al successo del bando e alla diffusione di una infrastruttura di ricarica veloce nei punti strategici dell’isola. In modo da garantire la ricarica per le lunghe tratte, vista anche la lunga estensione della Sardegna. Abbiamo sentito Fabio Mereu, vicepresidente Confartigianato Sardegna, che spiega il progetto: “L’associazione gestirà la parte amministrativa della domanda per l’accesso ai fondi del bando. Non tutte le aziende sono attrezzate e  garantiamo il supporto anche della parte finanziaria“.

colonnine
la stazione di ricarica JuicePump 75kW Trio

Perché la diffusione della mobilità elettrica sia davvero veloce e capillare è necessario rendere facile e agevole la ricarica dei mezzi. L’auto elettrica non è una opportunità per il futuro ma una realtà di oggi che tutti possiamo utilizzare quotidianamente – sottolinea Mereu -.  Con questa iniziativa si possono raggiungere anche altri risultati. Pensiamo a tutte le aziende che installano la ricarica veloce in sede e si occupano delle consegne, saranno stimolate a convertire la flotta in elettrico. Un sostegno alla transizione energetica delle aziende e un servizio a tutti coloro che hanno acquistato un veicolo elettrico“.

La soluzione di Enel X Way con JuicePump 75kW Trio

Fabrizio Modica responsabile marketing di Enel X Way Italia

Enel X Way Italia offrirà una “soluzione chiavi in mano che comprende l’infrastruttura di ricarica JuicePump 75kW Trio – ossia con tre prese differentiincluso il servizio di progettazione, installazione, gestione e manutenzione. La Pmi godrà di una Revenue Share, ossia una condivisione dei ricavi, calcolata sui servizi di ricarica erogati dall’IdR“.

Siamo molto soddisfatti di questo accordo con Confartigianato Imprese Sardegna – afferma Fabrizio Modica, responsabile marketing di Enel X Way Italia –. La diffusione della mobilità elettrica offre molteplici benefici per il territorio e per le persone. Il bando e il progetto rappresentano una importante opportunità per le Pmi che favorisce al contempo lo sviluppo di un ecosistema elettrificato, sostenibile, silenzioso, pulito. Il grande valore sta nel farlo unendo più soggetti che partecipano così insieme alla crescita della rete di infrastrutture di ricarica“.

Per saperne di più sul bando al link è possibile scaricare tutti i documenti.

—  Iscriviti gratuitamente alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it   —

Apri commenti

1 COMMENTO

  1. Chissà che prezzi al chilowattora… di questo i legislatori inesperti e senza auto elettrica non si interessano mai.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome