Home Alla ricarica Ricariche gratis per i clienti EnerMia fino al 3 aprile

Ricariche gratis per i clienti EnerMia fino al 3 aprile

0
CONDIVIDI
Flavia Samorì con una colonnina EnerMia

Ricariche gratis per i clienti EnerMia fino al 3 aprile. Lo ha comunicato la stessa azienda con una nota pubblicata sul sito e sui social. È un gesto di vicinanza in  queste settimane di emergenza.

Ricariche gratis in segno di vicinanza

ricariche gratis
L’annuncio pubblicato su LinkedIn

Restiamo in casa, ma se è necessario uscire, facciamolo in modo ecologico e, da oggi, a costo zero“, si legge nella nota. “È questo il contributo che Enermìa vuole dare ai propri clienti per supportarli in un momento così complesso per il nostro paese“. Da oggi e fino al 3 aprile, tutti gli utenti dei servizi Enermìa, possono ricaricare gratuitamente la propria auto elettrica recandosi presso una delle colonnine distribuite sul territorio. “Ma solo per esigenze primarie come emergenza sanitaria, acquisto di beni di prima necessità e lavoro”, specifica l’azienda. Facendo riferimento alle categorie autorizzate dal DPCM del 9 marzo 2020 per il contenimento della diffusione del Corona Virus.

Ecco chi sono i clienti di EnerMia

Enermìa è una start up innovativa fondata da un giovane imprenditrice modenese, Flavia Samorì. I clienti sono enti pubblici, che voglionoincentivare la mobilità sostenibile nel territorio, ma anche imprese, centri commerciali, condomini, gestori di parcheggi. Flavia Samorì, laurea in Economia Aziendale, con Master e dottorato di Ricerca in Finanza, aveva spiegato i suoi piani in un’intervista pubblicata sul nostro sito nel maggio dello scorso anno.ricariche gratis “Abbiamo molti accordi già consolidati con importanti Comuni ed enti pubblici di medie e grandi dimensioni. Come Bologna, Milano, Regione Emilia Romagna, Genova, Castelfranco Emilia, Quarrata in provincia di Pistoia. Nella nostra strategia ci sono anche accordi con associazioni di categoria come i taxisti, le società di car sharing, i gestori di parcheggi. Soggetti interessati per sensibilità ambientale, necessità di servizio o per avere una ulteriore leva di marketing, a questo tipo di infrastruttura”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome