Home Vaielettrico risponde Ricarica Lidl gratis o no: altre testimonianze

Ricarica Lidl gratis o no: altre testimonianze

16
CONDIVIDI
Ricarica Lidl gratis o no: l’uso delle colonnine della catena di discount non finisce di far discutere. Con nuove accuse di utlizzo improprio da parte dei soliti scrocconi. Vaielettrico risponde. I quesiti vanno inviati a info@vaielettrico.it

ricarica lidl gratis o noRicarica Lidl gratis o no: colonnine occupate, vado altrove a fare la spesa e ricaricare

“Anche mia moglie, come il signor Roberto , aveva preso l’abitudine di fare la spesa al Lidl. Così, mentre la faceva, caricava la macchina. Ci faceva comodo, non avendo la wall box in casa, si utilizzava la mezz’ora o ora di spesa. Senza dover fare  una passeggiata in centro per passare il tempo (ora che è anche più freddo). Purtroppo negli ultimi due mesi le colonnine dei Lidl nelle vicinanze sono prese d’assalto da auto che le lasciano attaccate per diverse ore e sicuramente non per fare la spesa. Curiosamente delle Tesla e anche auto di concessionarie (si è arrivati al ridicolo). Ci trovavamo bene con i prodotti Lidl, ma siamo passati ad altri supermercati che offrono la ricarica a pagamento e/o gratuita per un tempo limitato. E dove non ho mai visto Tesla o Ford Mustang in ricarica. Dimitri Rizzoli

“Lidl di Treviso strada ovest, quasi tutte le colonnine ricarica occupate da Tesla, le altre fuori uso. Ore 12,20: le Tesla sono lì da 4 ore circa, certo i proprietari non sono a fare la spesa. A differenza di altri come il sottoscritto che in 30 minuti si fa la spesa e rabbocca la plug-in (inutilmente). Silvio Provenzano

Ricarica Lidl gratis o noDavanti al “gratis” gli italiani perdono la testa, si sa…

Risposta. È incredibile quanto interesse e quante polemiche ci siano attorno a questa vicenda delle ricariche Lidl. Ribadiamo che la catena tedesca di discount si è mossa correttamente, per offrire un servizio (nelle intenzioni gratuito) ai clienti. Puntando evidentemente su una teutonica auto-disciplina nel non abusare di questa opportunità. Ma l’Italia è un altro pianeta e l’idea che ci sia qualcosa di gratis (tanto più in questi tempi di caro-energia) fa perdere la testa ai più, anche a chi possiede auto costose. In risposta a un altro lettore, Lidl ha fatto sapere che sta esaminando la possibilità “di gestire una tempistica massima di ricarica (al momento non è previsto)“. Questo avendo preso atto che “il servizio effettivamente viene abusato in alcune occasioni da alcune persone”. Purtroppo l’abuso sembra diventato più la regola che l’eccezione, con le lamentele di cui sopra (due tra le tante).

Ricarica Lidl gratis o no— Iscriviti gratuitamente alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it  —

Apri commenti

16 COMMENTI

  1. Caro Xardus.. a scanso anch’io di equivoci ho caricato 1 volta da lidl per 30 minuti e nella mia zona (Trento) carica a 5.7 Kw/h per ora, l’ho fatto come “esperimento per vedere come si faceva a caricare. sono entrato a fare un giro e ho comprato qualcosa che mi interessava… poco in realtà perchè sono un consumatore difficile da accontentare e compro molto a km zero (quando vado in giro nei weekend carico la macchina di roba agroalimentare da portarmi a casa). Io facevo un discorso “politico”… se fornisci qualcosa gratis è ovvio che ci sarà un 5 o 10 o 30% di persone che lo useranno il servizio in maniera impropria, abusandone… tipo se regali i cerotti per smettere di fumare.. sti sicuro che qualcuno li prende per usarli come nastro adesivo… e considera che tanti “benestanti” in realtà vivono di espedienti…. poi per rimanere sul punto: io non me la sento di chiamare “barbone” uno che ha un auto di qualsisi prezzo che sfrutta un’utilità presente sul mercato.. perchè il mercato “del gratis” è sempre florido

  2. Al sig. Franco che dice che al nord molti hanno Tesla e possono permettersi di spendere 38k per una di esse e che in più possiede una M3, bhe, probabilmente farà parte di quella classe dipendente che guadagna almeno 35/38k all’anno e lavora anche la moglie/compagna. Io sono un operaio specializzato e lavoro in una multinazionale con 23 anni di esperienza con un ruolo di responsabilità. Purtroppo il mio reddito annuo è di poco superiore ai 28k e mia moglie lavora saltuariamente perché avendo una bimba di 7 anni preferiamo seguirla piuttosto che mandarla a 100 attività sportive/musicali/culturali settimanali che alla fine la stresserebbero di più è come dice il sig. Franco, alla fine in età adolescenziale non ci parlerebbe nemmeno più. Quindi tolte le spese mensili medie di affitto (600€), bollette (70), alimentari/abbigliamento (250) vede che non resta molto per pagare una rata di auto di quel tipo. Se le persone che spendono per una Tesla (che su internet non le trovo a meno di 40/45k €) possono farlo, potrebbero essere in grado anche di pagare le ricariche. Comunque non si tratta di poter pagare la corrente ma si tratta di essere meno cafoni ed egoisti… Ma si sa… Siamo Italioti!

    • Amen, ma posso dire per esperienza quasi decennale in giro per le case di clienti come assicuratore, in queste stesse zone è più facile trovare quello che ha 600 € di rata per l’auto e piange perché non può mettersi via cento euro al mese.. È quando scavi (dato che spesso è più mentale va fatto) scopri che, oltre l’auto c’è la tv da 1500€, una xbox e una play entrambi con pigne di 20/30 titoli, nessun affitto, serate ogni weekend etc etc, ovviamente con variazioni in base all’età ma comodo fino ai 40 esemplari del genere erano costanti, per carità ognuno è libero di vivere come vuole e non me la prendevo sul personale, ma mi ha lasciato stampato in testa che tanta tanta gente del ceto medio o mediobasso, esagera con questo tipo di spese per un grosso periodo della propria vita, quindi quando vedo un certo tipo di “sboroneria” mi chiedo sempre se anziché veramente abbiente (cioè quelli che quel 40k della tesla ci pensano su un dieci minuti e dicono “vabbè almeno non li pago in tasse mi esce gratis” con ral ben sopra i 200k che a 38 non sei ricco ma benestante) o tra quelli che han per l’auto un ossessione tale che ci son disposti a spendere ogni mese quanto un affitto nemmeno modesto, cioè per loro è più importante una bella auto che la casa etc.. Quindi anche le dichiarazioni fatte van ridimensionate in base a quello che è chi le dice, mi sento più di perdonare un ricco nato ricco che anche in buona fede non riesce a mettersi nei panni di chi prende 900€ al mese con contratti farlocchi etc posso capire non sia facile per molti, come per me è difficile ragionare come qualcuno che a una festa aziendale offre da bere a tutti pagando 10k di vini con la sua super visa blackgoldiper esattamente come io mi sento di offrire due spritz agli amici (ho avuto un capo così ahimè hehe) posso immaginare ma so che non è minimamente come lo immagino

  3. Devono fare le colonnine a pagamento scontando il tempo della spesa (30 minuti non più di una volta al giorno) con la scansione dello scontrino della spesa appena fatta (entro i 10 minuti precedenti), e addebito di una tariffa al minuto anche se l’auto non è in carica. I furbetti spariranno subito.

  4. Al supermercato Aldi a Novara si ricarica gratuitamente chiedendo la tessera per attivare la colonnina al personale del punto vendita lasciando il proprio documento e la si restituisce a fine spesa. Ottimo sistema gratuito e funzionale anti scrocconi.

    • Ma perché si deve avere la pretesa che debba essere gratuita???
      Secondo me é giusto che si paghi così nessuno è piu autorizzato ad abusarne… e magari mettiamo una tariffa mista kWh-tempo di impegno della colonnina così si acoraggia anche l’abuso di chi abbassa l’amperaggio per far durare la ricarica artificiosamente 4 ore al posto di 1 e far risultare la ricarica non conclusa..
      Il discorso di passare a pagamento non lo vedo proprio legato agli abusi ma a me sembra un semplice cambio di strategia della Lidl che sta passando a fornire il servizio di vero e proprio distributore nel senso classico del termine (quibdi a pagamento per averne un guadagno)… infatti è notizia recente l’inaugurazione del primo distributore di elettroni (con tanto di tabellone esposto con il prezzario in classico stile distributore di carburanti) nel suo parcheggio da parte di Lidl in Francia (quibfi dove la maleducazione tutta italiana nulla c’entra…).
      Magari Lidl potrà, qui da noi, accampare la scusa dell’abuso (che non ho alcuna intenzione di negare) ma la realtà è che ha deciso di trasformare un servizio in perdita (per lidl che a corrente la prelevi una sola auto o 10 non cambianulla dal punti di vista del esborso per fornirli quei kWh, sempre un costo è…) in una fonte di guadagno da affiancare al supermercato in se… È dal mio punto di vista fa più che bene perché così chiunque può,in caso di bisogno sfruttarle appieno, ovviamente pagando quella che deve essere uba tariffa congrua e non spropositata, senza trovarle costantemente occupate da pochi come accade ora…

      Io posseggo una elettrica ma mai sono andato apposta ad una colonnina gratuita di un supermercato per fare rifornimento…. io il supermercato me lo scelgo in base alla qualità ed alla convenienza degli articoli che vende (ed in quello in cui vado io da sempre ci sono colonnine a pagamento e va più che bene così…)…. una spesa non dura più di 1 ora ed in questo tempo quanto mai vuoi ricaricare in A.C. dove lo standard massimo di potenza prelevabile, tranne rare eccezioni, è di 11 kW? In realtà l’amico che scrive ha una plug-in quibdi ricarica mokto di meno… con tutta probabilità a 3-4 kW di potenza quibdi stiamo parlando di un “risparmio” di neanche 2 € in una spesa da 1 ora, quindi non un articolo preso di fretta ma parliamo di una spesa settimanale, dove magari spendi 200 €… io vado nel mio supermercato (Coop) dove per la stessa spesa spendo magari 180 €!!!! Sinceramente ci vedo poca jntelligenza bello scegliere il supermercato per la ricarica gratuita (magari facendoci quei 5-6 km in più che ti mangiano quasi tutto il caricato a gratis…) del valore di pochi spiccioli quando altrove nella spesa pura si riesce a risparmiare molto di più….
      Chi lo fa secondo me soffre della stessa sindrome di chi abusa delle colonnine gratuite e cioè è accecato dalla parola GRATIS e non utilizza il buon senso….

      P.S. Ma poi perché l’abuso di queste colonnine viene sempre accoppiato alle Tesla???
      Premesso che l’abuso è da incivili ed in nessun modo voglio giustificarlo ma a ne sembra che l’inciviltà sia sempre trasversale.. la si trova sempre ovunque quibdi bri possessori Tesla come in quelli delle plug-in o di umelettriche più utilitarie… infatti io nelle colonnine gratuite ho sempre visto ogni genere di auto e non mi risulta che le uniche ad abusarne siano le Tesla o similari…. Quindi perché vi lamentate sempre solo delle Tesla?? Non sarà che alla giusta e ripeto sacrosanta irritazione per l’abuso si aggiunge una quota d’invidia (sentimento altrettanto naturale e comlrensibike) che vi fa apparire ai vostri occhi l’abuso da parte di una Tesla mono tollerabile nentre siete disposti a passare sopra quando a farlo è una plug-in?

      • Del tutto d’accordo, soprattutto ora che il costo dell’energia non può più essere trascurato han deciso che è ora di “basta regalare migliaia di kwh costosissimi”, finché le elettriche erano molto molto rare si trattava di un ottimo investimento di marketing, in un periodo (quello di due/tre anni fa) in cui le elettriche in giro erano quasi solo tesla che avevano anche le cariche gratis ai loro supercharger serviva soprattutto a portare a visitare il supermercato a una categoria di persone che molto difficilmente amano andare al discount, tipologia meno attenta al singolo prezzo e più propensa all’acquisto di impulso e generalmente paga con carta di credito (dati sa rivendere) piuttosto che con i buoni pasto e tasche piene di coupon di sconto.
        Ora si son accorti che costa più del budget prefissato come “a perdere per marketing” e si passa al pagamento, magari scontato come già avviene nei distributori di carburante oggi per attirare i fiumi di auto.

        Sulla parte finale, posso provare a darti la mia opinione, perché tesla sempre e comunque?
        Perché, tutti coloro han una elettrica o quantomeno seguono l’argomento da molto vicino, sanno che le tesla son tutto fuorché economiche, si parte da 40k euro, vedere stalli gratuiti occupati h24 da auto che costano dai 3 ai 10 anni di stipendio di un operaio non specializzato ti fa girare le palle, certo può essere di qualcuno più normale che ha fatto il super sacrificio per l’auto dei sogni e non ha più una lira per pagarsi le ricariche, ma a quel punto non ti fa pena ma scatena ben altre opinioni negative, chiaro che la stessa cosa vale per un Audi o Mercedes bev da 80k ma son meno identificabili dai più, oltre che rispetto alle tesla han venduto numeri ridicoli (tesla ne vende diverse da diversi anni alla fine), se mi vedo una spring con un paio di bocciature che mi lascia in carica una mattina intera, son più propenso a dargli la scusante del “altrimenti non tira a fine mese” nonostante sia comunque un’auto da 20k euro, non la prendi sicuramente se già stai stretto con la busta paga e ti orienti su usati da battaglia, ma essendo “l’elettrico dei poveri” nella mente si forma l’idea “magari ne ha bisogno”.
        Per traslare è un po come se uno parcheggiasse il suo Q8 sline (li chiamano ancora s i top?), scendendo si sistema l’abito da mille euro e allaccia le scarpe Armani, si mette in coda e, guardando l’ora sul suo Rolex originale, chiedesse all’operatore della mensa Caritas mentre gli serve il pranzo “hey che succede amico”? Magari masticando una carota… Tutti quelli li attorno, in coda come lui, cosa pensano? Si chiedono se per sbaglio qualcuno degli altri in cosa è messo meno peggio di lui, o si chiede che cazzo ci fa uno che potrebbe pagarsi da mangiare al ristorante ogni giorno senza nemmeno accorgersi della spesa in fila al cibo gratis?

        • Forse è meglio se ti aggiorni, il PUN di Ottobre è di 211€/MWh, ovvero 0,21€/kWh.
          Novembre al momento è di 203€/MWh, ovvero 0,20€/kWh. Siamo ben lontani dai mesi in cui impazziva a 500€/MWh.

        • Scusa Xardus sono proprietario di una Tesla.. non capisco negli anni 2000 il tuo/vostro discorso sulle auto da ricchi che dovrebbero “fare i ricchi” e lasciare “il gratis” ai bisognosi. una tesla con gli incentivi la pag(avi), quando lo acquistata io, 38.000,00 euro, come una golf strabase e, mi dispiace ma nella zona dove abito io (nord italia) è una macchina che si possono permettere quasi tutte le famiglie… infatti ne vedi in giro tante… Ma ti spiego.. il pieno alla mia M3 a casa mi costa 16 euro. se io facessi 10 pieni alla Lidl risparmierei 160 euro; con questi 160 euro risparmiati uno se ne va a in un ristorante a farsi una magnata gratis con la compagna o si compra qualcosa. Se ci metti che i “ricchi” sono mediamente (e legittimamente) più individualisti della norma hai il quadro completo… giusto? sbagliato? non lo so…. il “gratis” muove le folle.. ricchi, poveri, fighi e sfigati, gente buona e gente cattiva… per quelli “invidiosi”… l’invidia produce solo veleno che ammorba solo chi la prova.. e c’è sempre qualcuno che senza meriti è più ricco, più privilegiato di chiunque.. su su fino al direttore totale galattico fantozziano (che poi magari, nonostante i lussi ha i figli che non gli parlano neanche)

          • Spendi 38000 euro di auto e poi vai a comprare i fagioli turchi e le clementine egiziane? Io spendo molto meno per le auto ma preferisco fare la spesa al reparto Bio dell’Esselunga, compro carne di animale nato, cresciuto e lavorato in Italia e sono molto esigente anche sul pesce. Al Conad City che ho sotto casa (a 200 metri) la carne non ce la prendo perché hanno solo quella francese. Alla Lidl potrei comprare il sale per la lavastoviglie, la carta igienica e forse un set di cacciaviti in offerta, a parte questo …
            Ci sono stato in questi discount, già a partire dal reparto frutta e verdura ti viene voglia di scappare (parlo a titolo personale), poi se ti serve qualcosa la scelta è sempre troppo limitata e non c’è nulla che mi convince.

            In tutto ciò non critico chi va alla Lidl, se fossi in ristrettezze andrei anche io a spendere alla Lidl, ma se fossi in ristrettezze non mi potrei comprare un’auto da 38000 euro. Se mi passate l’iperbole, è un po’ come possedere una Ferrari e poi passare le vacanze estive in tenda in campeggio … Forse era meglio non comprare la Ferrari e scegliere un bed & breakfast con ottime recensioni …

          • Ha risposto Enzo per me, pure io abito in una zona ricca, in Brianza forse la più ricca d’Italia, ma è ricca perché ci sono diversi imprenditori da piccoli ai giganti che distribuiscono posizioni elevate e remunerate, ma han comunque quel migliaio di turnisti in produzione o a giornata u più piccoli, la fetta di chi non può è comunque sempre più grande di quella che può, ma soprattutto è questione di priorità, anche se prendo 1800 anziché 1200 di altre figure professionali, è comunque un esborso enorme che fai solo se per te l’auto è così importante da investirci una grossa fetta delle tue entrate, perché se un auto basic soddisfa il bisogno di mobilità per andare in fabbrica, una da 40mila euro è ben oltre il soddisfare il bisogno primario… Se poi mi dici che per lavoro ti serve un auto di un certo tipo, ti rispondi da solo, se fai un lavoro di un certo tipo hai entrate che non sono quelle di un normale dipendente e magari puoi anche scaricarla dalle tasse con un risparmio ulteriore.
            Posso dire di far parte della categoria che se la potrebbe permettere, ma col cavolo che spendo tutti quei soldi per qualcosa che dovrò dar via tra 7 o 8 anni se va bene a metà del suo valore, non mi interessa apparire (salvo essere presentabile dai clienti con l’auto pulita), l’auto figa non mi fa sentire né più figo né più importante, non mi interessa fare gli spari al semaforo con quello affiancato, non mi interessa usare l’auto per far colpo su un potenziale partner, mi interessa solo che quando ci sto due ore seduto non scendo a pezzi (e oramai quasi tutte le auto van bene) e che se alzo un po il volume i bassi non facciano gracchiare casse e portiere, e ci aggiungo accesso keyless vero (che tirar fuori telefono o card non mi cambia dal usar una chiave) che tesla non ha per ragioni di sicurezza ma cmq non ha.
            Perché mai dovrei spendere 40k se per quello che devo fare e che mi serve ne bastano 20?(in realtà 14 perché era un km zero lol) se, dico un eresia, tengo quei 20k in tasca per comprarci la prossima auto? Contestualizzato il modo di vedere le cose, perché mai trovi corretto occupare 8h uno stallo gratuito ma lento di un supermercato, quando (a maggior ragione visto che secondo te quasi tutti sela possono permettere) potresti cacciare fuori quei 5€ di tasca per caricartela in mezz’ora e tirarti fuori dalle palle lasciando gli altri la possibilità di caricare? Perché te lo stai facendo per arraffismo, quello che la trova occupata dallarraffone magari è a secco e contava di caricare quei 10 km per tornare a casa dopo la spesa e pagarsi di tasca sua il resto della carica… Perché vedi, se te occupi qualcosa di gratuito non sei solo furbo perché sfrutti la cosa, stai anche togliendo ad altri il diritto di sfruttarla per il motivo per cui è stata messa, non c’è scritto “ricarica gratis per tutti” come non c’è scritto solo mezz’ora, ma come ti senti in diritto di escludere la possibilità che sia da usare mezz’ora, perché automaticamente dai per scontato che sia messa lì apposta per te che fai lo scroccone? (il te è un te generico eh hehe) più ci aggiungiamo i veicoli dei concessionari abbandonate le giornate a caricare.. Qui tra l’altro non sono nemmeno più dei privati ma aziende, lidle potrebbe fargli causa

          • Ah franco, scanso equivoci, nessuno ha da dire assolutamente niente se con la tesla vai alla lidl, fai la spesa metti in carica e poi tene vai, il discorso vale per quelli che arrivano la mattina e la lasciano attaccata finché escono da lavoro o peggio se abitano li solo quando devono uscire

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome