Home Auto Renault pensa in grande per sfidare anche Tesla

Renault pensa in grande per sfidare anche Tesla

0
CONDIVIDI
Gilles Normand, direttore Veicoli elettrici del Gruppo Renault.

Renault pensa in grande per sfidare Tesla. Entro due anni arriva un’auto elettrica “di appeal”, con 500 km di autonomia e ricarica rapida da 150 km in 15 minuti.

Renault pensa in grande: arriva il modello da 500 km

La conferma che la gamma della marca francese non si limiterà alle piccole (la Zoe e prossimamente la Twingo Z.E., oltre alla Dacia Spring) è venuta da Gilles Normand. Il direttore dei veicoli elettrici Renault, in collegamento via Zoom con 30 giornalisti italiani, ha svelato i piani del Gruppo, leader in Europa sia nelle auto, sia nei veicoli commerciali. Normand ha mostrato una slide con i prodotti in arrivo e tra questi c’è appunto un’auto che dovrebbe derivare dal concept Morphoz, mostrato a marzo. Con una piattaforma completamente nuova, concepita per l’elettrico.

renault pensa in grande
La gamma del Gruppo al 2022 (fonte: Renault). Sotto il concept Morphoz, da cui deriverà il modello  “di appeal”.

renault pensa in grande

“Competere con Tesla? Diciamo che in un certo senso siamo complementari. Entrambi abbiamo investito nell’elettrico tra i primi, condividendo una visione legata non solo ai veicoli, ma a un ecosistema. Noi pensiamo che nel 2025 l’elettrico sarà al 15-20% e che in quella quota di mercato ci sarà spazio anche per auto di un certo appeal“.

Oltre 10 mila Zoe prenotate a luglio

la renault pensa in grande
Fonte: Renault Group

renault pensa in grandeÈ chiaro però che il cuore della produzione elettrica Renault resterà la Zoe. Normand ha rivelato che a giugno ne sono state prenotate in tutta Europa più di 10 mila. E che da quando è stata lanciata, sette anni fa, la Zoe ha già superato le 200 mila immatricolazioni.  Sono numeri importanti, per i quali parlare di di nicchia di mercato sarà presto un concetto superato. Anche perché la citycar francese si sta affermando un po’ in tutta Europa come l’auto più utilizzata in un settore in grande espansione come lo sharing elettrico. Normand ha citato gli esempi di Parigi e Madrid (con Zity), di Utrecht, Copenaghen e Stoccolma. Ma anche in Italia ci sono esperienze significative, soprattutto a Bologna (TPER Corrente, 250 vetture) e in Lombardia (e-Vai, 110).

“La Dacia Spring sarà l’elettrica più a buon mercato”

Renault pensa in grande
La piccola Dacia Spring, in arrivo nel 2021, sarà la prima elettrica low-cost

Il Gruppo Renault intende comunque presidiare anche la fascia più bassa del mercato elettrico. La farà con la versione a batterie della Twingo, in arrivo a fine anno , ma soprattutto con la Dacia Spring.Sarà l’auto elettrica meno costosa del mercato e per la Dacia sarà la terza rivoluzione, dopo la Logan (la prima auto low Cost) e la Duster (il primo Suv di basso prezzo)”. Con quale listino? “Sapete che le elettriche sono un più costose delle auto termiche, ma quel che posso assicurare è che sarà l’elettrica meno costosa d’Europa”. In tutto, comunque, entro il 2022 la gamma Renault sarà composta da 8 modelli elettrici, compresi i veicoli commerciali, nei quali pure la marca francese è leader in Europa”. E in autunno arriverà anche in Italia la app Renault Z.E., convenzionata con i principali operatori, per semplificare le operazioni di ricarica (qui il sito)Renault pensa in grande, dunque, anche perché la concorrenza sta arrivando.

 

renault pensa in grande

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome