Home Auto Renault Kangoo Z.E. Concept, il van couturier

Renault Kangoo Z.E. Concept, il van couturier

0
CONDIVIDI

La Renault Z.E. Concept anticipa il linguaggio formale della nuova generazione di Kangoo a emissioni zero, attesa nel 2020. Il van si trasforma in un laboratorio mobile, ricco di tecnologia e di stile.

Non solo concretezza: preziosismi per il lavoro

I progettisti della casa francese, nello sviluppo della Z.E. Concept, si sono ispirati al mondo delle passenger car: linee scolpite, “spalle” arrotondate e archi passaruota pronunciati. Così l’immagine della macchina concreta e spartana, solitamente associata ai veicoli professionali, viene modificata. Al contrario, punta su dettagli curati. Si parte dalla speciale tinta unita “Grigio Australe” impiegata per la carrozzeria, in armonia con gli accenti verdi presenti sulle barre portapacchi e sulla griglia anteriore. Queste scelte cromatiche riflettono il concetto di “Lavoro” secondo Renault Design, delineato intorno al ciclo di vita di prodotto. Inoltre la griglia dei paraurti anteriore e posteriore si ispira alla grafica dei sistemi di raffreddamento dei dispositivi elettronici, accentuando la natura hi-tech del concept.

Una scultura illuminata

L’aspetto più interessante della Z.E. Concept è l’utilizzo della luce come un elemento architettonico sul corpo della vettura. Si comincia dalla nuova calandra frontale (verrà adottata anche sul resto della gamma dei veicoli commerciali leggeri), vetrata e completamente trasparente: ospita una linea luminosa continua che unisce i due proiettori anteriori a C, incorniciando il logo centrale e trasformandolo in un fregio. Passando alla fiancata, si ritrova un pattern che destruttura il disegno della losanga, illuminando la lamiera e “ricordando come gli attrezzi sono fissati sugli scaffali e sui mobiletti a rotelle in officina“.

In più, una lama a LED corre dalle maniglie delle portiere anteriori fino a raggiungere e racchiudere il marchio posto sul portellone posteriore. Così si viene a creare un gioco visivo simmetrico sul corpo della vettura. Tutto ciò senza sacrificare la capacità di carico, caratteristica fondamentale nella selezione di un van. Renault non ha ancora rilasciato informazioni sulle caratteristiche tecniche del Kangoo Z.E. Concept. L’auspicio è che, oltre l’evoluzione stilistica, la prossima serie offra un incremento di autonomia rispetto al modello attuale (che dichiara 200 km in condizioni reali d’impiego).

Pedalata con stile, per dove non arrivi con l’auto

Durante la progettazione di Z.E. Concept, il costruttore transalpino ha collaborato con il marchio Keim Cycles (già coinvolto dal gruppo Renault nei progetti TreZor e Symbioz) per realizzare una bicicletta elettrica in legno, ipotizzata per la consegna di merci in aree ad accesso limitato. L’officina di Savonnières è rinomata per la capacità di lavorazioni ebanistiche d’avanguardia e tailor-made. Qualità che si riscontrano nel design del velocipede e che riflette l’approccio tecnologico del monovolume a quattro ruote targato Renault. Anche in questo caso, non sono ancora disponibili dati sulle prestazioni della e-bike, ma si può ipotizzare che rispecchierà la normativa europea sulle bici a pedalata assistita.

— Leggi anche: EZ-FLEX, la Renault fuori dagli schemi. E qui:le pagelle a 7 furgoni elettrici