Home Auto Rc auto? All’italiana /2 Rischi da città

Rc auto? All’italiana /2 Rischi da città

0
CONDIVIDI

TORNA A: Rc auto? All’italiana

Ma a Londra suona l’allarme

Naturalmente queste specificità sono destinate ad attenuarsi quando e se l’auto elettrica diventerà un fenomeno di massa. O addirittura a capovolgersi, come sta accadendo a Londra dove, secondo un’analisi del Times, assicurare un’auto elettrica costa mediamente il 44% in più all’anno. In soldoni questo significa  1.070 sterline di aggravio delle tariffe medie.  Il giornale confronta la tariffa assicurativa per una Mercedes classe S con Testa modello S e con Zoe. Nel primo caso la differenza è di 1.859 sterline all’anno, nel secondo di 991 sterline, sempre a favore di Mercedes.

Il divario si giustificherebbe con il fatto che le auto elettriche circolano prevalentemente in città, dove il rischio di incidenti è molto più elevato. Itas per il momento non ha evidenza di tutto questo, e nemmeno dei ventilati maggiori rischi di incendio.

«Abbiamo letto di due casi verificatisi all’estero durante la fase di ricarica _ dice Pizzolotto _; fra i nostri assicurati non è mai successo. Anche di furti non ne abbiamo mai avuti, ma sappiamo di alcuni casi di furto delle batterie. Riscontriamo però una certa preoccupazione fra i nostri clienti che evidentemente non hanno ancora sufficiente fiducia sull’affidabilità di questi veicoli. Perciò stiamo studiando di arricchire le nostre polizze con garanzie accessorie su incidenti in fase di ricarica e copertura guasti. Non so se si tratti di rischi reali, ma vedo che gli utenti sono emotivamente sensibili ad essi».