Home Auto Questa foto merita di discuterne un po’

Questa foto merita di discuterne un po’

0
CONDIVIDI

Questa foto è stata postata su Twitter da un utente inglese, @UKfuel. È stata scattata a Londra. L’immagine è accompagnata da un lapidario commento: “madness”, follia. Merita una riflessione, per evitare altri autogol come questo.

Un cavo steso sul marciapiede, follia

L’auto è un’ibrida plug-in, una Mitsubishi Outlander. Per ricaricarla il proprietario ha avuto la bella idea di allungare il cavo alla presa di casa, facendolo passare per il marciapiede (pubblico). Per evitare che qualcuno inciampi, o peggio, ha ricoperto ed evidenziato il tutto con due avvisatori su cui è scritto: “Caution, trip hazard“. Ovvero: “attenzione, rischio di inciampare”. Il tema è serio. Vogliamo che un domani anche l’Italia, noto Paese di improvvisatori alla faccia della sicurezza e dei diritti altrui, diventi un campionario infinito di madness tipo questa? Con canaline che attraversano i marciapiedi, cavi sospesi ovunque e condomini in guerra per il moltiplicarsi delle ricariche selvagge? Sarebbe un clamoroso autogol per un settore, quello della mobilità elettrica, che è atteso al varco (con il fucile puntato) da un esercito di detrattori. Pronti a sfruttare ogni spunto per dimostrare che no, questa mobilità a emissioni zero non è affatto un progresso, ma un grande passo indietro rispetto ai cari, vecchi motori a benzina e gasolio. Bisogna che i Comuni stabiliscano regole chiare, che non appesantiscano di inutili orpelli burocratici, ma evitino gli abusi come questo. E si deve partire dalla ricarica domestica, che è chiaramente il settore più delicato, anche per prevenire comportamenti scorretti sul piano della sicurezza. Ma anche la ricarica pubblica deve essere disciplinata con più precisione. Oggi viviamo in un’anarchia di misure e di colori (degli stalli) che devono essere definiti prima del prevedibile boom del settore, atteso nel 2020. Non vorremmo, un domani, pubblicare decine di foto come queste, ma scattate a Roma, Milano, Napoli…

P.S. Grazie a chi ci ha segnalato la foto su @Twitter

Guarda la nostra guida facile alla ricarica