Home Auto Quando Salvini esaltava la Dr (a trazione cinese)

Quando Salvini esaltava la Dr (a trazione cinese)

20
Matteo Salvini durante un'intervista (foto dal sito del Ministero delle Infrastrutture).
Charxcontrol

Quando Salvini esaltava la Dr, l’azienda molisana che ora è stata sanzionata dall’Antitrust (6 milioni di euro) per avere spacciato per italiane auto cinesi.

quando Salvini
L’intestazione della decisione sulla Dr dell’Autorità Antitrust.

Quando Salvini parlava di “azienda straordinaria: fare auto in Molise…”

Proprio lui, il più fiero avversario dell’auto made in Cina e in particolare dei veicoli elettrici, considerati il cavallo di Troia per svendere ai cinesi l’automotive europeo.

Proprio lui, il vice-premier e ministro delle Infrastrutture, un anno fa visitava la sede di Macchia d’Isernia abbandonandosi a elogi sperticati: “La Dr Automobiles Group è un’azienda straordinaria, perché già fare impresa in Italia è cosa notevole vista la burocrazia, farlo in Molise vale doppio. Devo dire che fare auto a Torino o a Miliano è un conto, farlo a Macchia d’Isernia, aprire all’estero e vendere decine di migliaia di pezzi mi rende orgoglioso di essere umile partecipe di questa evoluzione“.

E naturalmente non era mancato l’attacco alla UE: “Cerchiamo, e cercheremo, come ministero di mettere le aziende in condizioni di crescere, senza l’ideologia che l’Europa vuole imporre con solo l’elettrico”

quando Salvini
Massimo Di Risio, numero uno di Dr Automobiles.

Il bello è che Di Risio non ha mai nascosto i legami con laCina

A lasciare ora sgomenti non è tanto la decisione dell’Antitrust, quanto (soprattutto) la linea difensiva scelta dal proprietario della Dr, Massimo Di Risio: “La delocalizzazione in Estremo Oriente di parte della produzione delle autovetture (pratica comune nel settore automotive) commercializzate da Dr Automobiles Group non è mai stata celata al pubblico.

Come testimoniato da numerosi articoli di stampa e servizi televisivi, nonché dalle informazioni divulgate attraverso i canali ufficiali web e social del gruppo“. Come dire: lo sapevano tutti e noi non l’abbiamo mai nascosto. Meno Salvini, che evidentemente dovrebbe far studiare meglio al suo staff le aziende da visitare ed elogiare.  Tanto più che un anno fa dichiarava entusiasta che “la qualità del prodotto Dr commisurato col prezzo è notevole“. Forse perché è un prodotto (in gran parte) made in Cina?

Apri commenti

20 COMMENTI

  1. il nostro ministro è capace di dichiarare tutto e il contrario di tutto; fa solo propaganda demagogica con l’esclusivo obiettivo del consenso. Per la tragedia del bus di Mestre metteva pesantemente in discussione “l’elettrico”, sei mesi dopo lo esaltava all’inaugurazione a Taranto con queste parole:

    “Sono contento perché è il più grande investimento sulla mobilità e il più grande appalto per i cittadini di Taranto, quasi 300 milioni di euro che cambiano la vita ai lavoratori, agli studenti, ai pendolari. Avere autobus elettrici, non inquinanti che uniscono i quartieri della città, con i primi passeggeri che saliranno sul bus già nel 2025 e i lavori saranno ultimati nel 2026, vuol dire una risposta concreta, immediata, ed è la tutela dell’ambiente seria…”

    https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/video/taranto/1503483/taranto-salvini-inaugura-cantiere-bus-rapid-transit-un-occasione-per-la-citta.html

  2. E questo, del ministro, è stato forse uno dei commenti più intelligenti, informati e meno deleteri per il Paese.

  3. Una volta gli uffici stampa dei politici riportavano le dichiarazioni dei politici. Ora sono i politici a riportare quanto suggerito dall’ufficio stampa. Risultato: gaffes, contraddizioni e manifesta ignoranza di quello che succede nel paese. Salvini è un incompetente, non sa letteralmente nulla.

  4. Sono uno di sinistra che alle comunali ha votato una candidata civica ma sostenuta da tutto il cdx… ho guardato alla Persona e alle sue capacità! Vaielettrico ha lo stesso atteggiamento, per esempio, con Formigli che non mi risulta essere vicino al cdx… i giornalisti dovrebbero essere indipendenti e guardare ai fatti…infatti basta guardare come siamo messi come libertà di stampa…e…tutto è politica!! Poi se Salvini è “fatto così “ dobbiamo tacere? A me sembra che a supporto abbia giornali e tv…che poi x i temi ambientali e mobilità elettrica il tam-tam corrisponda in larga parte all’area di cdx…a me appare quantomeno interessante!

  5. questo è il bello del mestiere del giornalista, richiedere di rendere conto di tutte la salvinate o vannacciate che si sentono in giro. Grazie Degli Esposti, continua così.

    • 80% responsabilità il guard rail con varco non a norma e di carta velina
      20% responsabilità guasto meccanico

      100% sciacallo il ministro

      • Obietterebbe che i bus cinesi (economici e BEV) son pericolosi… peccato che la batteria sul tetto abbia fornito prova eccelsa di sicurezza pur precipitando da un viadotto!

        Magari augiamoci che il nascente consorzio bus BEV nazionale già trattato da V.E. sia ampiamente supportato a costruire veicoli più sicuri per tutti (trasportati, conducenti e compagni di strada) ed economici nel costo di gestione del nostro disastrato settore TPL

  6. Mi sembra un articolo che dia giudizi politici, con toni in parte ironici, ma politici. Il servizio sarebbe sicuramente migliore astraendosi da questo tipo di osservazioni, che lo fanno, in questi frangenti, cadere di livello.

    • Salvini è il ministro dei Trasporti e non passa giorno che non faccia uscite pubbliche contro l’auto elettrica. Uscite di cui viene dato ampio riscontro sulla stampa nazionale. Ci vorrà pure un luogo libero dove di queste sparate gli viene chiesto conto, o no?

    • Chi fa politica si espone a giudizi politici. Se non voleva essere giudicato politicamente poteva andare a fare un altro mestiere.

    • Il MATTeuccio nazionale negli ultimi anni si è autonomamente tuffato in tutte le polemiche in corso e potenziali… ergendosi a paladino di una qualche forma libertaria (no vax, no tutor, no zone 30, no limiti velocità troppo bassi..no BEV etc) “SALVO” fare ogni tanto clamorose retromarce quando le responsabilità di governo, interessi di altri gruppi di coalizione o sonore proteste del pubblico hanno fatto capire qual’ė il fronte su cui conviene schierarsi. Tante giravolte non han certo favorito ultimamente l’ “onorevole banderuola”, pur sgomitando tanto con -la freccia a destra “.

      Tornando OT alle sue competenze di più stretta rilevanza… dovrebbe favorire al massimo politiche di fluidificazione del traffico certo non rendendolo selvaggio ed appannaggio di piedi pesanti e veicoli potenti (e più sicuri in SUV carrarmato rispetto alla piccola debole utenza con vecchie carrette fumanti).

      Nei ristretti spazi disponibili in Italia non è possibile costruire High Ways a 5 corsie ove fare correre chi vuole e viaggiare piano e sicuro gli altri. Aumentare le velocità medie porta a due certi fenomeni:
      1) incremento del delta velocità tra veicoli, con conseguente formazione di “code da frenata brusca” e forti rischi in caso di collisione.
      2) aumento di consumi, inquinamento e deterioramento delle strade (specie nei periodi molto caldi) senza aver chissà quale beneficio nei tempi di percorrenza…visto che una velocità più bassa ma più regolare porta a migliorare tutti i suddetti punti di osservazione

      Un ministro dei trasporti deve si favorire la qualità dei trasporti e dei veicoli.. giustamente prodotti in Italia..e deve collaborare con i colleghi per avere la migliore tecnologia possibile in vendita sui mercati mondiali..se non vuole restringere quel che resta della nostra industria automotive ad un mercatino Cuba style.

  7. Sfido che la elogiava, BRUCIA LA BENZINA DEI SUOI AMICI (e di tutto il governo attuale), e pure del PD.

    Fossero state elettriche le avrebbe attaccate fino allo sfinimento.

  8. quando qualcosa e’ a favore della vera democrazia la chiamano populismo , qualcosa a favore della natura la chiamano ideologia distorta europea . ( breve pensiero magari inutile ma mi e’ venuto cosi ‘ )

  9. Con questo governo stiamo vivendo una fase molto brutta dell Italia, ministri indagati, doppiogiochisti,la capa che ha problemi con i suoi bravi ragazzi dei circoli,vedesi inchiesta fanpage,poi fanno di tutto per negare il rallentare questa transizione,molto bravi devo dire

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: