Home Auto Quando i pannelli fotovaltaici sulle auto? Vaielettrico risponde

Quando i pannelli fotovaltaici sulle auto? Vaielettrico risponde

9
CONDIVIDI
Un prototipo del pick-up Tesla, il Cybertruck, con un grande pannello solare sul tettuccio.

quando i pannelli

Quando i pannelli fotovoltaici sulle auto, in grado di produrre energia e ricaricare? Se ne continua a parlare e un lettore, Gregorio, vuol saperne di più.

Salve potreste parlare dei pannelli fotovoltaici da applicare sull’auto magari con una modifica After market. Penso che attualmente sarebbero un aiuto concreto per viaggiare qualche km gratis, tipo sul tetto di una berlina ci andrebbero almeno 3 pannelli fotovoltaici di quelli flessibili da 100 watt CAD uno, e poi anche sul vetro anteriore, in totale sarebbero almeno 400watt di picco, che in una giornata tipo accumulerebbero 2 kw. Grazie cordiali saluti. Gregorio Cassandro.

Quando i pannelli…? Vediamo cosa bolle in pentola

Risposta. Ci stanno lavorando in tanti, ma finora siamo fermi ai progetti e agli annunci. Per Tesla Elon Musk me parlò una prima volta nel 2017, per poi riprendere più volte l’idea nelle sue conference call. Non per le auto, ma per il pick-up denominato Cybertruck, il cui lancio è stato più volte rinviato. Musk aveva parlato di una versione con tettuccio solare amovibile in grado di aggiungere fino a 15 miglia (24,1 km) di autonomia al giorno. Naturalmente il dato effettivo dipende da molti fattori, come da che parte del mondo ti trovi e dove parcheggi l’auto.

quando i pannelli
Il prototipo “solare” Toyota mostrato due anni fa: autonomia fino a 56 km con energia auto-prodotta.

Un altro progetto riguarda la Toyota Prius Prime e fu annunciato già 5 anni fa. Se ne è riparlato nel 2019 (qui il nostro articolo), quando la Casa giapponese mostrò un prototipo di un altro modello dotato di un’autonomia col solare di 56 km al giorno. Creato con NEDO e Sharp, questo secondo concept aveva nuove celle in grado di convertire in elettrico l’energia che arriva dai raggi del sole al 34%, con 860 Watt di potenza. Ma non ci risulta che neppure questo secondo studio sia mai arrivata sui nostri mercati. E la stessa Hyundai ci sta provando.

E poi ci sono le start-up, tra sogno e realtà

Quando i pannelli
La Sion di Sono Motors, azienda bavarese: 34 km di autonomia con energia auto-prodotta.

E poi ci sono le start-up, tra sogno e realtà, per dirla alla Ligabue. La più famosa è la tedesca Sono Motors, con la sua Sion. Due ragazzi e una ragazza di Monaco uniti dal sogno di un’auto che corra spinta solo dalla luce del sole. Lei si è persa per strada, i due ragazzi resistono e hanno portato bordo partner tecnici importanti (Continental e Bosch) e anche parecchi soldini. L’ultima apparizione è stata al CES di Las Vegas, a inizio gennaio, e pare che ci siamo con la preparazione del modello che poi dovrebbe entrare in produzione. Autonomia con l’energia auto-prodotta? Si è parlato di 34 km. E ora i due ragazzi bavaresi lavorano anche a un rimorchio fotovoltaico, per auto-produrre energia sui sui mezzi pesanti.

quando i pannelli
La Lightyear One, auto “solare” olandese con 70 km di autonomia da energia auto-prodotta.

La prima auto solare ad arrivare sul mercato potrebbe essere l’olandese Lightyear One, attesa per fine 2021 e già in vendita a 150 mila euro più tasse. Lo slogan è  intrigante: “Viaggia per mesi senza ricaricare“. Promette fino a 70 km di autonomia in elettrico/giorno, con 5 m2 di superficie ricoperta da pannelli e un’eccezionale coefficiente aerodinamico di 0,20. Da provare, ma il prezzo…

P.S. Eviteremmo le soluzioni after-market. Non è un’implementazione banale, c’è il rischio di portare a spasso peso che consuma più energia di quella che si auto-produce.

 

 

 

 

 

9 COMMENTI

  1. Succederà quando i benefici saranno maggiori dei costi. E visto che i benefici sono minimi i costi dovranno essere prossimi allo zero. Poi ovviamente c’è anche il discorso estetico, per quanto vedere dei pannelli solari su un’auto abbia un sapore molto cyberpunk vederli così appiccicati sulla carrozzeria non è proprio il massimo. Meglio qualcosa con un rendimento inferiore ma esteticamente più piacevole, non so una vernice o un wrapping in grado di assorbire l’energia solare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome