Home Alla ricarica Prism si rinnova e si fa impresa: eccovi Silla Industries

Prism si rinnova e si fa impresa: eccovi Silla Industries

9
CONDIVIDI

Prism è in vendita da qualche anno. E’ sicuramente la più originale e anche la più piccola wall box made in Italy oggi sul mercato. Anche per questo ha avuto un successo tale da indurre i due giovani fondatori, i padovani Alberto Stecca e Cristiano Grilletti, ad industrializzarla e incardinarla in una vera e propria azienda: Silla Industries.

prism
Alberto Stecca, a destra, con il socio Cristiano Grilletti

“Da Silla Industries aspettatevi di tutto”

Silla Industries oggi è una start up, ma con  già 12 dipendenti diretti e 6 esterni, una linea produttiva capace di sfornare 1.000 wall box al mese (3.000 entro l’anno) e un cassetto pieno di idee.  Sarà presto famosa, siamo pronti a scommetterlo. Nel frattempo abbiamo chiesto ad Alberto Stecca di raccontarci di persona la rocambolesca nascita del progetto Prism e gli ancor più mirabolanti progetti futuri. Fra i quali, ci dice Alberto, «nulla è escluso, tranne la produzione di un veicolo a quattro ruote. Ma lo escludiamo solo per i prossimi due anni».

Non svela di più. Però accenna agli accumulatori statici come a un prodotto di grandissimo interesse. Come vedremo, la connessione e il dialogo costante con l’accumulo domestico è del resto uno dei plus del sistema Prism.

prism

Tutto l’universo della ricarica, secondo Alberto, è ormai in fase di crescita esponenziale. Silla Industries lo cavalcherà da protagonista e per questo non vuole lasciarsi scappare la minima occasione.

Arriva Prism Basic a prezzo stracciato

Per esempio, ha già risposto alle modifiche del Superbonus 110% sull’efficientamento degli edifici che ha ridotto i massimali incentivabili per le wall box (da 3.000 euro a 2.500-2.000 e 1.500 a seconda della tipologia).  A giorni uscirà quindi il modello Prism Basic ad appena 360 euro, con cavo integrato di 5 metri e presa tipo 2, tutte le funzioni di sicurezza e dialogo con la rete domestica per evitare i distacchi, ricarica da 3 a 7,5 kW in monofase. «Ce lo chiedevano le imprese di costruzioni per installarlo di default nei condomini in ristrutturazione, restando nei limiti del bonus. Questo mercato è esploso e non potevamo lasciarcelo scappare» spiega Stecca.

Ma cambi cover e diventa Prism Solar

Il bello è che basterà sostituire la cover frontale con un accessorio separato, la Smart Cover,  per ottenere tutte le funzioni del modello di punta, Prism Solar.

La versione Solar ha, oltre al controllo da remoto,  la prerogativa di integrarsi con l’eventuale autoproduzione di energia da fotivoltaco. Ma a diferenza delle wall box di altri costruttori, Prism Solar lo fa attraverso l’accumulo domestico. Bilancia perciò la quota da stoccare nell’accumulo o nella batteria dell’auto per minimizzare il prelievo dalla rete. Prism Solar è fornita anche in una versione trofase eppure, nel modello Duo con doppio connettore (in trifase può ricaricare due auto a 7,5 kW, o  in monofase ciascuna a 3,2).

Pronti per la sperimentazione Arera

Silla Industries si è già candidata anche a prender parte alla sperimentazione di Arera e Gse per l’aumento delle potenza a 6 kW di notte e nei festivi. «Aspettiamo le specifiche di Arera sui protocolli di dialogo _ dice Stecca _ ma sicuramente Prism sarà fra i dispositivi compatibili». Da qui a fine anno, promette, arriverà una nuova Prism. Sarà dotata di misurazione dell’erogazione e billing pensata per alberghi o ristoranti che vorranno vendere servizi di ricarica. E una (per ora misteriosa) Prism 2.0 da integrare direttamente nelle opere edilizie, quindi da incasso.

prism
Prism Solar è gestibile da remoto attraverso lo smartphone

“Siamo partiti come automobilisti elettrici”

Nella nostra lunga chiacchierata Alberto Stecca ci racconta anche come sia nata l’idea di Prism.  «Ho gestito per anni la concessionaria auto di famiglia e proprio lì ho capito che stava per cambiare il mondo. Nel 2015 ho deciso di giocare in contropiede e sono cambiato io. Mi sono messo in Tesla e ho cominciato a sperimentare cosa ancora mancasse nell’ecosistema della mobilità elettrica». Cosa manca? «Tantissimo. Una ricarica domestica dedicata è la prima cosa che mi venne in mente quando, nel 2017, incontrai a Roma un genio dell’elettronica come Cristiano. Il resto lo vedrete presto».

AGGIORNAMENTO A seguito delle segnalazioni di alcuni lettori abbiamo verificato che c’è una discrepanza tra il prezzo di listino di Prism Basic indicato da Alberto Stecca nell’intervista (360 euro) e quello indicato sul sito di Silla Industries (730 euro Iva inclusa). Abbiamo chiesto spiegazioni all’azienda che si è scusata per l’equivoco. Il prezzo corretto è quello riportato sul sito. Il prezzo di 360 euro è quello della Smart Cover che consente l’upgrade della wall box con le funzionalità della Solar.

—-Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube

9 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome