Home Vaielettrico risponde Presa di ricarica scomoda: ma perchè la mettono li?

Presa di ricarica scomoda: ma perchè la mettono li?

29
CONDIVIDI
auto elettrica

Perchè molti costruttori collocano la presa di ricarica in alto, sulla fiancata posteriore destra, in una posizione difficile da raggiungere posteggiando l’auto in un normale box chiede Marco? Potete inviare i quesiti a info@vaielettrico.it

presa di ricarica
Una VW ID3, con la presa di ricarica nella posizione classica, sul posteriore lato destro in alto. E’ la posizione meno esposta a danni in caso di sinistro

Non posso entrare nel mio box a retromarcia

Buongiorno, sono utilizzatore di e-mtb e sto osservando da qualche tempo il mondo delle auto elettriche, anche tramite il vostro sito.

C’è un dettaglio che ho notato e mi ha creato perplessità: molti fabbricanti posizionano la presa di ricarica sul lato posteriore destro.
Per me e per gli altri 99 utilizzatori di box dove lascio l’auto ogni notte questo significa dover escludere quei modelli dalla scelta, perché entrando in retromarcia si sta a destra (altrimenti come scendiamo dall’auto ?), troppo vicino al muro per poter avere accesso e inserire la spina del cavo di ricarica. Sono convinto che siano tantissimi nella stessa situazione e non solo in Italia.
Questi costruttori preferiscono risparmiare un tratto di cablaggio e perdere potenziali clienti o mi sfugge qualcosa ? Marco Calleriù

E’ la posizione più sucira in caso di sinistro

RISPOSTA-I costruttori sono ben conscienti del problema che solleva lei, caro Marco. E sanno bene che la presa di ricarica collocata in alto, a destra o sinistra, nella fiancata  posteriore dell’auto può causare non pochi problemi di accesso alle colonnine o alle wallbox dotate di cavo connettore integrato. Più comodo sarebbe, per l’utente, avere la presa nel frontale, tipo la Nissan Leaf, Renault Zoe e Dacia Spring: oppure  nel posteriorie.
presa di ricarica

E il dispositivo di ricarica costa caro

Il problema è che frontale e posteriore sono le zone più esposte agli urti. In caso di sinistro che danneggiasse la presa, la spesa di riparazione potrebbe essere molto alta, da due a tre volte più di quella per il semplice ripristino della carrozzeria. Ecco perchè molti costruttori hanno scelto di collocare la presa in alto lateralmente, sia nell’anteriore sia nel posteriore, statisticamente le zone che più raramente vengono danneggiate negli incidenti.

presa di ricarica

Tenga presente che le stesse difficoltà potrebbe averle anche accedendo alle colonnine pubbliche, i cui cavi integrati, in particolare nelle ricariche in DC ad alta potenza, sono molto costosi e quindi mai troppo lunghi.
Le wallbox domestiche possono avere in optional cavi integrati anche di 6 metri che raggiungerebbero la presa della sua auto comunque venisse parcheggiata nel box. Oppure può optare per una wallbox senza cavo integrato e procurarsene uno sul mercato di lunghezza adeguata.

-Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it-

Apri commenti

29 COMMENTI

  1. Io ho uno di quei modelli, con presa dietro a dx, non è sbagliata se pensate al parcheggio lungo le strade, meglio che di fronte, se la colonnina fosse tra 2 stalli servirebbero 5m di cavo.
    Ma io carico in garage ed è molto stretto, la soluzione? Parcheggiare lievemente storti, alla fine bastano pochi cm più dell’ingombro dello specchietto, non serve neppure che lo sportellino sia completamente aperto, io metto uno straccio per non rovinarlo contro il muro e via…
    …Ah giusto la mia classe B non ha la coda quindi la presa è ad 1 spanna dal posteriore, fosse a 60cm non ci arriverei.

  2. Left side is the right side. Right side is the wrong side.
    Left side is the right side. Right side is the wrong side.
    (Cit)

    La parte corretta è quella lato guida, non ci sono storie. Il problema è che il lato guida è da entrambi i lati. Quindi non potendo spostare la porta per motivi economici… se ne privilegia uno. Il mercato di riferimento forse.

    Francamente la motivazione dei costi di riparazione mi pare un po’ una “paraculata”. Quando mai un costruttore si preoccupa del post vendita???
    Lui produce il mezzo e i pezzi di ricambio. A lui conviene la riparazione. 😀

    • quando un OBC costa 4k e tu glielo devi spiegare, e ti prendono a sputi in faccia, quello stesso OBC lo metti nel posto più riparato possibile…

      • Chi deve spiegare cosa a chi?
        Sii più chiaro. Non si capisce nulla. 🙂
        L’OBC costa, il paraurti costa, il lunotto costa, un banale specchietto retrovisore costa, i fari costano. Tutto costa.
        Non è che il motore termico lo metti nel vano motore per evitare che si rompa….. Se non ci fossero motivi strutturali/sicurezza ad avere il telaio che ingabbia il motore, lo lascerebbero all’aria. (in passato ricordiamo che il motore ti entrava in abitacolo….).

        • Mi sembra molto chiaro quello che dice KrissParker. Uno specchietto costa 300-400 euro, un OBC costa fino a 4.000 euro. Capita la differenza?

          • E’ palese che costino cifre differenti, cerchiamo di confrontarci allo stesso livello. La mia domanda è chi deve spiegare cosa a chi.
            Come ho aggiunto sopra, al produttore cosa importa del costo riparazione? Più costa, più fa margine.
            Chiedo questo e mi si risponde che fa differenza per il cliente finale.
            Chiedo mele e mi danno pere.
            Capita la differenza?

            Poi certo, se volete continuare ad avere prese in posti scomodi perchè nel caso di incidente vi costa meno la riparazione buon per voi.
            Io nel 99.999% dei casi l’auto la USO, non la riparo. Quindi deve essere comoda nell’USO.
            Ovviamente mia personalissima opinione.

          • Penso che i costi di manutenzione e riparazione siano una variabile che interessa la gran parte degli utenti, a parte lei. E penso che per le case auto, o per la gran parte di esse, non sia un gran bilgietto da visita presentarsi con un modello che può subire danni di molte migliaia di euro per un banale tamponamento. Quanto alla comodità, non generalizzerei. Nel mio garage, per esempio, i collegamenti elettrici sono sul lato destro, all’ingresso. Quindi la posizione più comoda per la presa di ricarica è quella tanto criticata qui: lato posteriore destro, in alto.

          • Non ho parlato di manutenzione. Solo di riparazione. La manutenzione è un’attività continuativa, un costo di cui tenere conto. La manutenzione è il costo delle gomme, dei liquidi, ecc ecc..
            Se siamo concordi su questo si può dialogare alla pari.
            La riparazione è un atto sporadico. Avviene solo a seguito di danneggiamento. E se il danneggiamento non è colpa nostra, molto probabilmente lo paga l’assicurazione altrui.
            Se è colpa nostra siamo causa del nostro male. E va bene pensarci, certo. Ognuno si farà i conti in tasca. Ma non ho mai letto in vita mia una casa costruttrice che si vanta della riparabilità del proprio mezzo e dei bassi costi dei ricambi. Probabilmente mi è sfuggita quindi se qualcuno me ne cita qualcuna mi farebbe molto piacere.
            Ma, guarda un po’, molte case usano come selling point il basso costo della manutenzione, questo si. vedi Hyundai e Toyota per dirne due.

            Per quanto riguarda il garage, certo. Ognuno ha le sue esigenze. E le proprie comodità. Personalmente visto che ho il lato guida a sinistra, nel garage ci entro, in retro, tenendo la macchina vicino al muro destro. Quindi non ci passerei per attaccare il cavo.
            Motivo per cui ho scelto un’auto con la porta di ricarica posteriore – sinistra e ho montato la presa di potenza in quella zona del garage.
            Di solito tendo ad adattare le cose che uso a me e non viceversa. O vogliamo dare ragione a chi dice che con l’elettrico devi adattarti tu alla macchina?

      • Scusate, ma la parte esposta è la presa di corrente, l’OBC non è a filo carrozzeria, è annegato in mezzo agli altri componenti dell’auto, ben lontano dalle superfici di contatto.
        Ad esempio la Taycan ha due porte esterne (che sarebbe la soluzione perfetta) ma un solo OBC, ben visibile in questo schema:
        https://media.porsche.com/mediakit/taycan/Bilder/Technische-Illustrationen/image-thumb__5416__mk2-modal-item/P19_0701_a3_rgb.jpg
        dove i cablaggi sinistro e destro convergono, mentre il cablaggio aggiuntivo di destra per la DC (la taycan carica in DC solo a destra) va direttamente al BMS non necessitando di conversione AC/DC. E se cercate gi schemi del PCS di Tesla ad esempio, stessa cosa:
        https://cdn.dmove.it/images/788/large_dmove_spaccato_model_3.jpeg
        Quello che si vede sulla carrozzeria è la fine di un cavo.

        Se subisco un incidente mi si danneggia la porta, che è l’equivalente della presa a muro di casa, ma il quadro elettrico sta da un’altra parte.

  3. Dipende anche da come è fatto il garage 🙂 il mio ha la presa a muro sulla destra vicino all’ingresso, la posizione ideale per caricare la Twingo. Se la presa dell’auto fosse stata sul muso, avrei dovuto fare mettere un’altra presa 😀

  4. Porto la mia personale esperienza….
    il mio garage è stretto… ma entro col muso ed ho la presa dell’auto dietro a destra. Con la mano aprire lo sportellino ed infilare la presa non mi cuba nessuna difficoltà, tanto più che, per quanto possa voler andare a destra, ora della fine, non uso lo spazio fino allo strusciamento dello specchietto.
    Inoltre, la colonnina l’ho posizionata in modo che sia particolarmente comoda, ossia nell’angolo destro, vicino all’apertura del garage.
    D’altra parte, la presa a destra è molto pratica nei paesi, come il nostro, con guida a DX.

  5. A sinistra ” lato guida ” sarebbe molto più comoda come molte termiche, per il fatto che ti lasci sempre lo spazio per scendere, e di conseguenza lo spazio per mettere la spina 🤷

  6. In realtà è molto più semplice.
    Tutte le auto di cui esiste la versione termica o che ne condividono parti costruttive hanno la presa nello stesso posto del tappo della benzina altrimenti dovrebbero progettare, produrre e montare dei pezzi ad hoc.

    Le auto elettriche “pure” che non derivano da motori termici invece hanno la presa in un posto comodo per la ricarica.

    • Ni.
      La piattaforma Id. di Volkswagen ad esempio è nativa elettrica ma ha la porta di ricarica nel posteriore destro. Kia EV6 ce l’ha nell’angolo posteriore destro. E sicuramente ci sono altri esempi.
      In generale, a sinistra ha senso per caricare a casa in posti stretti, perchè come detto è lo stesso lato della porta del guidatore. A destra ha senso per caricare a bordo strada dove si guida a sinistra, come da noi, perchè la porta e soprattutto il cavo è al sicuro sul lato marciapiede.

      E’ difficile dire quale sia il lato migliore da usare.

      PS: per chi cita i supercharger, il problema in realtà non è la posizione della porta, ma il fatto che il loro caricatore ha in dotazione un cavo vergognosamente corto.

      • Ni pure io. 😀
        Se noti la parte di carrozzeria della auto che hai citato sono utilizzate da modelli termici precedenti per risparmiare nella filiera. La ID.3 per esempio condivide quella parte con la Golf.
        Conoco diversi designer che devono scontrarsi con il “riutilizzo” di parti di altre macchine per questo motivo.
        Se i produttori pensassero davvero a rendere le auto meno costose da riparare in caso di incidenti avremo delle soluzioni molto diverse. 😉

          • Nessun riutilizzo di componentistica, parlo esclusivamente di carrozzeria.
            Una volta definito il design di un’auto tutta linea di montaggio è complessa e costosa da creare e più parti simili utilizzi e più abbatti i costi.
            Perchè la mia Twingo elettrica ha la chiave di accensione? Perchè ha il bocchettone nello stesso posto di quella termica? Perchè il cofano ha le prese d’aria tappate da plastica? Per ridurre i costi e velocizzare la produzione utilizzando tutte le risorse sviluppate precedentemente.

          • Mah, io ho solo riferito quello che mi hanno detto i costruttori, ruguardo alla parti più vulnerabili di una vettura e ai costi di riparazione di un dispositivo di ricarica. E mi sembrano argomentazioni credibili. E trovo anche credibile che i progettisti continuino a riprodurre elementi inutuili (prese d’aria, calandra anteriore ecc.) per non stravolgere il look di modelli consolidati.

          • Onestamente quella che ti hanno dato è una risposta da “marketing”, come dicevo in precedenza per lavoro ho contatti diretti con i reparti che sviluppano il design delle auto e ribadisco quello che ho scritto.

            Comunque se sono sembrato polemico mi dispiace, non era mia intenzione, seguo sempre il vostro lavoro e ho solo complimenti per tutto quello che fate. Volevo solo riportare la mia esperienza per aggiungere un tassello al puzzle. 😉

          • Nessun problema Guido: le diverse opinioni sono il sale di ogni discussione costruttiva. Non essendo un addetto ai lavori, mi sono limitato a fare il giornalista: ho chieso lumi alle case auto e ho riportato quello che mi hanno risposto.

      • Rispondo al “vergognosamente”: è una scelta progettuale. Il cavo è relativamente sottile per essere più maneggevole (il connettore proprietario USA è grande come il cavo), ma è raffreddato a liquido internamente e quindi corto per motivi di circolazione fluido di raffreddamento. Tutti (…) i modelli hanno la presa di ricarica nello stesso punto e tutti i SuC sono progettati allo stesso modo.
        Diciamo che avrebbero potuto decidere di aprire i SuC a tutti dedicando alcuni stalli con cavo più lungo e più spazio…

  7. Ci ho messo un po’ a capire il problema reale hehe finché non ho letto i commenti mi chiedevo perché non potesse semplicemente entrare in retro e star più vicino al muro con l’altro lato.
    Ma banalizzo, e se facessero dei connettori piatti? Un po come le ciabatte con la presa ad angolo retto per occupare meno della metà di spazio e guadagnare di conseguenza tanti cm preziosi, magari orientabile in verticale o orizzontale (si sa mai come fan le aperture dei tappi), in effetti questo sarà un bel problema anche per chi ha garage doppio magari abbondante ma per poter scendere c’è da parcheggiare alternati e se non combaciano i lati di ricarica sei fregato.. Certo che basterebbe metterli sempre solo lato guidatore di problemi ne risolverebbero parecchi.
    Il fatto è che poi ci si trova in giro solo auto col caricatore a sinistra e in caso di stalli multipli può essere un problema, ma magari insegnerà a molti che si può parcheggiare in retromarcia 😂

  8. Il tappo benzina nelle auto termiche è spesso posizonato posteriormente a destra. Questo porta i progettisti a replicare questa configurazione anche nelle auto elettriche, non tenedo conto delle condizioni in ui si svolge la ricarica domestica.
    Invece i produttorii giapponesi di auto (Toyota vecchie generazioni) l’hanno messa a sinistra perchè loro hanno la guida invertita e quindi il tappo benzina sta dal lato opposto al guidatore
    Tesla, come altri ha realizzato la porta ricarica a sinistra, evitando quel problema del box stretto.
    Per ciò che riguarda la lunghezza del cavo di ricarica delle colonnine, il cavo in dotazione all’auto dovrebbe essere di min 5 metri, meglio se 7, perchè la posizione che si può assumere in parcheggio non è sempre l’ideale per i cavi corti.
    Sarebbe da chiedere uno standard per l aposizone dlela porta di ricarica (sempre lato guidatore) anche perchè in situazioni oggi nuove (tipo parcheggio di auto NON Tesla al Supercharger Tesla) si rischia di dover parchegiare l’auto in posizioni assurde che pregiudicano la fruizione delle colonnine ad altri utenti.

  9. L’Opel Corsa ha la presa a sx ed è il posto migliore e più sicuro.. frontale o posteriore in caso anche di banale contatto si potrebbe danneggiare e quindi anche se l’auto è marciante non si potrà ricaricare e rimanere ferma.. magari pensare anche ad una presa di riserva o cmq doppia non sarebbe male

  10. La mia Mokka-e ha il connettore di ricarica nel fianco posteriore sinistro e se non erro tutte le varie cugine (Stellantis) lo stesso.

    • Esatto Daniele, vale per tutti e 5 i modelli attualmente in commercio basati su e-cmp.
      La posizione post sx del connettore, che personalmente trovo la migliore, è stato uno dei punti a favore dell’auto che ho scelto.
      Poi basterebbe dire che è la stessa delle Tesla… ed è già moda 😂😂😂

  11. Purtroppo i produttori di auto NON tengono conto che:
    -moltissimi Box o autorimesse sono stretti e costruiti per auto piccole.
    -che è più comodo avere il tappo del serbatoio /connettore di ricarica dal lato guida.

  12. il problema fatto notare da Marco, non è di lunghezza del cavo, ma di posizione, se il box è molto stretto, come accade sempre, alla fine ci si ritrova con l’angolo posteriore irraggiungibile, per poter scendere dall’auto. basterebbe che si trovasse sul lato del guidatore e almeno se ci passo per scendere ci passo anche per collegare. è poi chiaro che un cavo lungo mi aiuterebbe in mille altre situazioni, ma se se il box è stretto o misurato, come spesso accade, o scendo dal lato passeggero o potrei avere problemi a collegare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome