Home Due ruote Platum (ex MT Distribution) con due Fondi nel motore

Platum (ex MT Distribution) con due Fondi nel motore

0

MT Distribution, eccellenza italiana nel campo della e-mobility urbana, cambia nome in Platum e viene acquisita da fondi d’investimento per quasi 60 milioni di euro. Una svolta ambiziosa per un nuovo futuro da protagonista?

In principio il business furono musica e video, il cosiddetto home entertainment che iniziava a farsi largo a fine anni ’70. Poi arrivarono i videogiochi e il neonato settore del gaming. Un altro successo. Infine, la svolta dal 2013: la mobilità elettrica. Un salto nel buio o quasi, con potenzialità però enormi. Sfruttate appieno.

Potremmo riassumerla così la storia di successo di MT Distribution, eccellenza della Motor Valley emiliana. La storia di una azienda bolognese capace, con risorse e competenze adeguate, di tagliare traguardi importanti grazie alla diversificazione delle attività.

Oggi questa storia quarantennale, che ha portato una piccola azienda di Calderara di Reno a diventare un punto di riferimento europeo nel mondo in continua evoluzione della mobilità elettrica urbana, si arricchisce di un nuovo capitolo. Anzi, di due.

Nuovo nome, nuovi investitori

Nel giro di pochi giorni, infatti, MT Distribution ha prima cambiato denominazione societaria in Platum (crasi di Platform of Urban e-Mobility), evidenziando la chiara intenzione di fare della mobilità sostenibile il fulcro centrale delle attività del Gruppo. Poco dopo è stata acquistata per il valore di 57 milioni di euro da due fondi d’investimento capitanati dalle società Koinos Capital SGR e HAT SGR.

Ora, con la quota di maggioranza in mano ad importanti investitori nazionali, bisogna aspettarsi un ulteriore upgrade nelle strategie già abbondantemente di successo della società guidata da Alessandro Summa.

Alessandro Summa, CEO di Platum

Un’offerta, quella di Platum, che puntando su qualità, design, innovazione tecnologica – e un bel po’ di italianità – ha permesso alla sua divisione e-mobility di diventare negli ultimi anni un punto cardine del settore e di elevare l’azienda a livelli sempre maggiori. Partecipando attivamente alla lenta ma inesorabile transizione elettrica della Motor Valley.

I numeri parlano chiaro: il fatturato è passato dai 35 milioni di euro nel 2020 ai circa 60 milioni del 2021. E quest’anno le proiezioni dovrebbero raggiungere quota 100.

Da qui il forte interesse dei fondi, che sosterranno Platum nelle nuove sfide che la società intende affrontare. L’anima ‘rinnovata’ dell’azienda è infatti ancora più ambiziosa, ormai totalmente focalizzata nello sviluppo di progetti efficienti per la mobilità urbana sostenibile.

Un’eredità da portare avanti e un futuro da costruire

Platum (o per meglio dire MT Distribution) fino ad oggi si è fatta conoscere soprattutto per le redditizie collaborazioni con alcune eccellenze del settore automotive (Ducati, Aprilia, Lamborghini, Jeep, Alfa Romeo, Lancia e VR46 Racing), che hanno portato alla nascita di prodotti unici per caratteristiche tecniche e di design. Si tratta perlopiù di prodotti per la micro-mobilità, soprattutto monopattini elettrici esclusivi, ma anche di qualche e-bike.

Un’offerta che si è arricchita nel tempo grazie ad una linea di accessori e caschi personalizzati (Urban Prime). E con i prodotti green e smart firmati dal brand proprietario Argento e-Mobility.

Leader in Italia nel settore dei monopattini elettrici, il raggio d’azione di Platum ha raggiunto tutti i più importanti mercati europei. Ma anche Medio Oriente e Australia.
Un’ulteriore espansione è nei piani aziendali: entro il 2030 l’azienda stima che l’export possa rappresentare il 70% dei propri ricavi.

La gamma 2022 dedicata alla mobilità elettrica urbana comprende ben 55 prodotti, fra e-bike e monopattini elettrici, e un ampio catalogo di accessori specifici del settore.

Subito due nuovi monopattini by Argento e-Mobility

Ovviamente si attendono nuovi sviluppi. Con gli investimenti la crescita produttiva e industriale aumenterà. E il cambio di denominazione fa pensare che a breve Platum possa debuttare sul mercato come brand vero e proprio e non solo come fornitore per terzi.

Intanto, vengono consolidate le partnership con gli altri marchi di settore e ideati nuovi progetti di affiliazione. Senza dimenticare il potenziamento dei brand proprietari. A tal proposito Platum ha appena lanciato sul mercato due nuovi e originali monopattini elettrici firmati Argento e-Mobility: Active Bike e Active Sport.

Il primo passo verso un nuovo futuro.

I nuovi monopattini Active Sport e Active Bike

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it

Phoenix
Vesper
Apri commenti

Rispondi