Home Turismo elettrico Petizione per Venezia pulita: flotta elettrica al 2028

Petizione per Venezia pulita: flotta elettrica al 2028

0
CONDIVIDI
petizione Venezia

Una petizione sulla piattaforma Change per promuovere la conversione elettrica del traffico  di Venezia. Entro il 2028 il trasporto pubblico deve essere a emissioni zero. Questo l’obiettivo del gruppo che ha lanciato l’appello e ricevuto l’adesione di 1000 persone.

Il numero dei sottoscrittori per il momento è limitato, ma circa 300 persone alla firma hanno aggiunto anche un contributo economico, ma è il segno di una svolta culturale. Si vuole abbattere l’inquinamento. Qualcosa si sta muovendo, come abbiamo documentato (guarda) e al Salone Nautico Venezia (guarda) saranno presenti anche espositori di barche elettriche, ma serve una scossa.

A rischio anche i palazzi storici

La petizione fotografa bene il problema: “Venezia, la leggendaria città lagunare, unica al mondo, è minacciata dall’inquinamento dalle barche a motore, le cui emissioni inquinano l’aria e le  scie erodono i palazzi”. Oltre il bene dei polmoni c’è da tutelare il patrimonio storico invidiato in tutto il mondo. “Il nostro obiettivo è trasformare le imbarcazioni a motore di Venezia in una moderna flotta di navi non inquinanti e a emissioni zero”.

Elettrificare i vaporetti

Venezia è attraversata da un esercito di turisti che viaggiano sui mitici vaporetti, veri macinini su acqua : “Bisogna convertire il traffico motorizzato di Venezia, in particolare il trasporto pubblico, dai motori diesel / benzina alla propulsione elettrica. Per ridurre i fumi, il rumore, le vibrazioni e le onde. In questo modo si conserva la bellezza della città”.

Tutti elettrici entro il 2028

Tutto è subito? Il traguardo è quasi decennale, appuntamento con i mezzi puliti al 2028. Si è pragmatici e realisti, in certi paesi del Nord Europa, ma le dimensioni veneziane sono molto maggiori, gli obiettivi sono fissati prima. Al 2026, per esempio, è prevista la navigazione solo elettrica nei fiordi.

Il sindaco Brugnaro su una barca elettrica con propulsione Transfluid

I destinatari della petizione sono il sindaco Luigi Brugnaro ed il patriarca di Venezia Francesco Moraglia. Alle due autorità  si fa presente che la mobilità elettrica non è il futuro, ma il presente: “Come dimostrato dal successo di autobus e taxi elettrici nelle principali città del mondo, questa tecnologia esiste già; ed è anche disponibile per uso marino”. Chi è interessato può sottoscrivere la petizione al link.

LEGGI ANCHE: Venezia, motori elettrici dal 2025. Lo chiede Assonautica