Home Auto Per una volta felici di…fare Massa

Per una volta felici di…fare Massa

0
CONDIVIDI
Felipe Massa con Susie Wolf, direttore operativo Venturi e con l'azionista di maggioranza, Gildo Pallanca Pastor.

Fare Massa per una volta può avere una connotazione positiva. Anche se parliamo di elettrico. Perché in questo caso ci riferiamo a un grande pilota della Formula Uno, Felipe, che ha spiegato la sua decisione di correre in Formula E.

Non è un campionissimo, il pilota brasiliano. E il titolo l’ha solo sfiorato, con la Ferrari. Ma è comunque un ottimo manico e, soprattutto, un personaggio popolarissimo dentro e fuori il mondo delle corse. È un uomo con la testa sulle spalle, capace di inventarsi un futuro come dirigente della FIA, la Federazione internazionale dell’automobile (per il karting). E ora di vivere una seconda primavera come pilota in Formula E. Lo farà dal campionato 2018-2019, quello che dovrebbe segnare il definitivo decollo del campionato delle monoposto elettriche. Con vetture che raddoppiano potenza e autonomia rispetto a quelle attuali. E che quindi non hanno più bisogno di articolare la gare in due manche. Perché un personaggio di questa notorietà decida di rimettersi in gioco lo ha spiegato lo stesso Massa in un lungo colloquio con la Gazzetta della Sport: <Ho guardato subito con interesse alla Formula E. Dal quarto anno ha fatto un salto importante. E c’è ancora tanto da sviluppare. E poi è imprevedibile, non si sa mai chi può vincere. E io non amo i campionati in cui vincono sempre gli stessi. Si corre in posti meravigliosi, ci sono Case importanti. E poi il verde, la sostenibilità. Stiamo parlando del mondo futuro. Mi piace molto essere coinvolto in questo, anche sotto il profilo organizzativo>. Una dichiarazione d’amore importante. Per un’avventura in cui lo affiancherà come team principali Susie Wolf, moglie di Toto Wolf, capo del team Mercedes di Formula Uno. E proprio la Casa di Stoccarda ha una stretta collaborazione tecnica con la Venturi.