Home Auto Per la Mokka autonomia a 406 km (+20%)

Per la Mokka autonomia a 406 km (+20%)

14
CONDIVIDI

Per la Mokka autonomia a 406 km (+20%). Il Suv elettrico della Opel arriva con una nuova batteria da 54 kWh. Attualmente il range non supera i 338 km. 

Per la Mokka autonomia a 406 kmPer la Mokka autonomia a 406 km e 6,579 km/kWh

Dal piccolo Suv della Opel arriva un altro segnale dei progressi che i maggiori costruttori stanno facendo sul fronte dell’autonomia. Chi viaggia in elettrico sa che cosa possono significare oltre 60 km di autonomia in più. Un aumento ottenuto dalla marca del gruppo Stellantis anche migliorando i consumi, che scendono a 15,2 kWh/100km (standard WLTP3). In pratica 6,578 km con un kWh, un buon risultato per un veicolo “a ruote alte“. Il tutto accoppiato a un motore elettrico con una potenza di 115 kW/156 CV e a una coppia di 260 Nm. La velocità massima resta limitata elettronicamente a 150 km/h. La cosa interessante è che in Germania il 65% dei clienti che acquista una Mokka opta per la versione solo elettrica, una percentuale decisamente alta rispetto all’Italia. Da noi le Mokka Electric vendute nei primi 11 mesi del 2022 sono state 729.

Per la Mokka autonomia a 406 km
Km percorsi con 1 kWh di energia.

 

Anno dopo anno, migliora l’efficienza delle EV più vendute

Il dato dei km/kWh è una cifra media, comunque significativa, perché ricavata per tutti i modelli alla stessa temperatura e alla stessa velocità. Per capire poi quanto si spende effettivamente, ognuno deve fare i calcoli sulla sua esperienza di ricarica. Con la possibilità di variazioni enormi, a casa e nelle colonnine pubbliche, a seconda del contratto stipulato a suo tempo. Gli ultimi dati sulle 20 auto più vendute in Italia nel 2022 ci confermano comunque che l’efficienza sta aumentando, con quasi tutti i modelli al di sopra dei 6 km/kWh. La 500e si conferma ottima anche per consumi: oltre 7 km/kWh. Numero che può essere anche migliore nell’utilizzo per cui la piccola Fiat è nata, la città. Molto bene anche la Dacia Spring e, in rapporto a dimensioni e peso, le due Tesla, Model 3 e Model Y. E benissimo un’auto che non ha avuto finora un successo degno delle attese come la VW ID.3, a 7,143 km con un kWh. Male invece la Zoe, a 5,813.

—   Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube —

Apri commenti

14 COMMENTI

  1. Io ho la 50kWh della Mokka-e e non supero i 300km neanche in discesa e col vento a favore in scia a un Tir. Vorrei capire come possano 4kWh in più alzare di così tanto l’autonomia. Se è una questione di software mi piacerebbe sapere se fosse possibile fare un aggiornamento della versione precedente per renderla più efficiente perché i consumi sono il più grosso difetto di quest’auto.

  2. -Semplicemente si sono stancati della scarsa autonomia rispetto alle solite andature, e non hanno tutti i torti.-

    Shhh 🤫 Stai molto attento che qui dentro se affermi di andare a 130 all’ora in autostrada ti prendono per un pazzo scatenato… 🤭🤭🤭😇😇😇

    -Semplicemente si sono stancati della scarsa autonomia rispetto alle solite andature, e non hanno tutti i torti.-

    Ti piace il rischio eh? 😂😂😂

    • 😂😂😂 ma no Alle, faccio da contraltare, come sempre nella mia vita.
      Non ho paura di offendere nessuno perché non mi scompongo né di fronte ai troll né di fronte ai talebani.
      Se in un confronto che vuole essere costruttivo, manca un moderatore pacato, finisce sempre nel ridicolo.
      E Vaielettrico rischierebbe di perdere di credibilità se frequentato unicamente da yes man 😇

    • Vorrei aggiungere una piccola provocazione, dato che questo sito promuove la mobilità, quindi veicoli elettrici che mi piacciono tanto 😇.
      Se si chiamasse Egologista Purista o Vaiapiedi onestamente non mi addentrerei troppo nei discorsi tecnici delle auto che tanto mi appassionano

      • A proposito… Ti ricordo che mi hai promesso che mi dai una mano col cad 3d per buttare giù uno schizzo di quel cambietto facile facile che CI piace tanto. 😊😊😊😊🌹🌹🌹🌹

  3. Quando Musk disse che le auto elettriche dovevano offrire non meno di 400 km di autonomia e a molti sembrava un pazzo … c’aveva visto giusto eppure la “predizione” è di qualche anno fa …

    Quando io dico che le auto elettriche dovevano offrire almeno 1000 km di autonomia e a molti sembro un pazzo … ci riaggiorniamo tra qualche capodanno, tranquilli … nel frattempo la Zeekr 001 (un’ottima auto elettrica in arrivo in Europa proprio quest’anno) in Cina la offrono, con un supplemento di 14000 euro in più, con le batterie Qilin CATL da 140 kWh per un’autonomia di 1032 km (CLTC). Vedremo nei prossimi 4 o 5 anni quanti modelli garantiranno una simile autonomia …

    • A me Enzo non sembri un pazzo, o forse lo sono anch’io 🤣.
      Dato che siamo abituati ad autonomie e potenze esagerate dovuti ai 5/600 kWh contenuti nei serbatoi delle ice e considerando l’efficienza tripla delle bev, direi che 150/200 kWh di ipotetica batteria siano un taglio per le esigenze premium, ma non folle.
      Il limite attuale è quello tecnologico, dei costi e soprattutto delle risorse ed emissioni che comporterebbero la sua produzione.
      Ma ammetto che, non essendo degno della definizione di puro ecologista, dopo una bev da 50 kWh sarei propenso ad acquistarne in futuro una da 100. Vedremo…

    • dai Enzo , va bene la fretta, ma non siate ridicoli ..
      la chimica e l’elettronica sta migliorando anche i tempi di ricarica
      già oggi ci sono auto in commercio che caricano 300 km in 20 minuti
      P3 Charging Index
      impensabile solo 3 anni fa
      figuriamoci tra 12 anni cosa ci sarà in commercio

      comunque per molti ma non per tutti
      chi si accontenta gode , anche con 200 km in 30 minuti di ricarica
      si viaggia già oggi,bene, poco stressati e quindi ..
      più sicuri
      tutto imho

      • In realtà io conosco personalmente due persone con esigenze premium che sono tornate indietro dalle bev, uno anche da Tesla per Porsche Hybrid.
        Semplicemente si sono stancati della scarsa autonomia rispetto alle solite andature, e non hanno tutti i torti.
        Se il prezzo non è un problema ma dopo 200/300 km sei costretto a fermarti, può essere un problema.
        C’è chi si adatta e chi ha meno tempo/voglia

        • vabbè ..
          se continua questo trend ..
          tra 5 anni 300 km li ricarichi in 10 minuti
          e al 2035 in 5 minuti

          mi sa che dopo 300 km , i vecchi proprietari di EV si lamenteranno
          perchè “quelle nuove” saranno trppo rapide , nemmeno il tempo per prendere un caffè e sgranchirsi le gambe

          • Quello che intendo dire è che, al contrario delle filosofie più ecologiche ed economiche possibili, non tutti condividono il fatto di collegare la spina ogni volta che l’auto è ferma, me compreso.
            Non è legato alle vecchie abitudini del termico, è proprio una questione di praticità.
            Per esempio, se devo fare un viaggio con altre famiglie con delle termiche, oppure se preferisco accumulare l’eccedenza del fv (fino a 40 kWh/giorno) pur restando nel 20/80 dello SoC, con una batteria più capiente avrei più margine di scelta.
            Così come trovo piccoli gli accumulatori domestici da 10 kWh, in fondo equivale a circa un litro di benzina, ma costa uno sproposito.
            Quindi sperare di poter acquistare in futuro 25/30 kWh per la casa e 100 per l’auto ad un prezzo ragionevole, non mi sembra inverosimile.
            E’ come desiderare un’auto con serbatoio da 10 Lt che li sfrutta come fossero 30

          • e io ti ho detto che ..
            secondo me e molti analisti
            è probabile che nel 2035
            caricare 300 km di autonomia ci si impiegherà meno di 10 minuti

            se per te o tuo cuggino la ricarica è un problema OGGI ..
            aspetta 10 anni o vai su VAICHEROSENE ,
            e tessi le lodi dell’ HUMMER 6500 cc
            che con un pieno arrivi a Pechino con due soste di 5 minuti

            io preferisco già oggi una normalissima EV da 50/60 kWh
            per un uso normale ,
            essendo IO nella media,anche meno, della percorrenza dell’Italiano
            potrei caricare una volta a settimana , se non avessi dove caricarla a casa
            altrimenti una notte si e due no a casa nel cortile o nel box
            con 3 kw

            comunque io già vivo elettrico con una plug in che fa 40 km max con 9 kWh
            sono rare le volte che accendo il termico

            passare a un EV sarà tutto “grasso che cola” anche con le auto attuali
            e come me ;
            ce n’è di gente , soprattutto GGGIOVANI che potrebbero fare il passo

            le statistiche dicono che più del 48 delle case vendute nel 2021 erano con Box Auto

            un giovane o un “diversamente giovane” come me ha mille modi per passare in maniera produttiva il tempo anche durante 1 ora di ricarca ,
            basta una connessione internet 3/5G e un phablet o un laptop
            figuriamoci mezz’ora a una Fast o 10 minuti a una superFast in futuro
            nemmeno faccio in tempo a leggere le e-mail
            e a cestinare lo spam

            basta guardare tempi di ricarica di una leaf di 10 anni fa per avere un idea di come è cambiato il mondo EV e come cambierà ancora

            my 2 cent di bicchiere mezzo pieno che sarà completamente pieno secondo me tra meno di 15 anni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome