Home Incentivi Pensi al maxi bonus da 10 mila euro? Un consiglio

Pensi al maxi bonus da 10 mila euro? Un consiglio

18
CONDIVIDI

Pensi al maxi bonus di 10 mila euro? Un consiglio: meglio muoversi per tempo, visionando l’auto (e il relativo preventivo) subito. Per essere pronti a firmare.

Pensi al maxi bonus? Meglio muoversi subito

Uno dei motivi che hanno rallentato l’aumento di vendite delle auto elettriche in questi primi anni è stata la scarsità di auto da consegnare. I produttori erano ancora diffidenti e le macchine uscivano dalle catene di montaggio col contagocce. Ora i piani sono stati rivisti, ma sul mercato italiano potrebbe arrivare un boom a cui le Case auto non sono preparate. Ecco perché diciamo: se pensi al maxi bonus da 10 mila euro in arrivo (l’approvazione definitiva è prevista per la settimana prossima) meglio muoversi ora. Per evitare poi che i tempi di consegna siano troppo lunghi.

pensi al maxi bonus
La Renault Zoe: 11 mila unità vendute in Europa nel solo mese di giugno.

Come? Preparando tutto, ovviamente con l’ultimo tassello da perfezionare con il nuovo incentivo prima della firma. Il motivo, come dicevamo, sta nel fatto che i produttori hanno difficoltà a far fronte a domande improvvisamente molto forti. Le fabbriche hanno le loro rigidità. E l’elettrico ora sta andando forte in tutta Europa, con modelli come la Renault Zoe che a giugno ha superato le 11 mila unità vendute.

Anche per la 500 produzione limitata nel 2020

Prendiamo poi un modello che in Italia dovrebbe incontrare un certo interesse come la nuova 500 elettrica. La produzione è già stata programmata con i fornitori e di fatto inizierà a settembre, con 1.524 vetture. A ottobre la catena di montaggio di Mirafiori salirà a 2.694 unità, con un’altra accelerazione a novembre, quando si supereranno le 6 mila unità prodotte. Con altre 5.524 macchine a dicembre (c’è Natale di mezzo).

pensi al maxi bonus
La nuova 500 elettrica: per quest’anno prevista solo 15 mila unità prodotte, con poche migliaia in consegna.

Il totale,  a quel punto, sarà salito a 15.812 (comprese le poche auto prodotte tra luglio e agosto) e la Fiat sarà in grado di modulare i ritmi 2021, secondo le prenotazioni. È ovvio che si può intervenire su questa programmazione, ma non certo moltiplicandola. Per non parlare della Volkswagen, che già si trova in difficoltà con la sua gamma attuale e con la con la gamma in arrivo, la ID.3 (guarda l’articolo). Insomma, chi guarda al maxi bonus, non aspetti l’approvazione: meglio muoversi d’anticipo.

— Clicca qui per monitorare gli ecobonus sul sito del Ministero dei Trasporti

 

 

18 COMMENTI

  1. Purtroppo tutte le case hanno letteralmente dormito, perchè come si ben sa quando una tecnologia (come l’elettrico) è superiore in tutto, anche oggi che non è arrivata a completa maturazione, ci affanniamo adesso a cercare di comprare un auto che chissà quando verrà consegnata con attese di oltre 5/6 mesi come ad esempio la e-up per non parlare della citigo o mii che non la quota per l’italia è già esaurita… Ovviamente il mercato viene sempre visto in grande difetto dal punto di vista dei numeri quindi si dessero una svegliata e cercassero di aumentare quanto più la produzione ovviamente con tutti i limiti del caso ma proprio per questo chi fa questa scelta d’acquisto “elettrica” dovrebbe avere un ulteriore sconto (per il disturbo)!

    • Superiore in tutto cosa? Prima di ovviare le critiche attendo quali, secondo te, sarebbe superiore rispetto ad un motore gpl/metano ( meglio quest’ultimo ).

      Ti ringrazio

      • Ancor meglio tra gpl/metano (di cui la prima ho esperienza diretta intendo il gpl) inoltre il ragionamento è generale e non specifico solo a queste motorizzazioni ma dato che vuoi la mia opinione la scrivo. Allora partiamo dal fatto che le prestazioni sono enormemente migliori delle elettriche già il confronto è superiore rispetto ad un benzina, le componenti sono inferiori quindi la manutenzione è nettamente inferiore rispetto alle tradizionali quindi non parliamo di gpl/metano in quanto il risparmio si c’è ma i costi di gestione sono superiori in quanto ovviamente oltre al motore benzina hai anche tutta la parte “aggiunta” del “gas” quindi lasciamo perdere (io ho dovuto rifare alcune parti del gpl) ogni 10 anni devi anche cambiare il bombolone che ha un costo di almeno 500 euro, non una cifra alta ma comunque bisogna aggiungerla a tutto il resto. Poi ci sono i freni con le pasticche che si cambiano dopo tantissimo. Quindi il paragone non regge anche nei confronti di queste alimentazioni che ti fanno pensare al risparmio ma bisogna contare tutto nel complesso! Già solo al fatto di avere 2 alimentazioni comporta un aumento esponenziale di componenti etc già questo fa capire che è perdente. L’auto elettrica e semplice con pochi componenti quindi fin quando sarà così il risultato sarà sempre lo stesso!

        • Partiamo da cose semplici: 3kw a casa non ti bastano se metti a caricare in box l’auto elettrica compreso l’energia che serve per alimentare altri elettrodomestici.
          Già qua i costi aumentano mensili.
          Parli di bombolone… ma potrei parlare del “pacco batteria”? Sai quant’è la spesa per il cambio “pacco batteria” di un’auto?
          Per una schifossima smart siamo sui 14000 MILA EURO dopo 8 anni !!! giusto per darti un dato banale. In aggiunta, considerando che le batterie attuali non sono recuperabili al 100% dovremmo parlare anche del “NON” reciclabile, oltre che e non ultima, non essendo un paese TOTAL GREEN non si ha un beneficio ambientale.

          Risparmio?

          Sicuramente nei costi di manutenzione…… ma alla lunga, considerando affidabilità media di un auto bifuel, siamo proprio sicuri che ci si va a risparmiare sommando pacco batteria + costo iniziale molto superiore?

          Bah io rimango molto dubbioso….

          • Potenzilamente se la carichi di notte bastano anche i 3 ovviamente per star tranquilli si dovrebbe portare a 4.5 o ancor meglio a 6. Il bombolone l’ho cambiato due volte per non parlare delle perdite riscontrate sia nella mia (gpl) che di un amico (metano) per il resto si il pacco batteria costa ma rispetto a ieri (qualche anno fa) i prezzi sono scesi notevolmente ed ho visto che alcune persone son passati da un noleggio ad acquisto su una zoe con costi di 10k per batterie più grandi rispetto ad una smart. Poi non fare confusione perchè se ad oggi la compri con batteria di proprietà anche se la cambi fra 8 anni i costi saranno crollati (vedi la stima già fra qualche anno sotto i 100 euro per kwh) inoltre dandola dietro con tutta la filiera del riciclo avviata in quanto ci saranno tantissime batterie in giro il sistema te le pagherà per poi riutilizzarla come accumulo e quindi la differenza sarà risibile. I passi avanti sono stati immensi già da qualche anno a qualche parte con la c0 che aveva 100 km o la zoe 150 oggi siamo ad una media di 400km e questo dopo qualche anno. Infine ti torno a ripetere (data anche l’esperienza persona del gpl) i costi alla fine sostenuti sono stati alti pensando di risparmiare ci sono stati extra costi da sopportare. Secondo me assolutamente si senza storia perchè il ragionamento che fai è sbagliato perchè pensi ad oggi ma fra qualche anno i prezzi saranno molto più bassi, guarda tesla che farà il battery day o le nuove batterie con prestazioni comparabili a quelle attuali ma con costi molto più bassi.

          • io ho un esperienza diversa…ho sia una macchina a metano e una gpl… con 25€ di gas ci faccio circa 450 in autostrata e oltre 300 in città.

            Secondo me non vale ancora la pena…… ed oggi siamo in assenza di accisse…. da qua a 10 anni, sicuramente, qualche gabella la metteranno sicuramente .

            Mentre ritengo molto favorevole la modalità elettrico scooter per la città…..se hai un box…. e con gli incentivi …. potrebbe essere un buon affare sui 3000€ … e circa 120km di autonomia con velocità oltre i 70km/h. Infatti sto valutando a favore del termico.

        • Il metano per dire devi costantemente revisionare le bombole, dopo i primi 4 anni e poi ogni 2. Spendi una marea di soldi per la revisione e per di più costa più del GPL.

  2. Buonasera a tutti.
    Allora…io ho fatto un contratto con versamento di € 500 in data novembre 2019 per una nuova vw e-up. La data di consegna è (forse) prevista per la prima settimana di settembre.
    Qualcuno sà dirmi se rientro in questo nuovo incentivo? Dovrò rottamare una vecchia honda jazz del 2005 e passare da un incentivo di 6000 euro ad uno di 10000 euro sarebbe veramente interessante.
    Grazie per l’eventuale gradita risposta.

    • Se hai già fatto il contratto non puoi far nulla per avere il bonus aggiuntivo a meno che consensualmente annullate il contratto con la concessionaria (deve essere daccordo anche lei) per poi farne un nuovo, ma in questo caso credo sia difficile

  3. Non sono d’accordo, i prezzi sono ancora in discesa, la vera crisi dei concessionari arriverà con l’autunno/fine anno e penso che cominceranno a fare sconti “veri”. Inoltre sono in arrivo modelli interessanti come la id.3 base, mokka e, aiways u5 e 500e base che ancora non è possibile acquistare. Per me è ancora tempo di attendere a meno che non si voglia tentare di usufruire dei consistenti ma esigui fondi riservati a Milano.

  4. Possibile che si continui a dire che l’incentivo passa da 6.000 a 10.000? Non l’avete capito che attualmente l’ecobonus è 6.000 più “almeno” 2.000 di sconto concessionario, mentre dal 1 Agosto passa a 10.000 “compreso” il 2.000 di sconto? Quello che conta è l’ecobonus che passa da 6.000 a 8.000, poi la casa automobilistica può fare anche 5.000 euro di sconto se lo ritiene opportuno.

    • Il problema è se chi oggi faceva 5000€ di sconto domani te ne farà 3000. A quel punto paghi auto esattamente come prima.

  5. Sono tutte sciocchezze. Quando poi vai in concessionaria ti dicono che gli incentivi valgono solo per le auto in pronta consegna. Punto! Tutto il resto è propaganda. Ho tentato di acquistare una C5 ma il prezzo addirittura risulta più alto di 6 mesi fa! Altro che crisi dell’auto!

    • Non è esattamente vero, però poi loro fanno come vogliono e se ti riducono lo sconto sul nuovo pensano di farti virare sul pronta consegna senza abbassare prezzo di quest’ultima. Non capiscono che tu non acquisti più auto.

      Io sono andato in Peugeot per la 208 GT: qualche mese fa mi aveva fatto preventivo di 28000€ ma non la ho acquistata. Ancora troppo cara. Ora sono ripassato, hanno importanti sconti sulle pronta consegna…. niente da fare avevano solo una km 0 ma il prezzo a suo dire era ottimo: totale, 28000€. Ma a sto punto la ordino gli dico, gli incentivi sono aumentati!
      Mi fa preventivo e ora con i 10000 € contro i 6000€ di prima il costo della 208 GT passa da 28000 a…..31000! Pensava di vendermi la km 0…. invece se le tiene entrambe.

  6. Crisi dell’auto elettrica? Secondo me le case costruttrici si preparano ad aumentare i listini per aumentare i profitti. Io sto tenendo d’occhio Opel E-Corsa che è aumentata del 2,5% a giugno.

    • Vero ti copio parte dell’intervento di sopra

      Io sono andato in Peugeot per la 208 GT: qualche mese fa mi aveva fatto preventivo di 28000€ ma non la ho acquistata. Ancora troppo cara. Ora sono ripassato, hanno importanti sconti sulle pronta consegna…. niente da fare avevano solo una km 0 ma il prezzo a suo dire era ottimo: totale, 28000€. Ma a sto punto la ordino gli dico, gli incentivi sono aumentati!
      Mi fa preventivo e ora con i 10000 € contro i 6000€ di prima il costo della 208 GT passa da 28000 a…..31000! Pensava di vendermi la km 0…. invece se le tiene entrambe

      Io se funziona così l’auto elettrica aspetto a prenderla al 2022 almeno la pago uguale se non meno ma senza che grazie a me le case fregano i soldi delle mie tasse.

Comments are closed.