Home Bici Pedroni Ray: le ebike motorizzate Best Bike

Pedroni Ray: le ebike motorizzate Best Bike

0
CONDIVIDI

Pedroni Ray sono e-bike nate dalla ventennale esperienza nel mondo mountain bike di Pedroni e la novità portata da Bikee Bike. A Reggio Emilia si guarda al futuro dell’enduro

Pedroni Cycles costruisce da venti anni mountain bike di alta gamma e adesso ha deciso di puntare forte sulle e-bike. Da San Martino in Rio, in provincia di Reggio Emilia, la sfida continua ai grandi produttori esterni passa attraverso la qualità e le scelte innovative.

 Non potevano allora mancare dei modelli a pedalata assistita. Ed ecco le nuove Ray 160 e Ray 140.

 

 

 

La Ray 160 è una ebike da enduro, mentre la Ray 140  ne è la declinazione più trailride. Entrambe sono motorizzate dalla nostra vecchia conoscenza Bikee Bike. Come abbiamo raccontato lo scorso anno l’idea iniziale di Bikee Bike era di realizzare kit per elettrizzare le comuni mountain bike, ma lo sviluppo ha portato alla realizzazione di motori ad hoc per produzioni native elettriche. L’azienda ci ha raccontato la sua crescita e i suoi nuovi rapporti industriali.

Caratteristiche di Pedroni Ray

Una delle caratteristiche più importanti dei motori Bikee Bike è la dinamicità: erogano potenze che vanno dai 250 W ai 999 W, una coppia nominale di 120 Nm e una serie di regolazioni e settaggi ampia e accessibile che consente di soddisfare ogni settare preferenza dell’utilizzatore.

Il motore Bikee Bike dunque è disponibile in 4 potenze: 250 W, 500 W, 749 W e 999 W. La capacità della batteria di serie nella PEDRONI Ray 160 è di 840 Wh. Si tratta di una batteria molto capiente inserita direttamente nella tubazione obliqua del telaio. Così abbassa il baricentro della bicicletta e al tempo stesso incrementa la protezione. Inoltre la rigidità di una tubazione chiusa e circolare è maggiore rispetto ad una di sezione semicircolare.

Parlando delle personalizzazioni della motorizzazione Bikee Bike, tutti i parametri modificabili tramite un’APP sono: Pedal Assist, Throttle, Torque Sensor e Throttle override. Queste sono poi riassunte in 3 livelli di assistenza gestiti tramite un semplice tastierino funzionante senza la necessità di uno schermo in quanto il livello della batteria e il livello di assistenza impostato si vedono attraverso i led posti nella parte di batteria adiacente al motore.

Pedroni Ray: qualità al giusto prezzo

Telaio in alluminio con 174 mm di corsa e dotato di ammortizzatore Rock Shox Super Deluxe 230*65 mm e ruote da 27.5’. Il carro ha la battuta allargata a 148 mm, mentre lo schema ammortizzante è un monocross filtrato da bielle in ergal ed un Evo Linkage che ne modifica la risposta in base alla posizione del perno. Geometricamente l’angolo sterzo è angolato a 64.5°, e il carro molto corto misura 456 mm.

Per quanto riguarda la sicurezza in strada Pedroni ha installato sulla RAY 160 quattro led bianchi molto potenti e dal consumo bassisismo. Si trovano nella parte frontale, adiacenti alla serie sterzo, per incrementare la sicurezza del biker lungo i trasferimenti cittadini. Mancano però luci nella zona posteriore della bici.

Le due e-bike di casa Pedroni si possono acquistare direttamente sullo store online del sito. I prezzi vanno dai 5.579 euro della Ray 140 ai 5.779 euro della Ray 160. Sono disponibili in 6 diverse taglie e si possono scegliere motorizzazione e colorazione degli sticker. Per avere il bolide da 999 W si devono aggiungere 600 euro.

Pedroni Cycles è storia mtb

Fin dagli esordi Pedroni Cycle ha sviluppato e realizzato mountain bike da discesa ad alte prestazioni. Gli stessi membri dellafamiglia Pedroni sono discesisti da ben 3 generazioni. Vincitori anche di titoli prestigiosi in quel tipo di specialità. Il loro prodotto più famoso è indubbiamente la Lion: mountain bike da downhill con 216 mm di escursione. Ma anche la Lupo, modello da enduro, si è ricavata un ampio successo tanto che è stata realizzata una Limited Edition che celebra il ventesimo anno di attività dell’azienda.

Nello stabilimento del Reggiano tutto passa attraverso le sapienti mani di Michele Pedroni e dei soci Federico e Massimo Poli che assieme ne curano tutti gli aspetti, dallo sviluppo alla produzione, la distribuzione e l’immagine.