Home Auto Per la e-Golf il maxi sconto è ufficiale: con gli incentivi…

Per la e-Golf il maxi sconto è ufficiale: con gli incentivi…

3
CONDIVIDI
e-Golf
I tagli al listino della e-Golf ora sono ufficiali

Per la e-Golf il maxi sconto è ufficiale. Il prezzo è stato ridotto a 32.950 euro (qui il nuovo listino), con un taglio secco di quasi 8 mila euro. Ma i concessionari Volkswagen aggiungono un’ulteriore sconto che fa scendere il prezzo su strada a 28.900. Da questa cifra  vanno tolti gli incentivi statali (4-6 mila euro) e regionali (che variano da regione e regione).  

Il maxi-sconto in arrivo anche per la e-up

Gli addetti ai lavori lo chiamano “riposizionamento“. Ed è la riformulazione di un prezzo tenendo conto dei nuovi equilibri di mercato. In questo caso c’era da considerare soprattutto l’uscita della Volkswagen ID.3. Che allo stesso livello (anzi, un po’ meno) del listino precedente della e-Golf (40.750 euro) offre un’auto delle stesse dimensioni, ma completamente nuova. E con un’autonomia dichiarata di circa 400 km, contro i 300 della e-Golf. In più c’è la volontà della Casa di Wolfsburg di “democratizzare l’auto elettrica“, con prezzi molto più accessibili. E un’offensiva di taglio dei listini e di sconti in concessionaria che presto coinvolgerà anche la piccola e-up, come annunciato al Salone di Francoforte.

e-up
Anche il nuovo listino della e-up, con un mxi-sconto, sta per essere ufficializzato

Il listino della citycar scenderà a 23.350 euro, a cui sottrarre lo sconto-concessionaria (il cosiddetto incentivo Volkswagen), che porta il prezzo su strada a 20.500 euro.  A cui togliere di nuovo l’ecobonus statale e, per le regioni che lo prevedono, l’incentivo locale. Si arriva, per entrambi i modelli, a prezzi assolutamente competitivi, in alcuni casi addirittura inferiori, rispetto alle versioni a benzina o a gasolio. Ma con l’ulteriore vantaggio di avere un’auto con cui non paghi il bollo per cinque anni. E costa molto meno sia di manutenzione sia di rifornimenti. C’è da riflettere…

Occhio agli incentivi regionali

A questo punto, a chi è interessato all’acquisto non resta che entrare nella giungla dei contributi regionali, per arrivare al prezzo finale. Contributi che, contrariamente all’ecobonus statale (già approvato fino al 31/12/2021), di solito hanno scadenze brevi e fondi limitati. Ecco 5 esempi: cliccando sul nome delle regioni, andate direttamente ai siti che ognuna dedica agli incentivi.

–LombardiaSecondo quanto annunciato, ci si aspetta che sia la più generosa, con un bonus fino a 8 mila euro. L’operazione partirà da ottobre, registrandosi su un portale denominato Move-in. Si attendono a giorni i dettagli. Se tutto confermato, per la e-Golf con rottamazione potrebbe scendere a 14.900 euro. Quello della e-up sotto i 7 mila.

–Friuli Venezia Giulia. Anche l’incentivo della regione Friuli è decisamente generoso, 5 mila euro in aggiunta all’ecobonus statale, ma è legato alla rottamazione di un veicolo (diesel o benzina) fino a Euro 4.

–Emilia-Romagna. Qui gli incentivi arrivano a 3 mila euro, ma c’è la scadenza del 30 settembre, ormai alle porte. È probabile che l’incentivo regionale venga rifinanziato (presto si vota…), ma non ci sono ancora comunicazioni.

–Provincia di Bolzano. Contrariamente alle Regioni citate sopra, che erogano contributi a tutte le auto considerate “ecologiche” (metano e GPL inclusi), qui il bonus riguarda solo elettriche e ibride plug-in. Ed è di 4 mila euro.

–Provincia di Trento. Stesso contributo di 4 mila euro della Provincia di Bolzano (2 mila per ibride plug-in). E aiuti anche per l’acquisto di wall-box e colonnine di ricarica.

— Ovviamente l’ecobonus statale e gli incentivi regionali si applicano a tutti i veicoli elettrici. Qui il nostro LISTINO FACILE —

 

 

3 COMMENTI

  1. In Abruzzo nessun incentivo anzi forse le tassano maggiormente le elettriche cosi come le ibride pagano il bollo …

Comments are closed.