Home Tecnologia Parte SeNSE (batterie europee 3G). Ci sono FPT Industrial e Lithops

Parte SeNSE (batterie europee 3G). Ci sono FPT Industrial e Lithops

0
CONDIVIDI

FPT Industrial, società di CNH Industrial (gruppo FCA) ha aderito al progetto europeo di ricerca sulle batterie SeNSE , lanciato il mese scorso. Insieme ad altre cinque società industriali e cinque istituti di ricerca, lavorerà nei prossimi quattro anni sulla prossima generazione di batterie agli ioni di litio.

SeNSE, un passo verso le gigafactories europee

Le future batterie, chiamate ” generazione 3b “, porteranno benefici incrementali alla tecnologia degli ioni di litio. Avranno infatti una maggiore densità di energia, una migliore chimica delle celle, un ciclo di vita esteso, una capacità di ricarica più rapida e una gestione della temperatura più raffinata. L’obiettivo è produrle in gigafactories europee..

Con un occhio alla sostenibilità

La ricerca all’interno di SeNSE prevede anche la sostenibilità delle celle di generazione 3b , con il catodo prodotto senza l’uso di solventi infiammabili e tossici. Ciò semplificherà la produzione e ridurrà i costi. Inoltre, il progetto considera un nuovo ciclo di vita delle batterie per veicoli fuori servizio come unità di stoccaggio fisse e, infine, il riciclaggio delle batterie.

«Questo progetto _ si legge in un comunicato appena diffuso _ riflette la crescente attenzione di FPT Industrial alla propulsione alternativa , che ha visto il marchio agire su diversi fronti tecnologici».

SenSE fa parte di European Battery Alliance, un’iniziativa lanciata dalla Commissione europea nel 2017 per creare una catena del valore manifatturiera competitiva in Europa con celle a batteria sostenibili. E’ finanziata dal programma di finanziamento della ricerca UE Horizon 2020.

Guida Northvolt, Lithops si fa avanti

Nel progetto SenSe sono coinvolti sette paesi europei, coordinati dalla società svedese Northvolt. Proprio  Northvolt progetta di costruire due impianti di produzione di celle, uno in Svezia e uno in joint venture con Volkswagen a Salzgitter. Le altre realtà coinvolte nel progetto sono: Empa (Svizzera) responsabile dei laboratori federali svizzeri per i test e la ricerca sui materiali, l’Università della Westfalia Wilhelms di Münster e il Jülich Research Center (Germania), l’Università di Coventry (Regno Unito), l’Istituto austriaco di tecnologia (Austria), Solvionic (Francia), Lithops (Italia), Enwires (Francia) e Huntsman Advanced Materials (Svizzera). L’UE finanzia il progetto con dieci milioni di euro.

E con SOLiDIFY avanza la 4G a stato solido 

Un altro progetto europeo, SOLiDIFY,  avviato il 1 ° gennaio 2020, sta lavorando parallelamente allo sviluppo di batterie al litio metallo a stato solido. Il progetto è finanziato dall’UE con quasi 8 milioni di euro. Si basa sulla collaborazione di 14 partner europei coordinati da IMEC (Interuniversity Microelectronics Center), con sede in Belgio. Le batterie allo stato solido vengono definite Generation 4b e potrebbero essere pronte per il mercato in circa dieci anni. Con metà del peso e metà delle dimensioni, dovrebbero fornire la stessa capacità di stoccaggio delle attuali batterie agli ioni di litio. Anche i costi di produzione dovrebbero essere dimezzati. Per realizzarle è necessario sviluppare nuove architetture di elettrodi e metodi innovativi di produzione di liquidi per il catodo.

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome