Home Alla ricarica Padova sceglie Atlante: 80 ricariche

Padova sceglie Atlante: 80 ricariche

2
CONDIVIDI
Un rendering delle nuove stazioni di ricarica con pensiline fotovoltaiche.

Padova sceglie Atlante: sarà la società del gruppo Nhoa a installare 80 ricariche in due grandi parcheggi, fast e super-fast, con energia da rinnovabili.

Padova sceglie atlante
Stefano Terranova, CEO di Atlante.

Padova sceglie Atlante, con auto-produzione da pensiline fotovoltaiche e V2G

Il bando di gara prevede che Atlante realizzi 72 punti di ricarica ultra-rapida e 8 di ricarica veloce. Le colonnine saranno coperte da pensiline fotovoltaiche. I primi punti di ricarica siano disponibili per gli automobilisti entro la fine dell’anno. E saranno compatibili con card e tessere dei principali gestori. I due Hub saranno installati ai capolinea della linea tram Sir1 del Comune di Padova, uno a nord (Pontevigodarzere), e uno a sud (Guizza). Per stimolare non solo la mobilità elettrica nell’area metropolitana, ma promuovere anche l’uso dei trasporti pubblici per raggiungere il centro città. Il progetto di Atlante prevede infatti l’integrazione della ricarica e delle pensiline fotovoltaiche con moduli di stoccaggio dell’energia. E anche con tecnologia di scambio di energia V2G (Vehicle-to-Grid), per utilizzare al meglio l’energia solare prodotta. Inoltre, l’apporto del fotovoltaico consentirà di avere un numero ricariche ultra-rapide maggiore rispetto a quanto possibile con l’apporto della sola rete di distribuzione.

Padova sceglie atlanteCon le rinnovabili tariffe di ricarica più contenute, assicura il Comune

La durata della concessione vinta da Atlante è di 15 anni. Il consigliere comunale con delega all’innovazione, Carlo Pasqualetto, spiega: “La nostra sarà la prima città in Italia a poter vantare ben due hub di sosta e ricarica per veicoli elettrici completamente alimentati da energia rinnovabile. Integrando l’innovativa tecnologia Vehicle-to-grid. Grazie a questa innovazione, i padovani potranno ricaricare le  auto elettriche a tariffe competitive, in quanto le auto stesse diventeranno supporto alla rete elettrica nazionale. Il futuro, ce lo dice l’Europa, sarà dei veicoli elettrici“. Recentemente Atlante ha vinto una gara anche a Buccinasco, nell’hinterland milanese, in una zona che finora era quasi esclusivo dominio di A2A. La società del gruppo Nhoa installerà 38 punti di ricarica rapida e 8 punti di ricarica veloce, a seguito di un bando pubblicato in febbraio.

Apri commenti

2 COMMENTI

  1. Ma non sarebbe una idea interessante avere punti di ricarica lenta nei parcheggi di scambio. Se lasci lí l’auto 6-8 ore non c’é bisogno che sia veloce. 100 punti da 7 kW invece di 2 da 350kW.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome