Home Flotte Noleggio e-bike, la novità di Arval per il mercato italiano

Noleggio e-bike, la novità di Arval per il mercato italiano

0
CONDIVIDI
arval

Il noleggio di e-bike è arrivato in Italia a integrare l’offerta di mobilità, in primis rivolta alle aziende, di un player di lungo corso nel settore del renting quale Arval.

arval
Stefan Majtan

Ad annunciarlo, a margine della presentazione (in diretta on line dalla Francia) del piano strategico per il quinquennio 2020-2025, è stata Alessia Pedersini (Marketing, Communication & CSR Director di Arval Italia), che è intervenuta dopo il contributo del Direttore Generale Štefan Majtán.

Arval va sul sicuro con le e-bike Kalkhoff

Sono due i modelli proposti nel nostro Paese dalla società del Gruppo BNP Paribas, entrambi firmati Kalkhoff.  Il brand è stato scelto per la sua qualità e per la capillare rete di assistenza su  tutto il territorio nazionale. I modelli sono Endeavour 1.B Move TR e WA, entrambi con colorazione Wasabigreen glossy. Selezionati per rispondere ai gusti di un target composto da ambo i sessi, si accompagnano a un canone IVA inclusa rispettivamente di 113 euro (12 mesi) e 87 euro (24 mesi).

Gli importi includono i seguenti accessori: casco di sicurezza, lucchetto antifurto e copertoni antiforatura. Le e-bike, al momento affidate a circa 300 clienti convenzionati attraverso la soluzione Arval for Employee, sono coperte da polizza furto e dannimanutenzione ordinaria e straordinaria, assistenza pneumatici. Sono equipaggiate con un motore elettrico Bosch Performance Line 36V/250W/65NM e una batteria dello stesso produttore PowerTube Li-ion 36V/11AH.

Il noleggio e-bike di Arval rientra in Italia all’interno di “360 Mobility“, uno dei quattro pilastri sui quali poggerà l’azione presente e futura della società con quartier generale oltralpe. Arval allarga così il proprio profilo da “car-centric” a “mobility company“, spingendosi “oltre” le quattro ruote.

Arval Beyond a tutta sostenibilità

Beyond” è infatti il nome scelto da Arval per il piano strategico quinquennale illustrato alla stampa. Il suo significato si declina su più piani che intersecano comunque, tutti, i temi della sostenibilità (leggi anche) e della sicurezza.

La ricerca della leadership negli ambiti della e-mobility e della transizione energetica è affidata alle articolazioni interne di “Good for you, Good for all“, un altro dei pilastri . Gli altri sono “Connected&Flexible” e “Arval Inside”. L’obiettivo al 2025 è di raggiungere una quota globale di 500.000 veicoli elettrificati su strada nel mondo, contestualmente a una riduzione del 30 per cento delle emissioni di CO2.

Elettrica a noleggio: tre mesi di prova

La spinta alla mobilità elettrica da parte di Arval passa – e passerà – da pacchetti congiunti veicolo + soluzioni di ricarica, politiche di pricing, benefici legati alla tecnologia V2G.  Al riguardo, è disponibile da pochissimo in Italia l’offerta propedeutica “EV Try & Love“.  Prevede tre mesi di prova, dopo i quali è possibile percorrere una doppia strada. O la firma di un contratto di noleggio a lungo termine oppure la restituzione della vettura senza alcun aggravio economico.