Home Incentivi Nuovi incentivi auto e moto, partenza boom: un ripasso

Nuovi incentivi auto e moto, partenza boom: un ripasso

6
CONDIVIDI

Nuovi incentivi auto e moto in vigore da agosto: partenza boom, con molto concessionari aperti nel week end a dispetto dell’inizio delle vacanze.

Nuovi incentivi, per le elettriche 6-10 mila euro

In realtà molti ordini erano già stati acquisti nelle settimane scorse ed erano rimasti fermi in attesa del via, fissato per le 10 del 1 agosto, (fino al 31 dicembre 2020). La prenotazione dei nuovi bonus per le auto avviene, a cura del venditore, sul sito del Ministero per lo Sviluppo Economico. Ricordiamo che per le auto elettriche si può arrivare a 10 mila, di cui 8 mila accordati dal Governo e 2 mila come sconto dal venditore. Senza rottamazione, il bonus è di 6 mila euro (5 mila dal governo e mille dal venditore). Il ministero ha fatto sapere che già in mattinata erano arrivate circa 3 mila richieste di incentivi.

— Ma leggi anche: occhio all’illusione dello sconto pareggia-incentivo

nuovi incentivi
La Renault Zoe saldamente in testa al mercato delle elettriche, con oltre 1.700 immatricolazioni nel 2020.

Non si tratta solo di auto elettriche o di ibride plug-in: da agosto il bonus governativo, anche se in misura molto minore, è aperto anche alle auto Euro 6. A due condizioni: che il prezzo di listino non superi i 40 mila euro e che le emissioni di CO2 siano compresi nella fascia 61/110 g/km. Si tratta di 3.500 euro con rottamazione e 1.750 euro senza. Per le ibride plug-incon emissioni fra i 21 e i 60 g/km, il bonus è invece di € 6.500 rottamando o di € 3.500 senza .

Scooter e moto festeggiano con sconti del 30-40%

Grande fermento nei concessionari di due ruote. L’annuncio del via libera alla prenotazione dei nuovi contributi da parte del Ministero è stato accolto con favore da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori). Le nuove misure ridefiniscono i contributi per l’acquisto di moto, scooter, ciclomotori, tricicli e quadricicli a trazione elettrica. Le percentuali dell’Ecobonus – che può essere richiesto fino al 31 dicembre – adesso coprono il 30% del prezzo d’acquisto, fino a massimo 3.000 euro senza rottamazione. E il 40% del prezzo d’acquisto, fino a massimo 4.000 euro con rottamazione.

Nuovi incentivi
La Vespa è uno degli scooter elettrici più costosi: 6.710 euro. Ma  rottamando l’incentivo copre il 40% del prezzo.

I volumi di vendita di moto e scooter elettrici sono ancora ridotti in Italia rispetto ai mercati di altri Paesi europei, come Francia, Spagna e Olanda. Ma la quota di mercato dei veicoli elettrici sul totale delle vendite di due ruote a motore in Italia è comunque più del doppio superiore rispetto a quello delle auto. E potrebbe avere ora un’ulteriore spinta.

nuovi incentivi auto e motonuovi incentivi— Clicca qui per consultare il nostro Listino facile degli scooter elettrici, con oltre 80 modelli. Qui invece il Listino delle moto elettriche —

 

 

 

 

6 COMMENTI

  1. Voi che avete fatto le verifiche di prezzi prima di questi nuovi incentivi perché non li rifate adesso?
    Prima 6000€ statali più 4000€ di sconto (che facevano tutti se non ricordo male dai vostri servizi).
    Adesso sarà 8000€ statali e 2000€ di sconto? Risultato uguale?
    Fatemi sapere.

  2. Bene, solito beneficio non completamente per i consumatori.
    Questi incentivi aiuteranno d’accordo ma sono stati pensati male. Già solo il fatto che il contributo per le ibride possa essere usato solo per le plugin è assurdo.
    Se avessero voluto veramente dare una svolta al parco auto con l’elettrico avrebbero dovuto rendere accessibili i modelli “segmento B” elettrici per tutti, uno che ha un’auto vecchia da rottamare il 90% delle volte non ha 20-25 mila euro da spendere oltre gli incentivi.
    L’incentivo avrebbe dovuto azzerare la differenza tra un modello base benzina e l’elettrico.
    Così le compreranno solo chi è veramente convinto e ha disponibilità ma tutti gli altri continueranno a preferire i modelli termici anche perché hanno incentivato pure quelli (sempre con finto incentivo di 3500 che nella realtà diventano 1500 perché lo sconto lo facevano sempre).

  3. Una buona notizia! Finalmente si inizia a comprendere il valore dell’elettrico e prendono forma agevolazioni per renderlo abbordabile a più persone possibili. Speriamo che col tempo diventi sempre più semplice approcciarsi a questi mezzi green, e che oltre ai veicoli a due ruote anche le auto elettriche possano trovare la giusta spinta nel mercato. Stiamo fiduciosi!

  4. LA KIA E I PASSETTINI INDIETRO DELLE CONCESSIONARIE (O ALMENO DI ALCUNE).
    Carissimi lettori, specialmente Gian Basilio Nieddu, come da mie precedenti sono andato a sondare, per curiosità e per interesse personale, i prezzi praticati dalle concessionarie kia in questi giorni, dopo il luglio di attese e promesse.
    BELLA FREGATURA! Attenti ai due conti:
    kia niro 64 kw a metà luglio 32.000 euro
    kia niro 64 kw ad agosto 32550 euro (la differenza oggettiva è solo su 150 euro di vernice).
    Ergo: Le concessionarie incassano + 2000 euro dicendo che prima applicavano uno sconto e poi non lo applicano più.
    Girate questa bella letterina al Sig. Conte oppure al Sig Di Maio.
    ohhhh.. ragazzi (come direbbe Bersani) Preventivi sulla scrivania pronti e belli da dimostrare!!
    Come sempre conviene aspettare 6 mesi e comprare l’auto dalla Germania già bella che immatricolata, farsi una risata sull’iva (che non è più dovuta al 22%) e pagare la stessa auto 30.000 euro . Non per voler infierire ma la serietà di chi fa una legge sta anche nel fatto di saperla applicare. Come si bloccano i licenziamenti si possono bloccare anche gli sconti applicati.

  5. io sto continuando a chiedere preventivi in tutte le concessionarie di cagliari il massimo che riesco a racimolare sono 4000/5000 compresa rottamazione. Quando parli di 10.000€ anche con le full electric ti guardano come se fossi un alieno. Boh, ci sto rinunciando.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome