Home Ricarica e Bollette Nozze alla colonnina tra E-Shore e EnerMia

Nozze alla colonnina tra E-Shore e EnerMia

0
Charxcontrol

Nozze alla colonnina tra E-Shore Srl ed EnerMia: le due società si aggregano, dando vita a una rete con 750 punti di ricarica nel 70% delle regioni italiane.

nozze alla colonninaNozze alla colonnina Samorì: “Si conclude un percorso…”

Dalle parole di Flavia Samorì, Ceo di EnerMia, par di capire che è E-Shore la società aggregante: ” “Con questa operazione si conclude un percorso ricco di soddisfazioni che in pochi anni ha trasformato EnerMia da idea embrionale a realtà consolidata e riconosciuta a livello nazionale”, spiega la manager emiliana. “Tutto questo è stato possibile grazie all’impegno di collaboratori ed amici che hanno creduto con entusiasmo nell’iniziativa. Oggi nasce una nuova realtà, uno step necessario per continuare a distinguersi in questo mercato e per portare avanti i valori che da sempre ci hanno caratterizzato”. EnerMIa (qui la storia) ha sede a Modena e opera nel settore della mobilità elettrica dal 2017 in tutto il territorio nazionale. I punti di ricarica sono oltre 250, con una App proprietaria, 8.000 utenti registrati e una rete commerciale di oltre 200 agenti.

nozze alla colonninaE-Shore: “3 mila stazioni entro il 2025”

E-Shore (qui il sito) ha due sedi, a Milano e Livorno (operativa) e si è posta l’obiettivo di implementare di una rete di 3.000 stazioni di ricarica in tutta Italia entro il 2025. Questo “non solo tramite crescita organica, ma anche attraverso aggregazioni con player strategici già riconosciuti a livello nazionale”, spiega il CEO Marco Mele. Tra queste rientra evidentemente l’operazione con EnerMia.  La rete di E-Shore è costituita da stazioni Quick e Fast Charge in parcheggi ed aree pubbliche o private ad uso pubblico. Ogni punto di ricarica è segnalato sull’APP E-Shore Mobility e su tutte le piattaforme di geolocalizzazione, grazie ad accordi di interoperabilità.

  • I veri costi delle auto elettrica? Non sono certo quelli che leggi sui social e sui media: VIDEO di Paolo Mariano

Apri commenti

Rispondi