Home Auto Non ti fidi dell’elettrico? Prova la Kona per 3 giorni

Non ti fidi dell’elettrico? Prova la Kona per 3 giorni

16
CONDIVIDI
La Kona da un motore da 204 CV (150 kW), con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 7,9 secondi

Non ti fidi dell’auto elettrica? Fai parte degli italiani che preferiscono soluzione intermedie come l’ibrida plug-in? La Hyundai ti dà la Kona in prova per 3 giorni.

Non ti fidi… / Un test per battere i pregiudizi

non ti fidi

Sono i costruttori stessi a percepire che c’è ancora una certa diffidenza nei confronti dell’elettrico. “Il mercato auto si sta spostando sempre più verso soluzioni di mobilità elettrificata”, scrive la Hyundai in un comunicato, “ma sono ancora in tanti a mostrare scetticismo nei confronti dei modelli full-electric a batteria. Facendosi condizionare da pregiudizi e dall’ansia da autonomia“. Molti ragionano e parlano per sentito dire, senza mai avere provato un’auto elettrica. Ecco perché, per avvicinare alla mobilità a zero emissioni e farne comprendere benefici e vantaggi, Hyundai Italia ha ideato il programma Hyundai Electric Driving Experience. Non il solito giretto che ti fa fare il concessionario, ma un Long Test Drive fino a tre giorni sulla Nuova Kona Electric nella versione con batteria da 64 kWh. L’iniziativa è valida  fino al 31 dicembre 2021. E consente di testare a fondo il Suv elettrico più venduto in Italia, con un’autonomia fino a 484 km nel ciclo combinato WLTP (660 km se si usa in città).

non ti fidiPrenoti on-line e provi tutto, ricarica compresa

Per fare il test ci si prenota attraverso gli show-room Hyundai oppure sul sito della Casa coreana, scegliendo fino il concessionario di riferimento. Lo show-room selezionato contatterà l’utente per definire insieme i dettagli per il ritiro e la riconsegna. Ovviamente sarà anche l’occasione per provare il passaggio che molti automobilisti “tradizionali” considerano più ostico, ovvero il rifornimento. Ricaricare la batteria della Kona dal 10% all’80% richiede 47 minuti, utilizzando un caricatore rapido (DC) da 100 kW. Ma il Suv Hyundai può essere dotato di un caricatore trifase da 10,5 kW, che consente tempi contenuti anche utilizzando colonnine di ricarica AC trifase o wall-box domestiche. E c’è anche la possibilità di usare la normale rete elettrica domestica, attraverso il cavo ICCB (In-Cable Control Box). Tutte le auto  saranno fornite di cavo per la ricarica e Card Charge MyHyundai,  che consente di accedere alle colonnine dei principali operatori e a tariffe agevolate.

Apri commenti

16 COMMENTI

  1. Buongiorno come scritto già da qualcuno nei commenti, ho letto sul sito che la cauzione per il Test Drive della Kona eletric di 3 giorni è stato innalzato, da 100 a 300 €, sono passato in concessionaria Hyundai per chiedere maggiori informazioni, ma con scarsi risultati, mi è stato consigliato di fare tutto da casa dal sito Hyundai.
    Se qualcuno di voi si è ritrovato in questa situazione.
    Quindi chiedo a voi se effettivamente è stata innalzata la cauzione da versare e perché vi è stato questo cambio di direzione.

    • Il concessionario che mi ha permesso di provare la Kona EV, come ho già detto, mi ha chiesto 100€ di cauzione e non mi ha fatto pagare i chilometri in eccedenza oltre i 300. L’unica cosa che mi ha raccomandato è stata quella di non riportargliela completamente scarica perché subito dopo di me l’avrebbero consegnata ad un altro utente, giustamente al 70% l’ho ricevuta e al 70% l’ho riconsegnata.

  2. Prenotata per dicembre, per provare anche la wallbox che per quella data dovrebbero ultimarmi i lavori
    Riguardo i 100 € di cauzione è più che giusto ( lo riporta anche il sito Hyundai ), 300 Km in tre giorni e anche tanta roba, inoltre se si superano il costo è irrisorio
    La cosa che mi ha lasciato perplesso è stato l’operatore del concessionario, che mi ha contattato dopo due giorni per la conferma, in quanto ha tenuto un atteggiamento piuttosto dissuasivo: elencandomi le varie clausole ( 100 € di cauzione, 300 Km di limite di percorrenza ) e sottolineando che c’è una franchigia di 1000 € in caso di incidente con dolo ( se qualcuno ha avuto esperienza in merito gradisco risposta )ecc..
    Per finire mi ha proposto se volevo fare un test drive classico con l’operatore
    Ovviamente ho desistito e concordato per quello che avevo chiesto ( test drive di 3 giorni )
    Purtroppo se chi deve promuovere si mette di traverso diventa lunga ( la transazione all’elettrico )

  3. A Cesena oltre i 100€ di cauzione mi hanno chiesto addirittura la fotocopia della carta di credito (requisito non prevista sul sito Hyundai). Ovviamente cambierò concessionario…

    • La cauzione da 100€ per me è stato un atto più che dovuto, pure il concessionario si deve tutelare, a me è stato chiesto bloccando semplicemente la cifra con il loro POS il giorno del ritiro, mi è stata sbloccata il giorno della consegna. La versione messa a disposizione è quella con motore da 150kW e batteria da 64 kWh. Devo dire che è stata un’ottima esperienza, con uso urbano e extraurbano non rende l’idea di quello che può fare, ma appena si affrontano i tornanti in salita da il meglio di se è non c’è termica di pari categoria che tenga, mentre durante le discese si vedono i chilometri di autonomia salire a vista d’occhio. Non ho percorso autostrada, ma vengono dichiarati 300 km di autonomia a 130 km/h e per il mio utilizzo sarebbero più che sufficienti.

      • i 100 € a me li voleva in contanti (non hanno il pos…boh) e comunqie mi sta bene perché previsto dalle condizioni della casa madre.
        il problema è la fotocopia della carta di credito, pretesa assurda, richiesta secondo il concessionario dallazienda che gli noleggia la Kona, al fine di prevenire eventuali autovelox. mah!

    • Concedere la fotocopia della propria carta di credito credo non sia una buona idea, Certo che il concessionario se la poteva evitare questa richiesta. Fai come hai detto, cambia concessionario, non te ne troverai pentito.

  4. io ho dovuto rinunciare, il concessionario di cesena mi ha richiesto la fotocopia della carta di credito… requisito non richiesto nel sito della casa madre.

  5. Iniziativa lodevole, ma purtroppo 3 giorni sono troppo pochi per far vincere l’ansia da ricarica. Per me che non ho garage, ne spazio privato, l’ideale sarebbe una prova di un mesetto per capire se posso effettivamente ricaricarla comodamente in giro per la città. Mi rendo conto che non possano lasciare un’auto per tutto quel tempo in test drive, ma potrebbero pensare ad una formula tipo noleggio…. Io 150-200 euro per provare una elettrica per un mese li spenderei

  6. A Siracusa dopo aver prenotato mi hanno comunicato che c’è un limite di percorrenza a 300 km, quindi il test drive con queste condizioni diventa inutile

    • Il limite ė solo fittizio, nel senso che, superati i 300 km, il costo per ogni singolo chilometro ė di cinque centesimi, quindi irrisorio, io ne ho fatti molti ma molti di più di 300 km ma non mi è stato chiesto un centesimo. Ovvio che tutto dipende dalla sensibilità del concessionario.

  7. Ritirata per il test drive questa mattina, firmato documento per il ritiro dell’auto e dopo pochi minuti per la descrizione dei comandi principali da parte del concessionario l’auto sarà mia fino a sabato pomeriggio. Auto trovata con oltre il 70% di carica e quindi oltre i 400km di autonomia. In alcuni forum viene descritto che il concessionario rilascerà anche la Charge myHyundai per poter effettuare ricariche a prezzi agevolati, ma il ragazzo che mi ha consegnato l’auto non ne sapeva niente. In pochi minuti mi sono registrato a becharge dove effettuerò le ricariche necessarie.

  8. Ottima iniziativa !
    Visto il momento di stasi del mercato delle auto elettriche, dovuto alla fine degli incentivi, facciamo provare le auto elettriche ai futuri clienti .

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome