Home Auto Non la compri più l’auto, l’affitti come il telefonino

Non la compri più l’auto, l’affitti come il telefonino

4
CONDIVIDI
Lease ID.3
Il grande format pubblicitario all'ingresso del Salone di Francoforte: la nuova ID.3? noleggiala

Non la compri più l’auto, l’affitti come il telefonino. Scegli il modello e la rata mensile che ti puoi permettere. E il costruttore pensa a tutto, polizza e manutenzione inclusi.

In questi giorni di Salone dell’auto, Francoforte è tappezzata dai giganteschi format pubblicitari della nuova Volkswagen ID.3 (qui l’articolo). Ma lo slogan, “Now you can”, non è riferito solo al fatto che nelle intenzioni della Casa questo è il modello che dovrebbe rendere l’elettrico alla portata di tutti. Ma anche e soprattutto alla raccomandazione non di comprarla, ma di noleggiarla la ID.3, in questo caso con la formula Lease&Care. Un po’ come si fa col telefonino. E quel “Ora puoi” sta lì a rassicurare il cliente che ancora dell’elettrico non si fida a rilassarsi per almeno tre buoni motivi.

DIESS ID.3
Il presidente della VW, Diess, con la nuova elettrica ID.3

1- Il prezzo di acquisto è troppo alto

Le auto elettriche, si sa, hanno prezzi più alti dei modelli a benzina o a gasolio. E i listini spaventano, facendo fuggire anche chi sarebbe potenzialmente interessato. Nonostante che poi l’energia costi meno della benzina e la manutenzione sia pressoché inesistente, contro i tagliandi-salasso delle vetture tradizionali. Dunque: lo zuccherino per evitare che il cavallo si fermi davanti all’ostacolo è costituito da un contratto che di fatto spalma il prezzo d’acquisto su più anni. E lo attenua grazie al fatto che i costi successivi sono molto minori. Alla lunga, in quello che gli esperti chiamano Total cost ownership (Tco), si pareggiano quasi.

2- E se poi l’elettrico non mi piace?

Molti temono di trovarsi male con una tecnologia che conoscono poco o nulla. E di rimanere prigionieri di un’auto che non apprezzano. Le Case ti rassicurano dicendo: dopo tre anni me la restituisci. E per tranquillizzare ancor di più nei suoi fogli informativi la Volkswagen scrive anche “no hidden costs“, non ci sono costi nascosti. E non compri più l’auto, senza pensare a quando la dovresti rivendere usata, altro incubo.

3- E se la tecnologia invecchia subito la mia auto?

Terzo (legittimo timore): la tecnologia nelle auto elettriche corre veloce, soprattutto nel peso e la capacità delle batterie. Ergo: molti temono di ritrovarsi con un modello precocemente invecchiato. Un po’ come i telefonini di qualche anno fa, che oggi guardiamo con commiserazione. Anche qui: nessuna paura, perché tra tre anni il costruttore si riprende l’auto e, se vuoi, te ne dà un’altra nuova di zecca. Come l’ultimissimo smartphone.

— Tutto sulla ID.3 nella Volkswagen Newsroom

4 COMMENTI

  1. Faccio l’avvocato del diavolo. In teoria va tutto bene però, valutando per esempio altre offerte di fornitori di energia che offrono un pacchetto tutto incluso con l’auto elettrica noto che, alla fine, pago l’auto interamente (come un normale acquisto a rate) e poi la restituisco. Risultato: ho acquistato un auto e dopo 3 anni mi ritrovo senza auto. Allora il giusto sarebbe pagarla in 3 anni meno del prezzo di acquisto in modo da rendere sensata l’operazione. Se devo pagarla tutta, poi restituirla ed essere costretto a pagare rate in eterno per avere un’auto in casa (oltretutto con la limitazione dei km annuali percorribili..clausola presente in molte di queste offerte), forse vale davvero la pena di comprarsela e basta. Sia chiaro che sono superfavorevole all’elettrico. Infatti le mie considerazioni valgono per qualsiasi tipo di auto

    • Comprendo pienamente il tuo ragionamento e lo condivido. A presindere che si tratti di auto elettrica o una tradizionale con motore a scoppio. Ed il ragionamento vale anche per qualsiasi altra cosa. Inoltre aggiungo un’ altra considerazione. Se devo pagartela tutta in tre anni è possibile che neanche il costruttore si fidi poi tanto della sua stessa auto. Altrimenti avrebbe considerato di ridarmi indietro il valore dell’ auto al netto della svalutazione. In fondo lo possono sempre rivendersela.

  2. Non capisco come fate a dire che in tre anni l’auto si paga già tutta. È ovvio che in questo caso tanto vale comprarsela e rivenderla usata, per quanto si sia svalutata nel frattempo. Io credo invece che le Case come la Volkswagen si stiano prendendo un grosso rischio. Il giochino sta in piedi se nasce in fretta un buon mercato nelle elettriche di seconda mano, cosa che al momento non vedo. Anche perché serve un buon gioco di squadra con i concessionari, che al momento vedo molto freddi sull’elettrico. In questo caso parlo in generale, non solo di Volkswagen.

  3. Alla fine i produttori ci guadagnano in un modo o nell’altro. Se la compri a rate, la finanziaria sono loro stessi, con sconti all’acquisto e Taeg che sfiorano il 10%. Ah ma dopo 3 anni c’è il valore futuro garantito (ma non devi esagerare con i km…)
    Se invece la noleggi, in 48 mesi te la paghi interamente (ok, bisogna attualizzare le cifre per rendere giustizia, ma con bollo zero, manutenzione al minimo, Kasko sicuramente a prezzi più vantaggiosi del privato cittadino, il produttore non fa scommesse, anzi…)
    L’unica via che vedo è l’acquisto di un buon usato dei malati dell’ultimo modello.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome