Home Turismo elettrico Noleggio elettrico ad Ostuni: dopo la Twizy, test sulla piccola Ami

Noleggio elettrico ad Ostuni: dopo la Twizy, test sulla piccola Ami

0
CONDIVIDI
Ami citroen

La piccola Ami non è buona solo per gli spostamenti urbani, si presta bene anche ai noleggi per le escursioni. Ci credono Paola e Giampiero, operatori turistici di Ostuni, in Puglia. Pionieri con  Forplay che opera da ben  7 anni con la  Twizy.

Scoprire le meraviglie del territorio con più silenzio, meno rumore e zero emissioni locali. Tutto bene. Ma ora Paola e Giampiero, gestiscono ben 49 quadricicli della Renault, investono anche sulla Ami della Citroen, sugli scooter e sulla Vespa.

Piccola Ami per tutta la famiglia, ne hanno comprate 4

Citroen
Una Ami per ciascun componente della famiglia

Hanno aspettato un po’ ma nei giorni scorsi le prime 2 Ami sono giunte a destinazione. “Ne abbiamo ordinate quattro, ne sono arrivate due, una per ogni componente della famiglia. Le altre due dovrebbero arrivare entro agosto e inizio settembre. Ma va bene così perché iniziamo a testarle per vedere i pro e contro come si è fatto con le Twizy“.

La prima impressione? “E’ stata buona. Ottima. Un veicolo comodo, facile da usare, leggero. Chiaramente la velocità si ferma ai 45 km/h quindi manca quell’aspetto, ma è molto spaziosa all’interno e facile da parcheggiare. E  ricordiamo che nel centro storico non si va oltre i 50 km/h“.

Più accessibilità per la piccola Ami

Quali sono i motivi che vi spingono a investire sulla Ami? “Senza dubbio l’accessibilità, la Twizy non la garantisce per tutti, c’è qualche problema con le persone più anziane. Una famiglia può rinunciare a fare l’escursione se non è accessibile a tutti. Per di più la Ami ha i finestrini montati di serie e, quindi, offre una protezione maggiore. Noi che facciamo noleggio anche per i locali guardiamo anche al mercato dei 14 anni, gli studenti che vanno a scuola“. Al posto della moto.

Noleggio meno caro

Ami citroen
Paola e Giampiero con le Ami davanti alla sede della loro società

Giampiero spiega la strategia: “Ora facciamo il test, vediamo come vanno, per esempio, in salita. Si può anche noleggiare a un prezzo minore visto che si risparmia sulle batterie“. Insomma ci sono diverse possibilità di sbocco commerciale per l’Ami.

E non solo: “Abbiamo preso degli scooter Askoll usati da testare, poi 4 nuovi NGS 3 e 4 e anche due Vespa elettriche usate e 10 e-mountain bike. Abbiamo ampliato la gamma“. Una conferma che si riesce a fare turismo a emissioni zero, abbinato al noleggio locale, anche se non è semplice.

Stupiti anche alla Renault

Luca De Meo, Ceo di Renault

Paola e Giampiero hanno puntato anche sulla pubblicità dinamica con le Twizy griffate con marchi e loghi di grandi aziende. “Una fonte importante per tenere in piedi la nostra azienda, siamo aperti da 7 anni e ora stiamo raccogliendo i frutti. Una trentina di clienti del noleggio hanno acquistato  le nostre  Twizy”. A Ostuni ce ne sono così tante che anche dalla Renault si sono chiesti il motivo di questo successo.

Se volete fare una vacanza a emissioni zero, a Ostuni non manca l’offerta: “Abbiamo anche installato la colonnina, ma i turisti con l’auto elettrica ancora qui non arrivano. Ci vorrà tempo“. Paola e Giampiero in ogni caso si sono preparati e messi avanti.

—Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —

 

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome