Home Auto Nissan e Cupra, le elettriche che verranno

Nissan e Cupra, le elettriche che verranno

1
CONDIVIDI
Nissan IMk
L'IMk, il piccolo veicolo elettrico presentato dalla Nissan a Tokio.

Nissan e Cupra svelano le elettriche che verrano. Per ora sono solo concept, prototipi. Ma presto saranno modelli reali, in vendita. Entrambi molto interessanti.

IMk, il lusso in meno di tre metri e mezzo

Nissan IMk
La Nissan IMk per ora è un prototipo, ma potrebbe arrivare sul mercato nel 2021.

Finalmente una citycar elettrica, dopo tanti Suv e super-sportive. Nissan ha presentato al Salone di Tokio l’IMk, “un veicolo urbano capace di distinguersi da tutte le altre vetture del segmento“. Sul look giudicate voi, a noi interessa che si lavori su dimensioni molto compatte, adatte a città sempre più caotiche. E l’IMk è lunga 13 cm in meno della Fiat 500 (343 contro 357), con un’altezza di 164 e una larghezza di 151. Ma con ambizioni da auto “premium”. “Realizzato su una nuova piattaforma EV, IMk è molto più di una funzionale city car“, assicura la Nissan. “È un veicolo elegante che offre al conducente piacere di guida e sicurezza, riducendo lo stress di chi è al volante. Equipaggiato con il più avanzato sistema ProPILOT di assistenza alla guida e con le ultime tecnologie di connettività“.

Nissan IMk
La Nissan IMk è lunga 344 com, contro i 357 cm della Fiat 500

“Nissan IMk è progettato per trovarsi a proprio agio in ambienti cittadini sofisticati, così come nelle città tradizionali giapponesi”, afferma Satoru Tai, Executive Design Director in Nissan. “Unisce un look moderno ed essenziale, ispirato alla tradizione giapponese, con una tecnologia dei veicoli elettrici all’avanguardia. Si tratta di un piccolo lussuoso veicolo elettrico che mi auguro molti clienti guideranno”.

— Leggi anche: le vogliamo elettriche, ma piccole

Tavascan, aerodinamica e materiali leggeri

Tavascan
La Tavascan è una concept di Cupra, il marchio sportivo della Seat.

Nissan e Cupra, filosofie completamente diverse. Tutt’altro discorso dalla IMk con la Tavascan, la concept presentata da Cupra, marchio sportivo della Seat (Gruppo Volkswagen). Qui la sfida è emozionare, fare con l’elettrico una vettura prestazionale. E l’aerodinamica è il fattore chiave: “La sfida più importante, nel processo del design di un’auto elettrica, è l’efficienza aerodinamica”, spiega Alberto Torrecillas, designer degli esterni di CUPRA. Per ottenerla, dal corpo della concept escono ali e appendici in maniera naturale.

Tavascan
Il designer Alberto Torrecillas.

Ogni elemento è scolpito con l’obiettivo di conferire un’anima all’auto. Nulla sembra pensato per una macchina, le appendici nascono come un muscolo che appare dal corpo definendo la silhouette del SUV coupé di CUPRA”. Così si ottiene una minore resistenza all’aria, aumentando l’autonomia. Visto il peso delle batterie, lavorare con materiali leggeri diviene una priorità per i disegnatori. “L’intera concept è creata in fibra di carbonio, il materiale perfetto per trasmettere il concetto di lightweigth”, aggiunge Torrecillas. La diminuzione del peso è strettamente legata a una maggiore autonomia. E a giocare un ruolo decisivo in tal senso sono anche le ruote. Quelle di Tavascan sono da 22”, con parti in rame e coprimozzi in fibra di carbonio per aiutare a canalizzare l’aria e refrigerare i freni. “Nel design di un’auto elettrica il tema della frenata e del risparmio di energia sono importantissimi, e le ruote hanno un ruolo primario”, sottolinea il designer.

Tavascan
Le ruote della Tavascan, disegnate per contribuire all’aerodinamica

— Qui il comunicato Cupra con altre info sulla Tavascan

page1image3797217792

 

 

1 COMMENTO

Comments are closed.