Home Nautica Navi da carico, con il solare/eolico consumi giù del 30%

Navi da carico, con il solare/eolico consumi giù del 30%

1
CONDIVIDI
nautica elettrica
Rinnovabili per grandi navi

Solare e eolico potrebbe ridurre le emissioni del settore navale (il 2,5% delle totali di CO₂) abbassando del 15-30% i consumi di carburante. Parliamo di navi da carico e a lungo raggio. La Ue ha finanziato una ricerca da 9 milioni. 

Oltre l’idrogeno le rinnovabili per le grandi navi

Si parla tanto di idrogeno per le grandi navi che percorrono lunghe rotte.  Ma in attesa del suo sviluppo già ora con le rinnovabili si possono percorrere passi significatici per ridurre il consumo dei fossili. Merito delle ampie superfici a disposizione, dell’utilizzo di vele tecnologiche e del miglioramento dell’efficienza del fotovoltaico, anche se queste imbarcazioni consumano tanto e le rinnovabili permettono solo un’integrazione. Ma ridurre di quasi un terzo le emissioni è tanta roba.

LEGGI ANCHE: Barche da lavoro: RS Electric Boats naviga con Cheetah

La Ue ha finanziato 9 milioni per la ricerca. C’è l’italiana Solbian

I risultati sono stimati, c’è da fare ricerca. Con il programma Whisper che  riceve oltre 9 milioni di euro di finanziamenti dall’UE con il programma Horizon. C’è anche l’italiana Solbian Energie Alternative (leggi), fondata dal navigatore oceanico Giovanni Soldini, che produce pannelli fotovoltaici flessibili che vende pure ai cinesi.

porto di singapore
Navi al porto di Singapore

L’obiettivo pratico del progetto è quello di sviluppare una soluzione modulare in grado di ridurre in modo significativo le emissioni dell’industria marittima a lungo raggio, responsabile di circa il 2,5% delle emissioni totali di CO₂ a livello mondiale. “Con Whisper si punta a raggiungere un risparmio di carburante di circa il 30% sulle navi da trasporto per materiali secchi – sottolineano i responsabili del progetto –  e di oltre il 15% sulle portacontainer”.

Un sistema ibrido eolico solare

Il progetto è guidato da un gruppo  di esperti provenienti da tutta Europa che svilupperà una soluzione completamente modulare, costituita da un sistema ibrido eolico-solare per ridurre significativamente le emissioni del motore ausiliario e un sistema di vele ad ala basculante per fornire una propulsione assistita dal vento. In questo modo si riduce significativamente il consumo di carburante e le emissioni del motore principale.

La movimentazione dei container
I container traportati dalle navi al porto di Anversa

Luca Bonci, Ceo di Solbian: “Solbian è fermamente impegnata a diffondere l’utilizzo dell’energia solare sulle navi da carico. Dopo anni di esperienza nella creazione di soluzioni solari per qualsiasi tipo di imbarcazione, dalle piccole barche a vela ai traghetti, confidiamo che l’unione delle competenze tra le aziende attive nel settore delle rinnovabili (solare ed eolico) e gli esperti del settore navale darà un forte impulso all’adozione di fonti di energia pulita nel trasporto marittimo.”

Il progetto Whisper  vede la partecipazione di 14 partner: Verkís (project lead), Sidewind, AYRO, Solbian, CANOE, Ant Topic, Dotcom, Samskip, Nav-Tech, Stirling Design International, BBA/Fjeldco, Lloyds Register, Athygli e Inspiralia GmbH.

-Iscriviti alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube

Apri commenti

1 COMMENTO

  1. Ci sono studi al riguardo, attualmente la porta container e’ “piccola” e solo full electric. In futura il solare su una tettoia, o ai lati scafo, si pensa di ridurre il consumo in velocita’ stabikizzata di un 10/12% buono, alla velocita’ di crociera di circa 4 kmh.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome