Home Auto Musk svela i piani per batterie e “piccola” Tesla

Musk svela i piani per batterie e “piccola” Tesla

4
CONDIVIDI
Un abbozzo della piccola Tesla del futuro, ma il vero modello è ancora da definire.

Musk svela i piani  per lo sviluppo delle batterie e per la “piccola” Tesla, la world-car che verrà progettata a Berlino, meno costosa del Model 3.

Musk svela: “Diminuire i costi delle celle prima di tutto”

Il patron di Tesla era collegato dalla California con la Conferenza organizzata dalla European Battery Alliance, alla presenza del commissario UE Maros Sefcovic . E ha fornito anzitutto alcuni spunti sulla produzione di celle più avanzata che si farà nella Gigafactory del Brandeburgo, vicino a Berlino: “Costruire il prototipo di una tecnologia avanzata è facile”, ha ammonito, “ma portarlo a una produzione di massa è estremamente difficile“.

Il patron di Tesla è convinto che continueranno a esserci miglioramenti nella densità di energia, nella rapidità della ricarica e nella durata delle batterie. Ma ha ricordato anche che “il fattore più importante resta il costo. Questa è la più grande leva per la diffusione delle auto elettriche “. Il suo obiettivo a lungo termine è di portarlo a 50 centesimi di dollaro per kWh per una “cella di batteria a lungo raggio“, non per un prototipo.

Musk svela
Elon Musk durante il Battery Day del settembre scorso.

Musk svela: nuova tecnologia “a secco”

La cella deve essere costruita nel modo giusto“, ha continuato Musk. “Ma la sfida più grande è aumentare la produzione in modo sicuro e affidabile”. Un importante progresso nel processo della celle è derivato dall’acquisizione del know-how di Maxwell Technologies,  con la tecnologia degli elettrodi a secco.  “Il processo di produzione dell’elettrodo a secco è un punto di svolta“, ha spiegato Musk, “Non solo rende la produzione più pulita perché non dobbiamo più usare solventi. Ci sono anche dei vantaggi nel processo di produzione perché possiamo applicare il materiale in modo più preciso. Non dobbiamo asciugare la pasta e non dobbiamo raccogliere e filtrare i gas generati durante l’essiccazione“. A Fremont è già operativo un impianto-pilota in scala ridotta di questa tecnologia. “Quando lo vedi, ti fai un’idea di quanto sarà complesso un impianto di produzione che è 100 volte più grande“, ha chiosato il patron di Tesla.

La piccola Tesla creata in Germania per l’Europa

Musk, sempre piuttosto abbottonato, ha poi fatto alcune anticipazioni sul nuovo modello Tesla da progettare nella fabbrica tedesca. Spiegando che  sarà sviluppata con talenti locali, in una sorta di gara con un progetto analogo già avviato nella GigaFactorydi Shangai. “Credo che in Europa ci siano molti talenti, tra ingegneri e designer. E le persone migliori vogliono lavorare in luoghi in cui si sta facendo un lavoro di progettazione originale. Non solo fare la versione europea di qualcosa che è stato progettato in California. L’importante è attrarre le migliori risorse“. musk svelaChe macchina sarà? “Immagino che in Europa abbia senso fare un’auto compatta, forse una berlina o qualcosa del genere. Qualcosa che risponde alla domanda su quel che vuole la maggior parte dei clienti. Negli Usa le macchine tendono ad essere più grandi per motivi di gusto personale, in Europa le preferite più piccole. Anche per motivi di parcheggio in città molto affollate“. Sui tempi di arrivo di questa “piccola”, Musk non si è sbilanciato. Ma non saranno tempi brevi.

— Leggi anche: entro tre anni la Tesla da 25 mila dollari

ATTENZIONE: Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube

 

Apri commenti

4 COMMENTI

  1. sarebbe bella un formato ispirato alle bmw copact o mercedes c sportcoupe
    ovviamente con lo stile tesla model 3
    nonostante le 3 porte erano molto comode (ho avuto un 318 ti) , con l’elettrico si recupererebbe un sacco di spazio

  2. Direi ottime notizie !
    le promesse di Musk, fino ad ora si sono avverate tutte, magari ci è voluto più tempo di quanto annunciato, ma si sono realizzate tutte.

  3. Il suo obiettivo a lungo termine è di portarlo a 50 centesimi di dollaro per kWh.

    Significherebbe batterie gratis. Probabilmente si parla di 50 dollari per kWh.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome