Home Aziende Motor Valley Accelerator, 20 start up al secondo round

Motor Valley Accelerator, 20 start up al secondo round

0
motor valley accelerator

 

Al via la seconda edizione di Motor Valley Accelerator, primo acceleratore verticale legato al mondo dell’Automotive e della Mobility. Nato da un’iniziativa congiunta della rete nazionale CDP Venture Capital Sgr – Fondo Nazionale Innovazione, UniCredit e Fondazione di Modena, gestito da Plug and Play e CRIT.

L’inaugurazione del secondo ciclo di accelerazione del Motor Valley Accelerator è avvenuta a Modena lo scorso venerdì 27 Maggio. In un evento dedicato ad aziende partner, startup, soci fondatori ed appassionati sono stati presentati i successi raggiunti dalle startup che hanno partecipato alla prima edizione del programma.

Batterie, economia circolare, realtà aumentata

Durante il Selection Day di marzo sono state individuate le migliori 20 startup candidate al programma. Le soluzioni e le più avanzate tecnologie proposte riguardano batterie per EVs e PHEVs, soluzioni di economia circolare per materiali compositi, digital twin, intelligenza artificiale a supporto della manifattura automotive e della supply chain, realtà aumentata applicata.

All’evento hanno partecipato Stefano Molino, Responsabile Fondo Acceleratori di CDP Venture Capital Sgr, Niccolò Ubertalli, Responsabile UniCredit Italia,  Paolo Cavicchioli, Presidente di Fondazione di Modena, Marco Baracchi, direttore del CRIT, gestore tecnico del MVA.

Obiettivo dell’iniziativa è finanziare ed accelerare i migliori innovatori del panorama Mobility e Automotive italiano.  Il percorso di  mesi riguarda tutte le fasi del ciclo vita aziendale: momenti formativi, networking, investimenti e accesso ad un prestigioso gruppo di partner leader dell’industria quali STMicroelectronics, Marelli, HPE, Sabelt, Dallara, Gruppo CLN ed OMR.

I casi di Hexadrive Engineering e Reefilla

Durante l’evento si sono celebrati i successi di due delle startup del primo batch di accelerazione di Motor Valley Accelerator. Si tratta di Hexadrive Engineering e di Reefilla.

motor valley accelerator

Hexadrive Engineering  è una startup padovana che ha sviluppato un software per la realizzazione di digital twin (copie digitali) di motori elettrici. Servono per effettuare test virtuali basati su modelli fisici. L’azienda ha annunciato di aver ricevuto un investimento ulteriore co-partecipato da Vertis per una ammontare di 883.000 euro.

Reefilla, startup Torinese che opera nel mondo della mobilità sostenibile, ha invece presentato “Fillee”, il suo innovativo dispositivo di ricarica mobile. E’ frutto dell’incontro tra il design italiano ed una architettura flessibile richiesta dallo scopo. Reefilla porta la ricarica alle auto dei clienti quando e dove serve. Grazie alla connettività Reefilla anticipa il fabbisogno di energia e sa dove è l’auto da ricaricare.

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it

 

Apri commenti

Rispondi