Home Nautica Prima Pagina Motonautica elettrica? Il capo della Federazione ci crede

Motonautica elettrica? Il capo della Federazione ci crede

0
CONDIVIDI

Raffaele Chiulli, presidente della Federazione Mondiale Motonautica, apre alle barche elettriche: <Nelle competizioni si sperimentano nuovi materiali e tecnologie, ma anche i porti del futuro, con banchine sempre più elettrificate>.

Raffaele Chiulli

Dopo le auto, con la Formula E,  e le moto  con i relativi campionati mondiali in versione elettrica, si parla di una motonautica in versione sostenibile. I contorni di questa evoluzione non sono ancora chiari e precisi, ma l’apertura è arrivata sabato 17 marzo, dai massimi vertici. Raffaele Chiulli presidente della Uim, la Federazione Mondiale della Motonautica, ha parlato degli obiettivi futuri della disciplina a Montecarlo, durante la World Champions Awards Giving Gala.

<Mi riferisco a barche solari, barche elettriche e stiamo studiando anche combustibili sostitutivi dei combustibili fossili tradizionali, quindi bio-combustibili. Facendo in modo che si mettano in atto i concetti della economia circolare, e quindi si riutilizzino i materiali, si riciclino o vengano valorizzati i sottoprodotti o gli scarti per avere emissioni zero>. Si mettono insieme cose un po’ diverse tra loro, ma le intenzioni sono lodevoli.

Lo sport fa bene alla ricerca, come per auto e moto

I box del motorsolar

Del futuro elettrico della motonautica, e del diportismo più in generale, è convinto il presidente Chiulli, che prende spunto dal mondo delle quattro e delle due ruote:<Quello che sta succedendo sulle strade con le auto elettriche, con le moto elettriche e anche sulle piste del motorsport, inevitabilmente succederà anche nella nautica e a seguire anche nella aeronautica.

Nelle competizioni sportive si sperimentano nuovi materiali e tecnologie e si possono progettare le città, ma anche i porti del futuro, con banchine sempre più elettrificate>. Lo sport come occasione per promuovere la mobilità elettrica e sperimentare nuovi materiali, tecnologie e infrastrutture.

Gerard van der Schaar con la sua My Ergy Systems

L’exploit di Van Der Schaar nella “motonautica solare”

Non siamo però all’anno zero. E lo stesso presidente Chiulli era presente nel luglio 2015 – sempre a Montecarlo – alla Solar 1 Monte-Carlo Cup – organizzata dallo Yacht Club de Monaco – un campionato mondiale per barche a energia solare.

Il circuito era il porto monegasco, dove furono registrate velocità incredibili. L’olandese Gerard Van der Schaar – progettista, costruttore della barca e fondatore di Mg Ergy Systems  dedicata ai sistemi di accumulazione di energia per nautica, automotive ed industria – raggiunse la velocità di 23.996 nodi pari a 44.38 km/h sull’1/8 di miglio ovvero 231 metri. Una gara che vide la partecipazione di 16 scafi di 7 nazioni, quasi tutti provenienti da facoltà di ingegneria dove esistono team sportivi che uniscono la passione per la ricerca con quella agonistica.

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome