Home Due ruote Monopattini vietati sui bus tedeschi: pericolo d’incendio

Monopattini vietati sui bus tedeschi: pericolo d’incendio

2

Monopattini vietati sui bus tedeschi. Il motivo? Pericolo d’incendio, dopo alcuni episodi verificatisi fuori dalla Germania. A Monaco divieto in vigore dal 2 aprile.

monopattini vietatiMonopattini vietati: “Non esistono standard di sicurezza uniformi”

Il divieto si basa su una raccomandazione dell’Associazione delle imprese di trasporto pubblico tedesche (VDV), l’equivalente della nostra Astra. La prima a muoversi è stata la Regione della Renania Settentrionale-Vestfalia, seguita dalle città di Norimberga, Augsburg e ora Monaco.

La VDV spiega che si tratta di una mossa cautelativa, dopo gli studi intrapresi sulla sicurezza dei passeggeri riguardo al rischio di “incendi delle batterie nei monopattini elettrici. Mezzi per i quali attualmente non esistono standard di sicurezza uniformi”.

La presa di posizione è stata contesta dai principali operatori di sharing di monopattini, che rimproverano alla VDV di non avere interpellato alcun esperto indipendente in materia di batterie ricaricabili. E anche che non c’è stata consultazione con l’Autorità federale dei trasporti automobilistici (KBA) e con il Ministero federale dei trasporti. E neppure con il TÜV, organismo che rappresenta un punto di riferimento nel campo della sicurezza stradale.

monopattini vietatiServe un’autorità europea per la sicurezza stradale

Il sito tedesco Electrive segnala che le biciclette elettriche, le sedie a rotelle elettriche e in genere i mezzi per disabili non sono interessati dalla misura. Le autorità bavaresi dei trasporti pubblici sostengono che questi veicoli soddisfano standard di sicurezza più elevati.

Non risultano provvedimenti del genere in altre città europee. E forse dovrebbe essere un’autorità UE a indagare sulla sicurezza dei vari mezzi di trasporto, con prove che supportino le autorità locali a decidere per il meglio. Altrove i monopattini elettrici sono stati oggetto di misure restrittive non per pericoli di incendio, ma per prevenire incidenti, visto il modo un po’ troppo spregiudicato in cui vengono spesso usati.

La municipalità di Parigi ha addirittura organizzato un referendum per chiedere ai cittadini se fosse il caso di vietare lo sharing di questi mezzi. La consultazione, seppur con un’affluenza al voto ridotta, ha dato ragione alla sindaca Anne Hidalgo e la proposta è passata, con uno stop.

– Auto elettrica e informazione: scrivono tutto e il contrario di tutto, possibile? Il NUOVO VIDEO di Paolo Mariano

— Iscriviti a Newsletter e canale YouTube di Vaielettrico.it  —

Phoenix
Vesper
Apri commenti

2 COMMENTI

  1. Il dubbio viene spontaneo ma bisognerebbe confrontare la percentuale di batterie certificate (standard UN 38.3, EN 19154:2017 eccetera) dei modelli di monopattini con quelli di pedelec..

  2. Perché fare di tutta l’erba un fascio?
    Basterebbe vietare solo i monopattini senza batteria certificata. Non solo l’ingresso sui mezzi pubblici, ma proprio la vendita.
    Le e-bike hanno batterie più grandi, che arrivano fino a 750Wh, eppure continuano a salire sui bus?

Rispondi