Home Monopattini e monoruota Monopattini: Parkie, la rastrelliera che ricarica

Monopattini: Parkie, la rastrelliera che ricarica

7
CONDIVIDI
monopattini
Parkie, alle Serre ai Giardini Margherita

Ecco Parkie, la rastrelliera per mettere al sicuro e contemporaneamente ricaricare il monopattino. L’idea arriva da Bologna, firmata dall’architetto e designer Andrea Quartieri che dopo aver depositato brevetto, curato la prima installazione, formalizzato la startup sta proponendo il prodotto e servizio ad aziende ed istituzioni.

monopattini
Parkie, il gancio per il caschetto e le catene per legare il monopattino

L’idea imprenditoriale è figlia del bonus bici/monopattino del 2020 quando Andrea partecipa al click day, conquista il buono e porta a casa il monopattino. Tutto bene, ma “mi sono subito reso conto che non sei sempre in giro” ovvero sono frequenti gli stop and go: “Se devi fare tappa in banca, poi in farmacia, poi in un negozio devi avere un posto dove parcheggiarlo in sicurezza“.

Parkie per casa-lavoro in monopattino, ma c’è anche il modulo per il condominio

YouTube player

Il progetto è molto semplice è vuole far saltare gli ostacoli che limitano l’uso del monopattino. In particolare nel tragitto casa lavoro. Ci spiega tutto Andrea: “Si tratta pur sempre di un oggetto ingombrante, non tutti hanno lo spazio o possono metterlo accanto alla scrivania per poi ricaricarlo attaccandolo alla presa“.

monopattini elettrici
Parkie in versione 10 moduli

 

Sono problemi. “Situazioni scomode che in alcuni casi ne impediscono l’uso“. I primi destinatari sono quindi le imprese: “Per legge quando si superano le 100 unità le aziende devono avere un mobility manager che redige il PSCL (Piano degli Spostamenti Casa-Lavoro) ed esistono incentivi per i dipendenti, ma dovrebbero approvare anche i finanziamenti per le aziende che vogliono realizzare degli spazi dedicati“. Logica simile per Comuni ed altri enti pubblici: “E’ fondamentale uno spazio ad uso pubblico ma sorvegliato per impedire il vandalismo“.

monopattino
Il Parkie Double pensato per il condominio

C’è un modulo per 10 unità ideale per le aziende oppure “per il centro commerciale o la palestra. Pensiamo a chi vuole fare un’ora di tennis o nuotare in piscina, senza pensieri per la sicurezza del monopattino“. In catalogo ci sono pure moduli da 5 a 2 e 1 posto. “Sono pensati  per i condomini. Mi rivolgerò direttamente ai general contractor delle ristrutturazioni con superbonus 110% o agli amministratori condominiali“. Una nicchia interessante. Non è previsto invece l’e-commerce.

Viaggiare leggeri, solo con un lucchetto in tasca. La ricarica? 5 centesimi

Parkie è dotato di catene per legare i monopattini. Come mai questa scelta? “Evita di portarsi dietro altri dispositivi: basta tenere in tasca un piccolo lucchetto. In futuro si farà a meno anche di quello“. Stesso discorso per il charger e poi il gancio per il caschetto: “Non è obbligatorio ma è consigliabile e anche in questo caso è una soluzione che facilita l’utente“. Zero emissioni e zero problemi.

monopattino
Il primo Parkie installato a Bologna alle Serre, nei Giardini Margherita

Chi paga per la ricarica?Dai miei calcoli bastano pochi centesimi, massimo 5. Un investimento sostenibile per un’azienda, una palestra, un centro commerciale, un ente pubblico“. Ma anche su questo novo prodotto si abbatte il rincaro delle materie prime: “L’ho progettato in alluminio, completamente riciclabile, ma il costo di questo materiale ora è schizzato alle stelle“.

Chi abita a Bologna può anche vederlo e utilizzarlo. “Il prototipo l’ho installato alle Serre, ai Giardini Margherita, nei locali gestiti dall’agenzia regionale Art-ER con cui ho seguito un percorso dedicato alle startup e ho beneficiato di numerose consulenze utili per lo sviluppo del business”.

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it—

Apri commenti

7 COMMENTI

    • un ulteriore tassello ma che basta un lucchetto piccolo c’è scritto anche nell’articolo, si vede nella foto e nel video

  1. Guardando le foto dell’articolo non si capisce bene se si possono usare piccoli lucchetti a U – quelli da bici/moto per intenderci – al posto dei lucchetti “da armadio”.

    • Buongiorno Louis, c’è anche un titolo nell’articolo: “Viaggiare leggeri, solo con un lucchetto in tasca”, e il designer dice: “Evita di portarsi dietro altri dispositivi: basta tenere in tasca un piccolo lucchetto..”. La struttura è fornita di catene e nell’ultima foto si vede il lucchetto che lega la catena.

      Buona giornata

      • Sí avevo letto la precisazione sul tipo di lucchetto, volevo solo sapere per curiositá se la rastrelliera permette eventualmente di usare lucchetti da bici a U piccoli per maggior sicurezza. Guardando le foto non riuscivo a calcolare il diametro dell’occhiello metallico..

  2. A casa mia per legare bici e monopattini si usano solo lucchetti ad U non catenelle di dubbia forza ancorate a supporti ancora peggiori e bloccati con comodi e leggeri lucchetti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome