Home Auto Model 3 vs BMW i4: arbitra Matteo

Model 3 vs BMW i4: arbitra Matteo

37
CONDIVIDI
CHI CONSUMA DI MENO / Matteo alle prese con Tesla Model 3 Performace e BMW i4.

Model 3 Performance vs BMW i4 e40, arbitra il nostro amico yoytuber Matteo Valenza.  Auto diverse, ma prezzi simili. E qualcuno potrebbe essere incerto tra l’una e l’altra. Vi anticipiamo il risultato per quel che riguarda i consumi: sopra i 100 la BMW consuma assai di più. Mentre dai 110 in giù c’è la rivincita BMW. Potete guardarvi il VIDEO qui sotto o scorrere l’articolo.

tesla model 3 vs bmw i4Model 3 vs BMW i4: auto diverse, prezzi simili

La prima ha meno batteria, 530 km di autonomia e due motori. Mentre la seconda ha più batteria, un solo motore e 590 km di autonomia. Pesano rispettivamente 1.869 kg e 2.050 kg. Entrambe costano circa 75.000 euro. Per questo Matteo ha deciso di metterle a confronto, portandole contemporaneamente in strada. Si parte alla volta dell’Autodromo di Modena, dove poi è previsto un bel fuori programma: un giretto in pista con una Tesla molto particolare. È modificata per partecipare al campionato ETCR  2022. Ma torniamo al viaggio: Matteo e il team approfittano del trasferimento per provare il Model 3 e l’i4 e40 e metterle a confronto. All’esterno la temperatura è di 11 °C, il climatizzatore di entrambe le auto è impostato a 22,5 °C. Alla partenza la Tesla è all’87% di batteria mentre la BMW al 94%. Per arrivare a destinazione i km da percorrere sono circa 150. Tra un commento e l’altro, via radio,  Matteo dalla i4 prende in giro i ragazzi alla guida della Tesla, “Cercate di stare al passo…”.

model 3 vs BMW i4
Matteo Valenza con gli amici che l’hanno affiancato in questo test.

Consumi a confronto: Model 3 più parco alle velocità da autostrada

“Guidate con con modalità nonna, altro che modalità eco!”, scherza Matteo. Entrambe le auto vengono portate ad una velocità di 130 km/h: dopo 33 km la i4 ha consumato 21,6 kWh/100 km,  la Model 3 20,1 kWh/100 km. Nel primo tratto autostradale di 50 km, il consumo medio della Tesla è stato di 20,5 kWh/100 km, la BMW di 22 kWh/100 km. Si alza un po’ l’asticella della velocità. A 145 km/h, dopo 12 km la BMW ha consumato 26 kWh/100 km, la Tesla 22,7 kWh/100 km. Il consumo della Tesla è nettamente inferiore, 4 kWh di differenza. Matteo è veramente sorpreso del risultato. Incidono il peso maggiore della BMW e l’aerodinamica delle auto. È il momento di salire a 150 km/h. Dopo 10 km, la i4 ha consumato 27,7 kWh/100 km, Model 3 dopo 11 km solo 24,5 kWh/100 km. Il nostro amico Youtuber è senza parole, non si aspettava proprio questo risultato.

model 3 vs BMW i4Model 3 vs BMW i4: a velocità più basse c’è la rivincita tedesca

Nel viaggio di ritorno c’è lo scambio di vetture. Matteo sale a bordo della Tesla Model 3 e i ragazzi sulla BMW i4. Il navigatore avvisa Matteo che deve fermarsi a ricaricare perché il 43% della batteria non basta per raggiungere la destinazione. La BMW è al 52%, l’auto non segnala niente in particolare. Dopo 10 km dalla partenza, ad una velocità media dei 110, i consumi sono: Tesla 21,1 kWh/100 km e BMW 18,4 kWh/100 km. Model 3 è al 39% di batteria mentre l’i4 al 49%. A 90 km/h, dopo 10 km, sia Tesla che BMW hanno consumato 14,2 kWh/100 km. Alla destinazione mancano 104 km e il sistema informa Matteo che con il 34% di batteria può percorrere ancora 153 km. Il nostro amico Youtuber è un po’ sorpreso, visto che il navigatore precedentemente aveva segnalato l’urgenza di ricaricare. L’indovinometro segnala 72 km all’arrivo e Matteo dovrebbe riuscire ad arrivare con l’8%, visto che al momento la batteria è al 16%. La BMW i4 ha ancora il 29% di batteria. Negli ultimi 45 km, alla velocità di 90 km/h, Model 3 ha consumato 15,1 kWh/100 km, l’i4 14,6 kWh/100 km. È strano che Tesla sia più virtuosa alle alte velocità, ma non a 90 km/h. Forse questo dipende dal fatto che le batteria si sono scaldate? Matteo non ne è sicuro. Comunque: entrambe le vetture riescono ad arrivare a destinazione e nessuno è dovuto scendere per spingere l’auto!

 

 Model 3 vs BMW i4— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —-

 

Apri commenti

37 COMMENTI

    • “Tutto qua? Voglio dire, la maggiore efficenza tesla sarebbe intorno al 10%? ”
      Come WLTP siamo già al 15%, su fueleconomy.gov troviamo le omologazioni EPA (Dipartimento dell’Energia USA) tra i4 M50 e Model 3 LR siamo a 34kWh contro 26kWh per 100/miglia, ad esempio, la differenza è il 31% (EPA è più vicino alla realtà perchè usa velocità medie più elevate del WLTP).

      Rifaccia i calcoli e poi mi dica chi dei due è da correggere. WTLP ed EPA sono sufficientemente certificate o vuole adottare lo standard ASP?

      • IO mica ho contastato la sua correzione. A parte il fatto che bisognerebbe considerare le varie velocità, perchè il discorso cambia parecchio, non è questo il punto. Il punto che lei non capisce è che se tesla avesse un vantaggio del 50% sarebbe un “game changer”: ma differenze dell’ordine del 10 o anche del 14% non lo sono, tutto qua. Almeno per il mio punto di vista, che peraltro credo sia ampiamente condiviso (non che la cosa mi tocchi).

        • “faccia pure, purchè ci sia qualcosa da correggere.”: lei è una bella sagoma (come direbbe Iachetti). Perchè se due persone dicono una cosa opposta (lei dice che Tesla non ha il primato, io sì) ma “IO mica ho contastato la sua correzione”, cioè ho ragione io, anzi, non io, i numeri!!!, allora perchè continua a girare intorno al fatto che non è poi così efficiente..?
          Io le scrivo 10 e 14 e 30 (che è il più attendibile: è EPA, il sistema di certificazione più vicino all’uso reale) e lei ignora l’ultimo…. 30%… una su tre…
          Se anche avesse un vantaggio di solo l’1% (e non dal 30% come sulla stragrande maggioranza di rivali del suo segmento, Audi – BMW – Mercedes) varrà sempre l’affermazione che “Tesla è la più efficiente”, è superiore alle altre.
          Quando non sarà più vero, smetterò di difendere la verità.

          Nel segmento D delle elettriche, è costosa? NO, è la più economica.
          Ha prestazioni (accelerazione, ripresa, tenuta di strada, stabilità, frenata) inferiori? NO, per superarla bisogna spendere assai di più.
          E’ meno efficiente? NO, nel segmento D (in realtà B/C/D/E) è la più efficiente in assoluto.
          E’ più brutta? Sì, se non piace.
          Il punto di vista che l’efficienza non sia importante è ampiamente condiviso? Improbabile, dato che è la BEV più venduta al mondo nel suo segmento, tutti abbagliati dallo 0-100?
          Alla fine è solo questione di gusto, in tutto il resto rimane superiore ai competitor di segmento D, lo dicono in numeri, non le astute opinioni.
          Mi fermo qui.
          Io non scrivo per lei, che è irrecuperabile, ma per chi passa di qua e legge: devo correggere la sua visione distorta.

          • Guido, pensi che dal mio punto di vista l’irrecuperabile è lei. Mi ricorda tanto quelli che sostenevano la superiorità degli orologi al quarzo su quelli meccanici perchè erano più precisi. Posso farle una domanda? Che percorso di studi ha seguito? E’ un ingegnere?

          • Cosa c’entra il mio percorso di studi? Non deviamo il punto.

            Lei sta cercando di spostare la questione: non è rilevante il peso che viene assegnato ad un parametro per stabilire la superiorità piuttosto che a un altro, se qualcuno continua a riportare un dato sbagliato, perchè altera a priori il risultato. In una moltiplicazione a n fattori se uno dei fattori è zero, il risultato sarà comunque zero.

            Ognuno, individualmente, darà più o meno peso a quel parametro. Purchè sia VERO.

            Se a qualcuno fa schifo la macchina esteticamente non la comprerebbe nemmeno se costasse 20.000€ o se facesse 1000 km, se l’estetica è il suo parametro di riferimento.

            Quello che non sopporto è che quel qualcuno continui ad insistere su qualcosa di falso e poi tenti di raddrizzare il tiro dicendo che non è un dato importante per la maggior parte delle persone: E’ FALSO, SE UN DATO è FALSO, RIMANE FALSO.

            E non tenti con il giochetto di “mi ricorda tanto…”: IO NON SOSTENGO LA SUPERIORITA’ BASANDOMI SU DI UN PARAMETRO, STO SOSTENENDO LA SUPERIORITA’ DI Q U E L PARAMETRO, che lei falsa. E’ più chiaro scritto così?

            Vuole che le rifaccia l’esempio con il suo? Non sto sostenendo che un orologio al quarzo è superiore perchè è più preciso, sto esattamente sostenendo che è più preciso mentre lei insiste a dire che in fondo un meccanico è uguale perchè sbaglia solo 30 secondi al giorno, quindi è superiore!

  1. Al di là delle preferenze personali che ognuno ha (credo che la mia foto profilo sia chiara riguardo la mia), io ho letto di due grandi auto e di una recensione vera.
    Hanno pregi e difetti entrambe e ognuna eccelle in condizioni differenti, quello che deduco io è che ci è stata data la possibilità di scegliere veramente quella che preferiamo.
    A chi parla di prezzi folli io rispondo che non sono solo auto e che non ho letto tutto questo dissenso per termiche dello stesso valore commerciale. Riguardo l’acquisto online: viviamo nel 2022, parliamo di auto futuristiche, se uno sa ciò che vuole, perché non può acquistare direttamente dal divano di casa sua?
    P.S. Le Tesla si possono acquistare anche in concessionaria, a Bologna ce n’è una con personale molto disponibile e paziente che, dopo avervi fatto innamorare con un test drive, vi aiuta a trovare la configurazione migliore per voi: dal colore al metodo di pagamento.

    • Il gusto personale non si discute, come dicevano i latini, mentre per quanto riguarda le concessionarie invidio chi risiede al nord Italia. Per me che abito a Roma centro per raggiungere l’unico show room Tesla, situato oltre il raccordo anulare vicino alla periferia più disastrata ci metterei più tempo quasi che raggiungere il suo concessionario di Bologna….
      La Tesla si vede che ha privilegiato il nord Italia!!!

  2. Tutto qua? Voglio dire, la maggiore efficenza tesla sarebbe intorno al 10%? A questa stregua non c’è nemmeno da star li a perder tempo: basta aprire la portiera della BMW per staccare l’assegno.

    • A parte che non è il 10% e lei lo sa benissimo ma le piace tanto provarci ogni volta perchè qualche distratto ci casca sempre, se anche così fosse, perchè gli altri non fanno di meglio?
      In fondo la differenza tra chi vince la medaglia d’oro alle olimpiadi e chi si piazza per ultimo è molto ma molto meno del 10%….
      (il WLTP CERTIFICATO di Model 3 LR è 162, quello di i4 è 186. La differenza percentuale è 14,8% – CERTIFICATO, EH!! e pensare che nella certificazione vanno a più dei 110 per 30 secondi, pensi se fosse stata una certificazione in cui andavano per 5 minuti ai 130!!)

      • Le è così difficile capire che non per tutti la priorità in un’automobile è l’efficenza? Io non ho mai guardato ai consumi delle auto che ho comprato. Forse con la prima, ma in realtà anche di quella avrei potuto comprarne una versione che consumava ben meno.

        • Visto l’accanimento con cui contesta l’efficienza di Tesla, per lei lo è sicuramente, la presunta NON efficienza di Tesla, lo dicono i fatti.

          E fa bene: perchè se in una termica l’autonomia è irrilevante, in una elettrica è determinante. Con le sue care Mercedes con batteria da 100kWh si deve fermare una volta su tre in più di una Tesla, a causa della pessima efficienza. Questo indipendentemente da quanto lei investa e abbia disponibilità economiche: si deve fermare. Questo per lei non è certamente un problema, vero? Non ha mai criticato questo aspetto… Con grande coerenza.

          • Mi rendo conto che lei è ossessionato da me (non è la prima persona alla quale capita, peraltro).NOn sono io ad accanirmi contro la presunta efficenza tesla, sono le prove certificate, ma mi rendo conto che non tutti possono capire la differenza, quindi non ce l’ho con lei, anzi le sono vicino. Infine, sarò felicissimo di fermarmi a ricaricare anche due volte più di una tesla pur di avere un’auto vera anzichè una senza interni come le tesla. Però è carino da parte sua leggere sempre i miei commenti. Grazie.

          • Io leggo tutti i commenti, indistintamente. Alcuni sono interessanti, altri irritanti o certificanti, alcuni sono semplicemente da ignorare, altri richiedono risposta. “Non tutti possono capire la differenza” è fantastica, davvero, lei è un fine umorista, glielo riconosco indiscutibilmente!

            Non è il fatto che a lei facciano schifo gli interni Tesla che mi irrita: io da parte mia trovo orribilmente tamarri gli interni delle Mercedes dalla nuova Classe A in poi, “pacchiani” è il termine che meglio esprime il mio gusto. E’ semplicemente una opinione estetica e i gusti non sono mai oggetto di critica seria.

            Quella sull’efficienza rimane INACCETTABILE. Continua a citare le prove “certificate” ma non accetta che Model 3 sia in testa alla classifica dell’efficienza (km percorsi per kWh di batteria) di tutte le prove comparative contemporanee (20 auto che percorrono insieme lo stesso percorso contemporaneamente – tra l’altro queste cose misurano il consumo e non l’efficienza, sarebbe persino peggiorativo, perchè Tesla è una delle macchine con le prestazioni più alte) di ennemila riviste e svariati organismi governativi internazionali.

            Continuerò a correggerla ogni volta, perchè “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità” (che non è mai stata pronunciata da Goebbels anche se tutti lo pensano a dimostrazione che sia purtroppo vero) e io non lascerò che diventi verità.

        • Sicuramente è vero per le auto termiche ma per le elettriche l’efficienza (con la i) è importante per i tempi di ricarica e per l’ansia da autonomia.
          Per questo sarebbe bene i confronti nei video fossero un po’ più “scientifici”.

  3. Voi continuate pure a disquisire su questioni di lana caprina. Per conto mio, non avrei dubbi su quale acquistare: la BMW! L’ho vista in concessionaria, un’auto “premium”! In ogni particolare! Il minimalismo della Tesla mi fa vomitare!

    • Si discute di fatti, numeri, misure.
      Perché i gusti personali sono indiscutibili e tutti legittimi.
      (PS: a proposito di lana caprina, non può averla vista da un concessionario, non ne esistono).

      • (mi riferisco ovviamente a Tesla. Che lei abbia visto la i4 presso concessionaria BMW non lo metto certo in dubbio!)

      • Ovviamente il tuo riferimento è alla Tesla. Altra cosa che non mi piace della marca americana! Come si può comprare una macchina da 75 mila euro on line!

        • Lei è poco informato. Molte marche stanno copiando Tesla e spostandosi sulle vendite online ! Ed è molto più semplice e trasparente.
          Le Tesla comunque si possono benissimo vedere e provare. Ma Tesla vende direttamente senza intermediari come i concessionari.

        • Beh, a parte che ne costa 66.000 e sarebbe più corretto paragonare la versione da 60.000 e non 75.000, per cominciare.
          Poi chi ha detto di non provarla? Tesla offre a CHIUNQUE 30 minuti di test drive, lo fanno anche itinerante nelle varie città, basta informarsi. E lo fanno perchè un’alta percentuale di persone dopo averla guidata per i primi minuti ha già deciso, non arriva nemmeno a 30. Se se lo può permettere, ovviamente.
          Un’altra grossa differenza è che chi acquistaTesla, di solito, ha la consapevolezza di quello che compra, non ha bisogno di un concessionario imbonitore che gli “vende” il prodotto, perchè il prodotto si è venduto da solo, prima. Il prezzo è quello, non trattabile. Gli optional non esistono. Se ti piace, la compri, se non ti piace, no. Semplice e lineare. Altro che tre ore di discussione da mercato e di configurazione optional a pacchetto coi vincoli e prerequisiti e poi 12 mesi di attesa. Son scelte.

  4. Matteo continua a fare test di consumo con quello che lui stesso definisce l’indovinometro !!!
    Mette ancora a confronto vetture di motorizzazioni e prestazioni molto diverse.
    Sbaglia il prezzo della Model 3P che di listino (vedi sito Tesla) fa 66.000 EUR e non 75.000 come lui dice costare la i4 della prova.

  5. Ahhh, il solito test senza senso del valenza buono a fare visualizzazioni… E voi gli andate dietro come non avrei mai creduto.

    Si vede bene in maiuscolo, a velocità più basse c’è la rivincita tedesca peccato che nella foto appena sopra c’è un bell’asterisco con la scritta consumi più alti causa errato preriscaldamento che falsa i consumi a 90 e 110 km/h… Guarda caso le uniche 2 situazioni dove la BMW consuma meno.

    Complimenti davvero per la cialtronaggine

      • è senza senso scrivere a caratteri cubitali:

        “Consumi a confronto: Model 3 più parco alle velocità da autostrada”

        “Model 3 vs BMW i4: a velocità più basse c’è la rivincita tedesca”

        per poi allegare una foto dove ci sono 2 bei asterischi che dicono che i consumi avuti andando a 90 e 110 con la tesla sono falsati da errato preriscaldamento ed infatti sono gli unici due casi in cui la bmw consuma meno della tesla.

        dove sarebbe la rivincita tedesca? io boh, senza parole a leggere certe cose

        • Buona sera Mario, non voglio difendere nessuno, ma lei è sicuro che avrebbe fatto di meglio? Se la risposta fosse affermativa, appena possibile linki il video qui sotto e sarò ben contento di visionare la sua recensione come ho fatto con quella di Valenza in modo da poter fare un confronto. Saluti.

          • a 130 km/h ha consumato 205 wh/km, a 110km/h ha consumato 211wh/km con asterisco che dice chiaramente consumo maggiore causa errato preriscaldamento. se vuole posso farle il video della mia model 3 long range ma non sarebbe molto attendibile in quanto fatto in momenti diversi, percorsi diversi e temperature diverse, quindi non credo che cambierebbe nulla… ma che quel dato è errato (come quello dei 90km/h) è un dato di fatto evidenziato da chi il test lo ha eseguito così come è un dato di fatto che su quel dato errato è stato costruito un articolo con conclusioni tirate a caso dato che non si sa qual’è il consumo in quella situazione

        • @ Mario, Matteo non esegue prove strumentali e certificate, quindi tutti i dati che fornisce devono essere presi e confrontati con le dovute cautele, inoltre i consumi dovrebbero essere calcolati da pieno su pieno, come si fa con le termiche e non affidandosi al computer di bordo. Se poi le Tesla attivano il preriscaldamento della batteria quando non dovrebbero o a causa di un’errore di configurazione da parte dell’utente, e ciò corrisponde ad un’aumento di consumo, a mio parere deve essere conteggiato anche se obiettivamente questo conteggio falsa il risultato finale.

    • Du “errori” ne sono stati commessi diversi, in primis il fatto che la M3 da usare per la prova sarebbe dovuta essere al massimo una LR e non una Performance (oppure la i4 M50, non la 40). Inoltre tra, la M3 P di inizio 2019 è quella attuale c’è una bella differenza in termini di consumi e di range. Ma è anche vero che una fa i test con lo che ha a disposizione…

  6. Valenza sarebbe anche ora che per le sue prove utilizzi una Tesla attuale.
    Tra la sua del 2019 e una del 2022 ne sono cambiate di cose, prima tra tutte la pompa (di calore).

  7. Non ho tempo di vedere tutto il video, commento un solo particolare: se nel viaggio di ritorno si è attivato il preriscaldamento batteria, il consumo di Model 3 cresce vertiginosamente perchè per alzare di 20° 600 kg di batteria ne serve parecchia, di energia. Infatti i suoi consumi a 110 sono esageratamente alti, così come quelli a 90. A velocità costante di 90 e 110 km/h il consumo di una Model 3 LR (sostanzialmente equivalente a quello di una Performance) è esattamente di 126 Wh/km e 156 Wh/km, ben lontani da quelli rilevati da Matteo (non posso postarvi il link ma c’è una fantastica prova del 2020 di Marco Musini di decine e decine di pagine con moltissimi parametri e rilevamenti puntuali di consumi, ricchissima di grafici e con riportati esattamente i criteri di prova e condizioni ambientali). Non avendo visto il video non so se Matteo ne ha tenuto conto, vedo che voi lo avete correttamente scritto.
    Con i dati che ho indicato io, anche tenendo conto del riscaldamento (quella Domenica c’ero anche io all’Autodromo e ho anche visto e parlato con Valenza, per cui so che temperatura c’era! E non può essere stato il riscaldamento, pur non avendo la PdC perchè il modello di Valenza è il primo del 2019) il consumo a velocità inferiori ai 100 sarebbe stato ancora a favore di Model 3.
    Ai 110 parliamo di 15,6 contro i 21,1 rilevati, consumo che io ho esattamente ai 140 a velocità costante (una LR ai 130 costanti con clima acceso consuma 19,1 kWh per 100 km, con gomme estive ed è in grado di percorrere 390 km a quell’andatura, cioè Valenza avrebbe potuto fare il viaggio di andata e ritorno da Milano a Modena senza ricaricare ai 130 di tachimetro teorici: alla faccia di chi dice che con le elettriche non si va in autostrada se non a velocità da nonno col cappello)

  8. Per quanto mi riguarda non riesco nemmeno a leggere i primi 3 righi di un articolo che parla di auto da 75000 euro.
    Credo che oggi l’auto elettrica abbia senso se economica e utile e non come status symbol.

  9. Premesso : non ho ancora visto il video. Strano comunque il comportamento della BMW a più basse velocità, un veicolo più pesante a basse velocità o ritmi cittadini dovrebbe fare peggio, non meglio, mentre il peso è quasi irrilevante a velocità autostradali.

    A proposito : quanti kWh hanno le due batterie e quanto pesano ciascuna ?

  10. Qualche considerazione veloce veloce:
    -)Speriamo che i vari trip computer siano precisi: ricordo ancora che quello dalle mia Prius 3 del 2009 che indicava un consumo minore di ben il 10% !
    -)Ennesima riprova che il powertrain e la aerodinamica di Tesla sono MOLTO ottimizzati per mantenere bassi consumi.
    -)I vari produttori di auto dispongono di un buon benchmark con cui potersi confrontare

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome