Home Due ruote Mini motori eBike: ZF guida una nuova generazione

Mini motori eBike: ZF guida una nuova generazione

2
Charxcontrol

Una nuova generazione di mini motori per eBike è alle porte. L’azienda ZF ne presenta uno che scompare nel corpo della bici, segno di una tendenza nuova che lima peso e ingombro

Mini motori eBike capaci di produrre comunque grande potenza. ecco il sogno realizzato da ZF, azienda molto conosciuta nella fornitura di tecnologia per automobili, che adesso si cimenta nella costruzione di un propulsore per bici a pedalata assistita. La nuovissima trasmissione ZF per eBike è incentrata su uno dei motori elettrici più compatti e discreti visti finora, basta guardare le foto per credere.

A Eurobike 2024 ZF presenta la sua nuova trazione elettrica da 48 V scegliendo un nome piuttosto semplice, anzi quasi anonimo: ZF Bike Eco System. Si tratta di un sistema e-drive completo che comprende motore, hardware di controllo, app, connessione cloud e una batteria con 504 o 756 Wh di capacità. Il nuovo gruppo motore-riduttore CentriX è il cuore del sistema e il suo componente più interessante. Con le sue dimensioni di 12 x 9 cm l’unità motore cilindrica è solo leggermente più grande di una lattina da bibita con un peso complessivo di 2,5 kg.

Mini motori eBike: new generation

Siamo in linea con altri mini motori eBike di questa nuova generazione che predilige il posizionamento centrale. Come ad esempio il FreeFlow. Il CentriX è circa 700 grammi più pesante del TQ HPR50 di Mondraker, un tesoro del design ebike leggero e veloce del 2022/23. Ma nel caso di ZF Eco raddoppia la potenza disponibile del motore fino a un picco di 600 W e quasi raddoppia la coppia massima a 90 Nm, rispetto a 50 Nm di TQ. Sembra davvero tanto per un pacchetto appena più grande rispetto a un tradizionale movimento centrale per bicicletta muscolare. 

non sembra nemmeno che ci sia un motore

Il gruppo CentriX ha due varianti. L’ammiraglia CentriX 90 è rivolta ai costruttori di mountain eBike, promettendo risposta istantanea e potenza necessaria ad affrontare salite ripide su superfici diverse. Per una guida più confortevole anche su ghiaia, ma sempre urbana, ZF ha prodotto il CentriX 75 che raggiunge un picco di 450 watt e 75 Nm. In termini di potenza continua, entrambe le unità offrono lo standard UE da 250 watt. Il pacco batteria agli ioni di litio in dotazione è molto più evidente del motore. Perché sta poggiato sul tubo centrale in maniera piuttosto canonica, ma resta la possibilità di rimuoverlo con facilità e caricarlo in sicurezza.

Appuntamento al 2025

L’unità di controllo Core dell’Eco System si integra nel tubo superiore della bici e mostra informazioni come la carica della batteria su un piccolo display LED circolare. ZF prevede inoltre un display opzionale sul manubrio a colori ad alta risoluzione da 2,8 pollici. L’unità di controllo include un caricabatterie per smartphone con connettori magnetici Pogo Pin e connettività Bluetooth da associare all’app per smartphone ZF per funzioni più avanzate come navigazione, registrazione del percorso e future aggiunte. Il sistema di ZF è già in uso sulla mountain eBike tedesca Raymon che sarà sul mercato a inizio 2025.

Il sistema di Mavic è altrettanto compatto

A fare la sua comparsa invece quest’anno è stato il motore eBike Mavic X-Tend. Si tratta di un propulsore che garantisce potenza, adattabilità e estrema leggerezza. La eBike studiata insieme a Bmc pesa meno di 10 kg, con scatola nel movimento centrale dal diametro di appena 87 mm. Per quanto riguarda la parte tecnica abbiamo una potenza di 250 W con un picco che arriva a 390 W. La coppia motrice arriva al picco di 50 Nm e il tutto per 1,2 kg di peso. A questo si aggiunge una batteria da 360 Wh (36 V) e dal peso di 1,8 kg alloggiata nel tubo obliquo. Alla fine il peso totale di Mavic X-Tend è 3,2 Kg. 

Mini motore eBike Fazua

Fazua ha presentato il nuovo motore per mountain eBike light con la sua coppia alzata a 60 Nm e un peso 1,93 kg. Rimane la presenza di due parti del motore, di cui una che si collega direttamente alla batteria come nel precedente Ride 50. La potenza massima di questo sistema è di 450 Watt, anche se in modalità di assistenza standard il massimo raggiungibile sono 350 Watt. La batteria di Fazua per il sistema Ride 60 è aumentata in capacità, limitando al minimo peso e ingombro. La nuova batteria di Fazua permette di portare a 430 Wh l’esperienza in sella, con un  +70% rispetto alla batteria precedente che invece era da 250 Wh.

 

– Iscriviti alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube

Apri commenti

2 COMMENTI

  1. Non mi riferisco in particolare ai modelli descritti nell’articolo ma temo che con una coppia di 50/100 Nm la catena non abbia una grande durata se usata “senza pietá”.. Forse ci vorrebbero catene piú “motociclistiche”.

Rispondi