Home Sharing Milano parla “spagnolo”, arriva lo scooter sharing di Acciona

Milano parla “spagnolo”, arriva lo scooter sharing di Acciona

0
CONDIVIDI

L’azienda madrilena Acciona sbarca in Italia con una flotta di 250 scooter full electric, sfidando la concorrenza già alta nel capoluogo lombardo. Un servizio innovativo, con motorini a due modalità di guida e la possibilità di “mettere in pausa” il noleggio.

Milano, la città regina della mobilità condivisa. Certamente la più amata dagli operatori dello scooter sharing. Già, perché tra le strade del capoluogo meneghino è pronta a farsi largo una nuova flotta di scooter elettrici, quelli dell’azienda spagnola Acciona, che sull’onda degli ottimi risultati ottenuti in patria ha deciso di sbarcare anche a Milano, dividendosi il mercato dello scooter sharing con gli altri cinque operatori già presenti (Cityscoot, e-Cooltra, MiMoto, Zig-Zag e Go Volt).

Una sfida interessante quella lanciata dall’emergente azienda spagnola  costola di una società di Madrid attiva nell’ingegneria civile, nelle infrastrutture e nelle energie alternative. Dopo essersi espansa in diverse città iberiche e a Lisbona, oggi approda a Milano con una flotta di 250 scooter full electric, che eleverebbe a ben 2.500 il numero totale delle due ruote condivise in città.

INNOVAZIONI “GREEN” E PRESTAZIONI VARIABILI

Con così tanta concorrenza Acciona ha pensato di fornire quel quid in più di innovazione per farsi notare dai milanesi. Promette infatti che il rifornimento degli scooter verrà da sole fonti rinnovabili e l’assistenza sarà effettuata soltanto con veicoli a zero emissioni.
Un approccio ambientalista evidenziato anche dalla possibilità all’interno dell’App del noleggio di calcolare la quantità di CO2 risparmiata per ogni tragitto.

Gli scooter di Acciona, riconoscibili nella loro livrea biancorossa, sono dotati di due modalità di marcia, a costi effettivi di utilizzo diversi. In modalità “S” (Standard) si può viaggiare fino ai 50 km/h, con una spesa di 0,25 euro/minuto se saranno confermati i prezzi spagnoli. Per spostamenti più lunghi, che richiedono un po’ di sprint in più, c’è la modalità “C” (Custom), con la velocità che sale a 80 km/h e la tariffa a 0,27 euro/minuto.

Pare improbabile che venga invece riproposta a Milano la modalità “X” presente solo a Madrid, che abilita il mezzo fino a 100 km/h.

In dotazione, oltre ad un bauletto con due caschi (si può viaggiare in coppia) sono presenti anche una presa USB per la ricarica del cellulare e una coperta per viaggiare riparati nelle giornate più fredde.

C’E’ ANCHE LA PAUSA DI SEI ORE A PREZZI STRACCIATI

Mancando ancora l’ufficialità, le tariffe italiane potrebbero comunque essere diverse da quelle spagnole. Come è ancora in forse se ci sarà la possibilità di acquistare pacchetti-minuti per abbassare il prezzo del noleggio. Di sicuro c’é che chi ne avesse bisogno potrà scegliere l’opzione per “mettere in pausa” l’affitto del mezzo fino a 6 ore, a fronte di un costo minimo di 0,05 euro/minuto. Inoltre, al momento del lancio, sarà offerto un bonus di 30 minuti di utilizzo gratuito.