Home Auto Microlino made in Torino: parte la produzione

Microlino made in Torino: parte la produzione

25
CONDIVIDI

Microlino made in Torino, parte la produzione nello stabilimento della Cecomps. La tormentata gestazione della macchinetta stile Isetta sembra terminata.

Microlino made in Torino: ecco la catena di montaggio

La Micro Mobility Systems, azienda svizzera di proprietà della famiglia Ouboter e titolare del progetto Microlino, ha postato un video con la catena di montaggio. Adesso sembra davvero tutto pronto per la produzione nel capoluogo piemontese, dopo che le ultime pre-serie sono state ultimate. Il capannone della linea di montaggio è di 3.000 mq, completamente ricoperti da pannelli solari: secondo l’azienda, saranno impiegate

microlino made in Torino

fino a 100 persone. Dopo una progressiva fase di ramp-up, un Microlino dovrebbe uscire dalle linee ogni 20 minuti. E, notizia rassicurante, l’80% delle componenti della macchinetta sono prodotte in Europa, per la maggior parte in Italia. I primi esemplari, secondo la tabella di marcia annunciata a suo tempo, saranno consegnati in Svizzera. Seguiranno poi la Germania e il resto d’Europa. Ma con una lista d’attesa piuttosto lunga, dato che l’azienda a settembre aveva annunciato di avere già 24 mila ordini.

microlino made in Torino
La catena di montaggio del Microlino alla Cecomp di Torino

Tre versioni, con prezzi da 12.500 euro

I prezzi dovrebbero essere comunicati a breve, ma la versione d’attacco dovrebbe avere un listino che parte da 12.500 euro. Questi gli allestimenti annunciati:

  •  L’ Urban Edition è la versione entry-level, con 95 km di autonomia. Sarà disponibile in due colori esterni (Santorini White e Amsterdam Orange) e in due semplici modanature interne, in tessuto nero e antracite. Tetto chiuso.
  • La Dolce Edition ha 175 km di autonomia e un tocco retrò, con dettagli cromati e la possibilità di scegliere tra 5 colori più accattivanti. Il tetto pieghevole è di serie, ma i clienti possono anche optare per un tetto coupé chiuso senza costi aggiuntivi.
  • La Competizione, con  230 km di autonomia, ha invece uno stile futuristico, con dettagli cromati, colori della carrozzeria opachi e tetto nero lucido. Tetto apribile standard (anche il tetto coupé può essere ordinato qui gratuitamente).

Microlino made in Torino– Iscriviti gratuitamente alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it –

Apri commenti

25 COMMENTI

  1. Prendi un’ isetta, modificala un po’ ed hai fatto la microlino. Niente di nuovo all’orizzonte, solo un modello vecchio riadattato per il nuovo.

  2. Bellissima. Le tre ruote motorizzate sono uno sballo! Il guaio è che in Italia è un problema sia la realizzazione che l’omologazione. A me piacerebbe una fiat 500 Topolino d’epoca, ma la 2 posti con tettuccio di stoffa apribile e farla con propulsione elettrica, la userei tutti i giorni! Nel 1959 ne girava una qui dove vivo, io avevo solo 4 anni e me la ricordo ancora come se fosse adesso.
    Non capisco perché in America vendono telai, carrozzerie (anche se in vetroresina) motori e tutta la meccanica necessaria e si può pure omologare e personalizzare la model A! In Italia viceversa, fare la stessa cosa è un problema e con costi proibitivi! Con tutti i bei progetti italiani d’epoca.

  3. Unico neo il prezzo di attacco 🤔🤔 non mi sembra così economico i km ci possono stare per uso interno cittadino, ma il prezzo assolutamente no.

  4. dopo la AMI anche questo! li dovrebbero vietare! Perché più pericolosi di una Ape 50 che però è stata progettata più di 50 anni orsono!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome